Panettone al supermercato: il migliore del Natale 2020 costa 3,69 euro

Le grazie, il panettone in vendita da Esselunga batte panettoni molto più costosi nella classifica di AltroConsumo

Panettone a 99 centesimi sullo scaffale più in vista del supermercato. Panettone in pasticceria che costa 30 volte tanto. In mezzo il diluvio. Chef, pasticcieri superstar, marchi improbabili, scatole multicolor, eCommerce con delivery, parecchie fregature.

Mica facile decidere quale panettone mettere in tavola per le feste.

AltroConsumo, la rivista dei consumatori, ha appena aggiornato la sua classifica dei migliori panettoni da comprare al supermercato in vista del Natale 2020.

Un test molto atteso che ha messo a confronto 12 panettoni con prove di laboratorio e assaggi di pasticcieri esperti.

Come si riconosce un buon panettone: gli ingredienti

Panettone ingredienti

Il disciplinare del panettone obbliga i produttori a usare certi ingredienti e non altri, in quantità stabilite e non altre. Vale a dire:

  • Zucchero;
  • Burro per almeno il 16 per cento;
  • Farina di frumento;
  • Uova di gallina di categoria “A”. Oppure non meno del 4 per cento di tuorlo;
  • Uvetta e scorze di agrumi canditi in dosi non inferiori al 20% e possibilmente in proporzioni uguali;
  • Sale;
  • Lievito naturale ottenuto da pasta acida.

Permesse le aggiunte di conservanti, emulsionanti, burro di cacao e miele. Se non rispetta queste regole il lievitato non può chiamarsi panettone.

Detto ciò, segnali di buona qualità si trovano nelle etichette, se si ha la pazienza di leggerle.

il grasso ideale è il burro, non altri. Bene le dosi generose di tuorlo d’uovo, canditi e uvetta. Il lievito dev’essere naturale, per la capacità peculiare di insaporire l’impasto.

Ingredienti a parte, esistono altre spie. La forma a fungo. La sommità con la tipica cupola sormontata dalla crosta, non bruciacchiata e di colore omogeneo. L’involucro di carta rigida, il cosiddetto pirottino.

Alla prova del taglio la pasta si deve presentare soffice, impreziosita dagli alveoli, i fori dovuti alla fermentazione. Che non devono unirsi in senso longitudinale formando così le famigerate “gallerie”, cioè dei veri buchi nell’impasto. Da evitare anche le bruciature sul fondo.

Il migliore panettone del supermercato, classifica del Natale 2020

Panettone

Nel compilare la sua classifica 2020 AltroConsumo ha considerato anche la completezza delle informazioni presenti nelle etichette. Sia quelle obbligatorie, ingredienti, denominazione, peso netto, indirizzo dello stabilimento di produzione e altre, sia quelle facoltative, giorno di produzione, metodi di consumo e conservazione, numero delle porzioni…

La prova in laboratorio è servita in particolare a verificare la presenza di muffe e microorganismi, sostanze che possono svilupparsi facilmente nei lievitati come i panettoni.

Ecco la classifica.

  • 1. Le Grazie, Esselunga, 3,69 euro;
  • 2. Fior Fiore, Coop, 8,96 euro;
  • 3. Le Tre Marie, 11,45 euro.

La qualità di questi tre panettoni è stata definita ottima da AltroConsumo.

  • 4. Panettone Milano, Vergani, 14,25 euro;
  • 5. Gran Nocciolato, Maina, 5,98 euro;
  • 6. Panettone classico G. Cova & C, 9,90 euro;
  • 7. Panettone classico, Bauli, 5,00 euro;
  • 8. Mandorlato, Balocco, 5,47;
  • 9. Extra panettone, Carrefour, 3,36 euro.
  • 10. Panettone originale, Motta, 4,27 euro.

I 7 panettoni di questa porzione della classifica sono di buona qualità per AltroConsumo.

  • 11. Panettone soffice ricetta classica, Paluani, 4,24 euro;
  • 12. Panettone Duca Moscati, Eurospin, 3,29 euro.

I panettoni che occupano le ultime posizioni della classifica sono di qualità media per AltroConsumo.

Com’è Le Grazie di Esselunga

Panettone le grazie esselunga

La classifica 2020 di AltroConsumo premia uno dei 12 panettoni acquistabili al supermercato dal prezzo più conveniente. Il lievitato natalizio che si compra nei punti vendita Esselunga costa 3,69 euro. Le Tre Marie 11,45 euro, Vergani 14,25. Dati che confermerebbero la teoria secondo cui al prezzo più alto non corrisponde per forza una qualità superiore del panettone.

Dall’indirizzo dello stabilimento si apprende chi è il produttore del lievitato venduto da Esselunga, ovvero Maina.

“Prodotto per Esselunga da Maina Panettoni nello stabilimento di Via Bra, 109
Fossano (CN)”.

Questa, infine, è la lista degli ingredienti del panettone Le Grazie di Esselunga.

Ingredienti: Uva sultanina 28%, Farina di frumento, Burro, Zucchero, Tuorlo d’uova fresche italiane da galline allevate a terra 8,8%, Lievito madre 7,8%, Sciroppo di zucchero invertito, Emulsionanti: mono e digliceridi degli acidi grassi, Latte intero fresco italiano pastorizzato, Uova fresche italiane da galline allevate a terra 0,4%, Sale, Aromi naturali.

3 Commenti

  1. “il grasso ideale è il burro”, no, il grasso OBBLIGATORIO è il burro. Altrimenti scritta così sembra che sia solo un consiglio anzichè un obbligo.

  2. Sul prezzo, sicuramente 3,69 euro non rispecchia il costo reale. Nel 2020, come ogni anno, dobbiamo ancora ripetere che molti panettoni hanno dei prezzi civetta per attirare la gente. Chiaramente ciò avviene per i panettoni Le grazie, non avviene per il Tre Marie ad esempio, e altri.

  3. Guardando nel dettaglio le varie recensioni si viene a conoscenza che i panettoni di Le Tre Marie e G.Cova sono quelli che hanno avuto il miglior voto dal panel degli esperti (4 stelle), mentre quello Esselunga si ferma a 2 stelle subito dopo quello Coop (3 stelle).
    Tenendo conto che l’analisi di laboratorio sembra dare voti quasi uguali a tutti i panettoni sul podio non capisco come facciano a dire che quello Esselunga sia “il migliore del test”.
    Al massimo può essere il miglior acquisto, in relazione al costo molto basso.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui