La Piazzetta: recensione soddisfatta dell’osteria con i piatti tipici del Cilento

L'osteria La Piazzetta, chiocciola Slow Food della Guida Osterie d'Italia, offre cucina indimenticabile e piatti con ingredienti territoriali

Tempo di lettura: 8 minuti

L’osteria La Piazzetta è a Valle dell’Angelo, sul tetto del Cilento, alle pendici del Monte Ausinito e vicino al Cervati, la vetta più alta dell’acrocoro affacciato su uno dei mari più belli d’Italia.

Montagna, insomma, con un panorama ben diverso da quello delle mappe fotografiche di chi sceglie il Cilento delle vacanze e delle spiagge.

La Piazzetta, attiva dal 1994 e ingrandita da allora, è un presidio di bontà. E non solo per la chiocciola che la contraddistingue nella Guida Slow Food. È lo Stargate di una comunità che conta poco più di 200 abitanti.

Un’oasi distante 3 lampioni da Piaggine, altro punto di riferimento per gli appassionati di gastronomia che qui possono contare sulla pasticceria agricola di Pietro Macellaro.

La bontà di Piaggine e Valle dell’Angelo

Piaggine

Dolce e salato si dipanano lungo la strada sul crinale che li collega in un percorso da provare. Buono e bello con le vasche naturali del Calore e dei torrenti che hanno scavato le marmitte dei giganti e la spettacolare “Palata”, la cascata. Incorniciata dal ponte medievale, oggi più deturpato che recuperato, che segnava il confine tra la campagna e la montagna.

L’almeno una volta nella vita è quanto mai azzeccato a queste latitudini sconosciute dalle road map più battute. E se Pietro Macellaro lo conoscete tutti, non fosse altro che si è aggiudicato il primo posto nella nostra classifica dei panettoni artigianali classici, vi potrebbe sfuggire proprio La Piazzetta.

Osteria La Piazzetta Cilento Valle dell'Angelo Angelo Coccaro
Osteria La Piazzetta Cilento Valle dell'Angelo Carmela Bruno

E sarebbe un peccato. Perché “Alì”, l’oste Angelo Coccaro e la cuoca Carmela Bruno hanno tanto da raccontarvi con i loro piatti e i loro vini. Il territorio e la spesa quotidiana nell’orto la fanno da padroni.

Rinunciate alla carta perché qui la scelta è “orale”, cambia ogni giorno. E se, giustamente, non potrete vedere i prezzi dei piatti, sappiate che 40 € a persona è la cifra che spenderete. Avrete solo il problema di alzarvi da tavola eccedendo in portate che, pur giudiziosamente alleggerite dalla mano della cuoca, hanno veste contemporanea ma molta sostanza.

Noi siamo stati relativamente leggeri perché il nostro pranzo domenicale – sia benedetta la zona gialla – aveva come conclusione un assaggio multiplo dei dolci di Pietro Macellaro. La golosità ha avuto il sopravvento su qualsiasi computo calorico. Ma se non fosse stata per l’eccellenza degli ingredienti, l’equilibrio dei piatti e la mano sicura di frolle e ganache difficilmente saremmo arrivati in fondo al percorso.

Come si mangia all’Osteria La Piazzetta

Osteria La Piazzetta Cilento capocollo

Il trittico di verdure apre il pranzo insieme al Negroni preparato da Francesco. Ecco le scarole spadellate con olio extravergine di oliva, olive leggermente disidratate accompagnate dal rombo di impasto fritto al rosmarino e briciole di pane ripassate in padella con polvere di peperone crusco. Il tortino di verze e patate è irroraro con una crema al formaggio e tartufo. Il calzoncino è quello tipico con le bietole spontanee, la cipolla di Tropea in un impasto di sola semola rimacinata.

Semplicità al comando rafforzata da capocollo, salsiccia e caciocavallo non troppo strong. Un paio di bottiglie di robusto Aglianico del Cilento, con il Primalaterra di Salvatore Magnoni in evidenza, accompagnano il pranzo.

Osteria La Piazzetta Cilento Valle dell'Angelo pasta fresca parmarieddi

Il primo piatto sono i parmarieddi, la pasta vallangiolese dell’azienda agricola Ausono che sa di buono con i broccoli, il peperone crusco e la spolverata di cacioricotta.

Osteria La Piazzetta Cilento Valle dell'Angelo maiale

Il filetto di maiale è un boccone leggero e gustoso.

Osteria La Piazzetta Cilento Valle dell'Angelo salsicce

Almeno al cospetto della fucilata della salsiccia rivestita dalla cotica e affogata nel denso sugo cilentano con le foglie di prezzemolo che un po’ alleggeriscono i sensi di colpa.

Il dolce e la colazione

panettone artigianale classico Pietro Macellaro

Siamo al passaggio del dolce, ma questa è un’altra storia che vi racconterò. Vi anticipo solo un assaggio del panettone classico che Pietro Macellaro ha sfornato in combo con le prime colombe della stagione pasquale.

All’inizio del pranzo, Alì lo ha sistemato sulla macchina del caffè per riscaldarlo. “Cottura” perfetta validata dalla strizzatina cui lo abbiamo sottoposto prima di tagliarlo. E mangiarlo (tra l’altro dopo la degustazione delle mono porzioni). Veramente incredibile.

Ma sul dolce, Carmela Bruno non difetta. Ne abbiamo avuta prova la mattina seguente a colazione. Insieme al caffè della Vesuviana, i super local ravioli ripieni di castagne sono una goduria.

Sì, perché La Piazzetta offre anche stanze di un albergo diffuso nel paese di Valle dell’Angelo. Approfittatene anche se il tempo non sarà così poco clemente – come lo è stato con noi – da sconsigliare un ritorno serale. Il vostro buongiorno sarà molto entusiasta.

voto recensioni Scatti di Gusto 3,5

Voto: 8,5/10

Osteria La Piazzetta. Piazza Canonico Iannuzzi. Valle dell’Angelo (SA). Tel. +390974942008

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui