sfincia di San Giuseppe

Sfincia di San Giuseppe, ricetta del dolce di Palermo da fare a casa

La sfincia di San Giuseppe, originaria di Palermo, veniva preparata solo il 19 marzo per l'inizio primavera. Ma ora si mangia tutto l'anno

Ricette

A Palermo, la Sfincia di San Giuseppe è un enorme bignè fritto e alveolato farcito con crema di ricotta, gocce di cioccolato, e decorato con granella di pistacchi, ciliegie e scorze d’arancia candite.

Un vero trionfo di bontà su cui affondare un morso e celebrare tutta la morbidezza di questa pastella fritta con cui si festeggia il 19 marzo.

Diffusa in tutta la Sicilia occidentale, la sfincia è segno di festa a casa mia.

La  sua origine si perde nel tempo. Ma in molti concordano che il nome deriva dall’arabo isfanǧ (spugna). La parola era utilizzata per indicare una morbida frittella dalla forma irregolare, per l’appunto spugnosa, ricoperta da miele o zucchero.

La versione che conosciamo noi è opera delle suore del Monastero delle Stimmate di San Francesco. Le suore dedicarono il dolce a San Giuseppe. Nel tempo i pasticcieri locali ne arricchirono progressivamente le caratteristiche aggiungendo ricotta, cioccolato e sostituendo la zuccata ed il miele con i canditi.

La sfincia la trovate in ogni momento dell’anno. Ed io non mi faccio scappare nessuna occasione per gustare questo Prodotto Agroalimentare Tradizionale Italiano (PAT).

La ricetta della sfincia siciliana

sfincia

Ingredienti per 8 persone

Per la pastella

250 g acqua
50 g di burro o strutto
5 g sale
250 g farina
5 uova

Per la ricotta

500 g ricotta fresca di pecora
150 g zucchero
100 g cioccolato fondente

Per guarnire

Scorze arancia
Granella di pistacchi
Ciliegia candita

Procedimento

sfincia

Preparazione della sfincia.

Fate sciogliere il burro (o lo strutto) ed il sale in un tegame con l’acqua e portate a bollore.

Incorporare la farina setacciata poco per volta, aggiungete le uova e mescolate fino a ottenere un impasto denso e liscio e che si stacchi dalle pareti.

Cuocete dei pugni d’impasto nell’olio di semi di girasole a 180°C per 10-15 minuti. Quindi cuocete a 220°C fino a ottenere una pasta croccante e dorata.

Lasciate a raffreddare e riposare per un paio d’ore.

Preparazione ricotta.

Mettete la ricotta a sgocciolare in un colapasta e riponetela in frigorifero finché non avrà perso il siero.

Quindi setacciatela, mescolatela con lo zucchero, aggiungete il cioccolato a scaglie.

Assemblaggio.

Riempite la sfincia con circa 80 grammi di ricotta. Utilizzando un cucchiaio ricoprirtela esternamente con ricotta. Infine, decorate con ciliegie candite, scorze d’arancia candita e pistacchi.




Di Adele Pupella

Sono nata a Palermo e per lavoro viaggio per il mondo. Amo scoprire le tradizioni culinarie delle terre che mi ospitano e condividere esperienze di buon cibo, viaggi e tradizioni. Cucinare è un’altra mia grande passione. Racconto delle cose che mangio e le emozioni che mi regalano.