Madrid mappa Pan con tomate e avocado toast

Madrid in 10 imperdibili indirizzi dalla colazione alla cena

La mappa di Scatti di Gusto per trascorrere un lungo soggiorno a Madrid con gli indirizzi dei locali per mangiare senza spendere una fortuna

Locali

Madrid è una città di riferimento per quanti desiderano una vita anche gastronomicamente normale. Durante il lockdown di questo aprile appena trascorso, mentre noi combattevamo con le zone rosse, tutto era aperto e tutti erano liberi.

A Madrid c’erano mascherine, igiene e coprifuoco rigido, polizia per le strade, ma ristoranti, bar, cinema, teatri e attività spalancate.

Ho soggiornato in città per dieci giorni e ho stilato per voi la mappa gastronomica delle voglie da soddisfare nei locali che ho maggiormente apprezzato.

A. Voglia di una ricca colazione a Madrid: Adorado Bar

Madrid Adorado Bar avocado toast

L’offerta per il primo pasto della giornata è infinita. Che sia salato, dolce, etnico, locale, tradizionale o innovativo, a Madrid ce n’è per tutti i gusti. Ci si può buttare sul classicissimo e italianissimo cornetto con cappuccino. Si può preferire un café con leche o ripiegare su un pezzo di tortilla di patate. Ci si può ingozzare di dolci in una qualsiasi delle deliziose pasticcerie presenti o preferire un bel panino con abbondante jamon.

Quello che posso consigliarvi è un posto in cui potrete trovare tutto questo e molto di più. Si tratta di un peculiare bar di nome Adorado, situato nel bellissimo quartiere di Lavapies, a sud-est rispetto al centro. Lavapies è il fulcro multietnico della capitale. Qui sono presenti non solo decine di ristoranti e locali di diverse nazionalità, ma anche importanti centri culturali, come La Casa Encendida e La Tabacalera.

Madrid Adorado Bar french toast

L’Adorado Bar è il tipico posto madrileno in cui fermarsi a prendere un caffè, fare un brunch, pranzare, fare merenda. E restare tutto il tempo che si vuole. Il loro menu, consultabile sia sul sito internet che sulla pagina Instagram, è ampissimo e va incontro ad ogni esigenza. Io ho trascorso quasi tutte le mattine a fare colazione qui e ho potuto provare più piatti, tutti eccellenti (spendendo 1,80 € per un croissant salato e 3,50 € per un toast).

Madrid Adorado Bar pan con tomate e croissant salato

Ma ciò che mi ha più conquistato è stato il loro speciale pan con tomate. È un classico nelle colazioni spagnole. Si tratta di semplicissimo pane tostato, a scelta tra bianco e multi cereale, che accompagna una ciotolina di pomodoro fresco triturato (per l’esattezza, grattugiato), una sorta di nostra bruschetta, dell’olio, del pepe e del sale Maldon.

Potrà sembrare strano mangiare del pane col pomodoro a colazione, ma vi assicuro che non c’è nulla di meglio. E soprattutto vi farà sentire dei veri locals.

1.Adorado Bar. Calle de Mesón de Paredes, 22. Madrid

B. Voglia di tapas a Madrid: Bodega de la Ardosa

Madrid Bodega de la Ardosa

Ci spostiamo in un altro quartiere molto vivace, il quartiere di Malasaña e per essere davvero precisi al confine tra Malasaña e Chueca. In questa zona, sia per pranzo che per cena, si possono trovare tantissime proposte culinarie. Il mio consiglio è quello di girovagare senza meta. Ma se volete andare sul sicuro, la zona intorno a Corredera Baja de San Pablo non vi lascerà a stomaco vuoto.

jamon iberico
chorizo

Mi sento di consigliare un posto famosissimo, la Bodega de la Ardosa. È annoverata tra le taverne centenarie di Madrid insieme ad una manciata di poche altre. Tra battiscopa di azulejos, insegna in vetro inciso, ventilatori e pezzi di arredo in legno originali, la Bodega è il luogo perfetto se preferite mangiare tante piccole cose senza perdere tempo. Innanzitutto lo spazio sembra ridotto, ma c’è un trucco. Si passa al di sotto del bancone per accedere ad una sala interna con molti più posti rispetto “all’anticamera”.

Il personale è delizioso, gentile nonostante la popolarità del posto. Di fronte all’entrate, proprio alle spalle del bancone, trovate un’infinità di bottiglie. E avete a disposizione le lavagnette scritte a mano con le proposte del giorno, oltre che il menu fisso.

Madrid Bodega de la Ardosa crocchetta di carabineros

Io vi consiglio i loro classici. Tortilla di patate dal cuore morbido, come dovrebbe essere, jamon iberico, chorizo, alici del Cantabrico e ogni tipo di crocchetta che propongono, da quella classica con il prosciutto a quella col baccalà. Una nota di merito in particolare alle croquetas con carabineros (1,75 €). No, non parliamo certamente delle nostre forze dell’ordine, ma di gamberi, specificatamente gamberi rossi atlantici. Da leccarsi i baffi.

Madrid Ochentagrados Malasana Salmorejo tartare vermut

Se poi siete in cerca di qualcosa di più elegante, sempre parlando di tapas ma in versione moderna, vi consiglio Ochentagrados Malasaña. Si mangia benissimo e si spende poco. Vi suggerisco il salmorejo, la tartare di salmone, ovviamente le loro crocchette, l’uovo al tartufo, la lasagna con l’anatra e le patatas bravas. Il tutto chiaramente in porzione tapas (in 3 abbiamo speso 61 €).

Ah! E non dimenticate di chiedere, in entrambi i locali, un bicchiere di vermut!

Madrid Bodega de la Ardosa

2. Bodega de la Ardosa. Calle de Colón, 13. Madrid

3. Ochentagrados Malasaña. Calle Manuela Malasaña, 10. Madrid

C. Voglia di tradizione a merenda: Chocolatéria San Gines

Madrid Chocolateria San Gines cioccolata churros

Anche in questo caso parliamo di un locale storico di Madrid, nato nel 1894. Si tratta di un caposaldo della capitale, di una tappa imprescindibile. Come dire andare a Napoli e non passare per i Quartieri Spagnoli per farsi una pizza o una frittatina di pasta. O fare un salto a Roma e non ordinare una carbonara.

Cosa stiamo citando se non i meravigliosi churros con chocolate della Chocolatería de San Ginés? Non starò qui a raccontare la storia del locale, che potete facilmente leggere sul loro sito. Basti sapere che la sua fama iniziò quando i nobili che andavano a teatro e uscivano affamati dagli spettacoli presero l’abitudine di consumare qualcosa di dolce. Qualcosa che diventò talmente buono e popolare da permettere al marchio originario di espandersi, al giorno d’oggi, fino a Tokyo, Shangai e Bogotà.

I miei consigli. Io non ho trovato fila (premessa necessaria fatta al principio, venivo da una zona rossa in Italia e pochi turisti nella capitale), ma solitamente c’è molta gente. Fate prima lo scontrino alla cassa, uscite, mettetevi in fila nella stradina e aspettate che i camerieri vi chiamino. Poi, finalmente, aspettate i vostri churros con cioccolata calda.

Un altro suggerimento: se avete fame (e ovviamente siete in due) prendete due porzioni. Se fate merenda e volete solo assaggiare, prendetene una. Noi abbiamo fatto “l’errore” di ordinare due porzioni e ci sono arrivati qualcosa come dodici o tredici churros.

La qualità però non si discute: fragranti, per nulla unti, caldi e deliziosi. La cioccolata incredibile: si sente il vero cacao, cremoso, avvolgente, irresistibile.

Madrid La Campana panino calamari fritti

Se però, per caso, invece del dolce vi prende un languorino salato, dirigetevi verso Plaza Mayor. E fermatevi o a La Campana o al Bar La Ideal. Entrambi servono il famoso panino con i calamari fritti che, a detta di qualcuno, è il piatto più rappresentativo della città di Madrid. Nonché il re dello street food madrileno.

Madrid Chocolatería San Gines

4. Chocolatería San Gines. Pasadizo de San Ginés, 5. Madrid

5. La Campana. Calle Botoneras, 6. Madrid

6. Bar La Ideal. c/ Botoneras, 4. Madrid

D. Voglia di mimetizzarsi tra la gente del posto: Los Caracoles

Madrid Los Caracoles le lumache

Questo posto potrebbe far storcere il naso a qualcuno, non solo per ciò che serve ma anche per com’è fatto. Los Caracoles è un tapas bar. E fin qui, tutto bene. Un tapas bar che sembra fermo esattamente agli anni ’70 o ’80. Uno di quelli dove entri e ti chiedi dove sono i signori anziani che giocano a carte con una Peroni sotto al naso. È un posto speciale però perché qui servono una prelibatezza apprezzata non da tutti: le lumache.

servizio lumache

Vengono tenute al caldo sul bancone in una pentola di latta, proprio come si faceva una volta. E vengono aromatizzate da vari odori e dal grasso sciolto del chorizo. Inutile dire che sono divine. Inoltre, servono vari tipi di boquerones, ovvero di paninetti, ripieni un po’ di quello che si vuole.

Madrid Los Caracoles panino e chorizo fritto

Provate quello con il chorizo fritto e non ve ne pentirete. Accompagnatelo con un vermut o una birra e fatevi servire qualche sottaceto, che non manca mai sulle tavole madrilene.

E non vi sentite a disagio se sarete gli unici “intrusi” stranieri in tutto il locale. È questo il bello.

Ps: i gestori chiaramente non parlano una parola di inglese o di italiano, ma non vi lasciate scoraggiare. Quando si ha fame, la lingua diventa universale.

7. Los Caracoles. Calle Toledo, 106. Madrid

E. Voglia di qualcosa di diverso a Madrid: Yatai Market

Madrid Yatai Market

Se restate a Madrid per più di un weekend, come nel mio caso, potrebbe venirvi voglia di qualcosa di diverso. Che non sia sempre la classica tortilla, il classico jamon, le tapas e così via (non nomino la paella perché Madrid non è posto da paella!).

Ovviamente la capitale soddisfa qualsiasi esigenza.

Fortuna ha voluto che proprio alle spalle del mio appartamento ci fosse Yatai Market. È una specie di universo parallelo, coloratissimo e quasi psichedelico. Un “mercato” coperto in stile orientale, un corridoio al chiuso in cui si susseguono nove baracchini dalle proposte più disparate, sempre e solo orientali. Si passa dal coreano al giapponese, dal vietnamita al thailandese. È un posto molto divertente e anche economico. E permette a chi è curioso di sperimentare e di provare un po’ di questo e un po’ di quello. Il ramen ad esempio non era niente male. Ma potete trovare di tutto, dai gyoza al pad thai, dagli udon al sushi (in due abbiamo speso 28 €)

Madrid Mawey Taco Bar

Di tutt’altra specie il mio secondo suggerimento in termini di cucina alternativa. Passiamo al Mawey Taco Bar – Olis. Come recita il nome stesso, si tratta di un locale che serve quasi esclusivamente tacos. Provate il taco di cochinita pibil e poi mi farete sapere (in due abbiamo speso 64 €).

Madrid Bar Ganzo hummus e falafel

Terzo e ultima tappa per un pranzo o una cena diverse è BarGanzo. Il locale propone cucina kosher, israeliana. Lo spazio non è grande, ma il personale è gentilissimo e si mangia divinamente. Consiglio i falafel e assolutamente il loro hummus con shakshuka. Volerete dritti in paradiso (in due, 27 €).

8. Yatai Market. Calle del Dr Cortezo, 10. Madrid

9. Mawey Taco Bar – Olid. Calle de Olid, 6. Madrid

10. Barganzo. Calle de Colmenares, 13. Madrid

E ora non vi resta che provare e avventurarvi por las calles de Madrid!

[Immagini: Deborah D’Addetta e Francesco Sammarco]