Elite Cucina di Mare Roseto degli Abruzzi spaghetti affumicati cacio pepe polpa di ricci

Elite Cucina di Mare: ottima qualità e prezzi a Roseto degli Abruzzi

Sette antipasti crudi, gli spaghetti cacio e 3 pepi con ricci e due secondi per Elite Cucina di Mare che si fa ricordare anche per il conto

Ristoranti

Elite Cucina di Mare è un ristorante ritagliato all’interno di una gradevole struttura ricettiva, un boutique hotel come dicono gli anglofoni.

A Roseto degli Abruzzi vige in prevalenza la regola “marina” ma le divagazioni ci sono, e sono di qualità.

Per chi volesse soddisfare poi la curiosità lungo l’intera costa teramana, si ricorderà dei migliori locali che vi abbiamo consigliato non molto tempo fa. Di pesce.  

Alessandro e Remo sono giovani amici e soci che scommettono in una struttura, aperta “solo” nel 2020. E sappiamo cosa vuol dire.

hotel a Roseto degli Abruzzi

Oltre alla possibilità di soggiornare con ottima colazione inclusa, merita una sosta con relativa degustazione di pesce, il ristorante al piano terra.

Una quarantina di coperti per poter offrire il meglio, trasferiti all’esterno nel periodo estivo.

Remo Di Pietro in cucina, con diverse esperienze alle spalle, le ultime in Trentino. 

Ma l’amore per la propria terra, Bellante per la precisione (dov’è cresciuto Davide Di Fabio), difficilmente si dissolve…

In attesa di poter degustare l’imminente menu autunnale, vi raccontiamo i piatti che abbiamo assaggiato. Abbiamo attinto dalla carta, accompagnati da un ottimo champagne scelto da una lista dei vini intrigante.

Sono disponibili, in alternativa, menu degustazione.

I 7 antipasti crudi di Elite Cucina di Mare

riccio di mare

Oltre ad un’ampia scelta di crudi, proposti con 5, 6 o 7 portate, tra gli antipasti è disponibile un percorso di freddi e caldi che proveremo la prossima volta.

Il servizio, anch’esso con un’età mediamente giovane, è già pronto e attento.

Proviamo a percorrere la strada di sette antipasti crudi da Elite Cucina di Mare.

Apriamo con un riccio al cui interno troviamo, oltre al frutto di mare, del sedano rapa, caffè ed una cialda croccante di patate. Ingredienti ben amalgamati e con una presentazione interessante.

Elite Cucina di Mare Roseto degli Abruzzi tartare di astice
tartare di tonno

Aspetto replicato nella tartare di astice, burro all’astice e perle di wasabi e nella tartare di tonno, burrata e gelatina di peperone, con ciuffo di peperone cristallizzato in superficie. Tutto esaltante.

carpaccio di capasanta

E ancora, il carpaccio di capasanta Saint-Jacques, polvere di tarallo alla rapa rossa e timo, e mais disidratato.

Elite Cucina di Mare Roseto degli Abruzzi crema di patate e scampo

I sapori divengono via via più complessi nella crema di patate e miso, scampo crudo, jus di manzo e tartufo nero scorzone, un piatto equilibrato nonostante vi siano influenze di mare e terra.

Elite Cucina di Mare Roseto degli Abruzzi crudo di ricciola
gambero rosso di Mazara

Gradevole il crudo di ricciola con pure al lime e polvere di spinaci e per chiudere questo giro di crudi, il gambero rosso di Mazara, con aceto di riso integrale, stracciatella e fiore di borragine, con una spinta davvero notevole. Umami?  

Le preparazioni pur contemplando abbinamenti all’apparenza arditi, seguono una loro logica, frutto di idee chiare, precise e puntuali. Quelle del giovane Remo Di Pietro.  

La pasta

Elite Cucina di Mare Roseto degli Abruzzi spaghetti affumicati

Ulteriore dimostrazione, la si può avere con il primo che abbiamo scelto. Lo spaghetto affumicati Verrigni, cacio e 3 pepi e polpa di ricci. Difficile dimenticarlo, per me poi che adoro la polpa di ricci. Il mare.

È tutto ben incastonato, persino la cialda croccante di pecorino in superficie. Un piatto per palati forti, fidatevi.

I piatti di pesce di Elite Cucina di Mare

rombo

I secondi sono uno l’opposto dell’altro.

È il caso del rombo in olio cottura, melanzana arrosto, lardo di patanegra e chips di patata viola. Delicato, gustoso e leggero.

Elite Cucina di Mare Roseto degli Abruzzi baccalà

In netta contrapposizione il baccalà cotto a bassa temperatura in crosta di ventricina teramana, su fondente di patate e polvere di olive nere. Oltre a una cottura ben fatta ed equilibrata in termini di sapidità, gioca duro la ventricina, con quel tocco di piccantezza che non guasta.

Differisce in questo caso da quella del vastese per diversi aspetti, quello più evidente riguarda l’utilizzo del grasso, dove, nel vastese non supera il 30%. Quella teramana prevede varie forme, sino ad essere spesso utilizzata da spalmare. 

Palati forti a Elite Cucina di Mare atto secondo.

Vino e dessert

champagne

Se la struttura crescente dei piatti è stata sinora il nostro leitmotive, non poteva di certo mancare un vino altrettanto strutturato. Parliamo di uno champagne Extra Brut Grand Cru “Shaman 17” della Marguet. Tra le realtà più importanti della zona di Ambonnay e della Montagna di Reims e più vicine alla viticoltura naturale, oggi guidata da Benoit Marguet. Uvaggio 69% pinot noir e 31% chardonnay, tirage luglio 2018, dégorgement gennaio 2021. Dosaggio 0 g/L per una bolla la cui spiccata acidità è il preludio per una pulizia, freschezza e persistenza memorabili. Sta bene?

Noi intanto l’abbiamo terminata, cavalcando l’onda dei due dessert di Elite Cucina di Mare anche in questo caso opposti.

Elite Cucina di Mare Roseto degli Abruzzi limone
Elite Cucina di Mare Roseto degli Abruzzi Semifreddo

Dapprima il Limone d’Elite con ripieno di gelato, dalla bella freschezza ed acidità, e poi, il semifreddo ananas e fragole, spuma di crema di litchi, mirtillo disidratato, crunch di passion fruit e meringa.

Non c’è che dire, a questi ragazzi piace giocare duro e a voi non resta altro che scegliere i vostri piatti preferiti da un menu che possiamo definire ricco, interessante e dal giusto prezzo (mediamente tra i 50 e i 60 €).  

Fate voi.

Elite Cucina di Mare. Viale Makarska, 50. Roseto degli Abruzzi (TE). Tel. +39 0852934554




Di Andrea Mucci

Di giorno bancario, di sera un curioso scopritore dei luoghi fatti di cibo e vino, con le loro infinite storie da raccontare. Natio della terra d’Abruzzo, dove occhi e pancia vogliono sempre la loro parte