Anni fa Niko Romito, mi segnalò questo ristorantino in mezzo al nulla, mi disse: “Alessà, c’è un ragazzino che a San Salvo è veramente bravo, vagli a dare un’occhiata”. La curiosità fu subito forte e presa la macchina mi spinsi ai confini tra Abruzzo e Molise per scoprire il Metrò. Mi ritrovai in mezzo al nulla, lungo una via di palazzoni anonimi, davanti ad una piccola pasticceria che celava un piccolo ristorante semplice e apparentemente alla buona. Lo gestivano due giovanissimi: i fratelli Fossaceca, Antonio in sala e il giovanissimo Nicola in cucina.

nicola-fossaceca-metro-ristorante-san-salvo-01

Da allora è passato qualche anno e parecchia acqua è scorsa sotto quei ponti: Nicola è cresciuto, si è imposto con una cucina di mare semplice  e piacevolmente creativa, ma caratterizzata da una forte impronta locale. Solo pesce del pescoso Adriatico vicino, ma interpretato con coraggio e passione contagiosi. Le esperienze da Romito, Uliassi e Genovese hanno fatto il resto, al punto da imporre questa tavola e il suo giovane chef alla ribalta nazionale. Per questo e mille altri motivi, in una calda serata di Giugno mi sono seduto nuovamente con curiosità a San Salvo.

nicola-fossaceca-metro-ristorante-02

Il progresso è apparso subito tangibile: la pasticceria paterna resiste, con la sua vetrina di paste e dolci entusiasmanti. Ma intorno a questo si è sviluppato un ristorante moderno e curato, malgrado l’improbabile panorama: una strada, case a destra e sinistra. Fuori, una terrazza anonima e pettinata; dentro, stigliature alla moda, lini, cristalli e una carta dei vini interessante e personale con molta attenzione ai vini naturali e non banali. Ma quello che veramente fa la differenza è la cucina di Nicola!

Tanto è schivo e timido l’artefice, quanto è golosa, immediata ed insieme pensata la sua cucina. Pochi piatti, tutti di mare, dai nomi semplici e dai sapori immediati, che nascondono tanta ricerca e attenzione per la materia prima e per le tecniche. Il giovane Fossaceca, malgrado la carta d’identità, ha acquisito sicurezza e agilità tra i fornelli. Lui è silenzioso e timido, ma la sua cucina è centrata ed immediata, fatta di matrimoni coraggiosi fra pochi sapori netti e cristallini. Antonio parla poco, ma per lui parla benissimo la sua cucina, ancora acerba ma sicura e rispettosa delle tante promesse mantenute. L’insegnamento di Niko e Mauro è netto: sapori definiti, apparente semplicità, una adesione totale e sicura alla straordinaria materia prima che il mare amico dispensa. Mi colpisce, ancora una volta, il gesto culinario misurato e sicuro e la progressione che in questi anni lo ha spinto sempre più in avanti… tanta strada fatta, ma altrettanta si intravede in prospettiva.

nicola-fossaceca-metro-ristorante-piatti-02

Tortino di patate e alici affumicate: un benvenuto di vaglia. Un piatto fresco ed estivo che si nutre di contrappunti, come tutta la cucina del Metrò.

Insalata di mare in acqua di pomodori, sedano e farro scoppiato: delizioso. Un rincorrersi di sapori che si sovrappongono in un gioco piacevole e che non si accavalla mai. L’abbraccio suadente del pesce crudo e la sferzata verde del sedano, si armonizzano nella piacevole nota tostata del farro scoppiato

Scapece espressa di triglia: oramai un classico nella cucina di Nicola. Portata deliziosa, con una nota di aceto piacevolmente intensa e gaglioffa, sopra la magistrale frittura della triglia.

Seppie e Piselli: la cucina di mare dell’Adriatico, riletta in chiave moderna e contemporanea. La vellutata di piselli veste adeguatamente una seppia fresca e croccante.

Cicoria e Cicale: avevo già mangiato questo piatto, ma nella versione attuale è completamente un altro. Convincente e goloso sono le due prime cose che mi vengono in mente: l’amaro delle cicorie selvatiche sposa benissimo la dolcezza della cicala e ne enfatizza il profumo iodato che pervade tutto il piatto.

Baccalà, panecotto, olive e basilico: l’influenza del Reale è nettissima in questo piatto. La cottura leggera e deliziosa del cubo di baccalà si lega al vellutato del pancotto. Nel complesso un piatto formalmente ineccepibile anche se fin troppo morbido e rotondo.

Spaghetto aglio olio e peperoncino e frutti di mare: Nicola si è fatto grande e con questo primo si prende tutti i rischi possibili. Un primo coraggioso e goloso, che si nutre di contrappunti. Una sferzata di sapori che nel boccone si compongono superbamente nel piccante e amaro millimetrico del peperone crusco e nella grassezza dei frutti di mare. Sapori intensi e conclusivi, non posso fare  a meno di chiedermi come ne uscirà?

Ravioli di ricotta con brodetto di crostacei: la sola uscita possibile. Un piatto dove vince una struggente dolcezza: il latte nella ricotta si lega perfettamente nel succoso brodetto di crostacei, grazie anche all’intuizione della cannella: il ragazzo pensa con sicurezza anche alla dialettica del menù e gioca con le nostre papille!

Ricciola con verdure stufate: così, tanto per farci capire appieno di cosa stiamo parlando. Un pesce della dimensione e fragranza incredibili, semplicemente scottato al millimetro, con verdure e qualche porcino di vaglia dal vicino Molise ad accompagnarlo. Un piatto solido e cartesiano che forse non ti aspetteresti.

Albicocca, gelato al latte di capra e biscotto al cioccolato: sui dolci si fa sul serio, come vuole la tradizione familiare. Una portata suadente fatta di semplicità e sapori netti, apparentemente di niente, ma in verità c’è tutto: dal gelato meraviglioso, a un tecnicissimo biscotto croccante, per finire nella semplicità della frutta.

Una maratona, di emozioni e sapori, che ci lascia esausti ma felici dalle molte emozioni ricevute, tanto da non fare onore alla strepitosa piccola pasticceria conclusiva, su cui spicca una tortina di crema magistrale.

Dalla bella carta dei vini ci fanno compagnia adeguatamente un buonissimo trebbiano cantine Santobono, sorprendente nei profumi integri e tipici (e sorprendermi sui vini abruzzesi non è cosa semplice) e uno squisito e raro Bourgogne Aligotè 04 di Morey. Solo due suggestioni da una carta veramente composita e curiosa.

Due i menù degustazione: uno a 40 euro e il secondo di otto portate a 60 euro, prezzi che a noi cittadini ci fanno pensare…

Ristorante Al Metrò. Via Ferdinando Magellano, 36 66050 San Salvo (Chieti). Telefono +39 0873.803428 www.ristorantealmetro.it

Foto: Francesco Arena

6 Commenti

  1. La scorsa estate ho mangiato al Metro’ di San Salvo per la prima volta. Le impressioni furono abbastanza simili alle tue. Il menu rispecchiava in pieno il carattere timido ed ancora un poco insicuro dello chef. Accanto a piatti coraggiosi e ben riusciti (insalata di mare, scapece espressa e cicorie e cicale su tutti) arrivarono anche delle semplici reinterpretazioni del terrirorio (spaghetto alle vongole e brodetto sfilettato) che non mi convinsero in pieno. Per carità, buone preparazioni, ma non in linea con il resto del menu. Come se lo chef non avesse ancora la voglia di rischiare a pieno e volesse in certi casi giocare sul sicuro. Dal tuo racconto mi sembra la storia sia cambiata, che sia stata presa decisamente la strada che piu’ si confà alle idee culinarie di Nicola. Lungi da me con questo aprire un dibattito su brodetto si, brodetto no. Lo dico subito io sono per brodetto si!!! Bene Ale, mi fa piacere leggere il tuo racconto e quindi in luglio ti costringero’ a rimetterti in macchina direzione San Salvo…
    Qualche sacrificio si deve pur fare per i buoni amici…
    A presto
    nic

  2. Bravo Nicola, bravissimo. E ha anche doti inaspettate per quel calibro: simpatia, umiltà e tanto tanto calore umano. Veniamo presto a trovarti!!!

  3. A mio avviso la prossima stella Michelin d’Abruzzo.Nicola te lo auguro vivamente.Il mio fornitore di olio è rimasto folgorato dalle Cicale e Cicoria,i tuoi dolcetti in ufficio sono durati una manciata di secondi.A presto .

  4. Alla fine ci siam tornati, non proprio in luglio, ma in settembre.
    Che buoni gli spaghetti ai frutti di mare col peperone crusco di sabato scorso, solidi, gagliardi, gentili e attuali.
    Bravo chef!
    Grazie e a presto
    Nicola

  5. Dopo aver provato i piatti di Nicola rimani lì a pensare e quando ci ripensi continui a spupirti. Cicale e cicoria? Un piatto in cui parlano la materia prima, lo studio e il talento dello chef.
    Il tiramisù con mascarpone liquido, gelato al caffelatte e la base di pane sono stati un tuffo nel passato: il ricordo della zuppa che mi preparava la nonna per la colazione! Stella subito. 🙂

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui