Il latte blu è di Candia, ma la colpa è del frigo

Tempo di lettura: 1 minuto

L’estate in technicolor della mozzarella e del latte non conosce battute di arresto. Nessun allarmismo, ma qualche dubbio nasce e non trova conforto. Dopo la mozzarella blu, era stata la volta del latte blu, anzi celeste (con l’intervallo della ricotta rossa).

latte-bianco-blu

Oggi il Tirreno pubblica l’esito delle analisi effettuate dall’Istituto di Zooprofilassi di Pisa sui campioni di latte che erano rimasti nel frigorifero dei due coniugi di Piombino. La causa della colorazione è lo stesso batterio, lo pseudonomas, che ha provocato il blu delle mozzarelle. La bottiglia incriminata è della marca Candia.

Ma se la causa è nel batterio che quindi certifica la contaminazione, non è sicuro dove e soprattutto come questa sia avvenuta, sottolinea il quotidiano toscano. Infatti, l’altra bottiglia di latte che i coniugi piombinesi hanno portato all’Ufficio di Igiene dell’Asl era sigillato e alle analisi ha dato risultato negativo. L’ipotesi di una contaminazione del latte in fase di lavorazione o confezionamento negli stabilimenti della Candia diventa ogni giorno che passa (la segnalazione di Piombino è di lunedì 2 agosto su un latte a lunga conservazione aperto qualche giorno prima) sempre più flebile. Infatti, non sono noti altri casi di latte blu e a meno di non voler considerare l’ipotesi che tutto quel lotto di produzione sia rimasto invenduto, stoccato nelle case dei consumatori o ritirato in segreto dall’azienda occorrerebbe assicurarsi che la catena del freddo sia stata rispettata. E in questo caso la catena del freddo è molto corta: riguarda il frigorifero del consumatore. O no?

4 Commenti

  1. beh…no…nel senso la catena del freddo potrebbe non essere stata rispettata anche dal rivenditore.
    resta il fatto che sto pseudomonas, battere comune, ma non così tanto, quest’anno ha deciso di rubare le copertine a belen!

  2. guarda che è anche possibile..illudersi che nel caricare i banchi , anche frigo, i supermercati o discount che siano rispettino tutta la catena del freddo è utopico…e te lo dico perchè ci lavoro, non per altro….

  3. “latte candia” latte maxi formato1,5l parzialmente scrematoa conservazione ambiente comprato ieri scadenza 26/11/10 stamattina puzzava di acido, tolto dal frigo ancora integro, mentre scrivo, il atte continua a colare dall’apertura del tappo in un modo filamentoso sembra cingomma, io il latte lo bevevo sempre fino che un giono quando ero soldato, nel purè lo mangiai acido, da quel giono io non lo sopporto più…. buon appetito!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui