Tre giorni di festa per il cibo alla Scorticata 2011

In una Torriana autunnale si comincia la Scorticata 2011, sotto un cielo che non promette nulla di buono. Piove a catinelle, i banchi lungo la via di Torriana davanti all’Osteria del Povero Diavolo sono deserti, vinti dalla pioggia. I primi partecipanti iniziano a tirare fuori il naso, sfidando le intemperie.

Non ci si lascia abbattere, i cuochi hanno cominciato dalla mattina. Corrado Assenza ha sfornato le sue stupefacenti cassate, Pino Cuttaia ha cucinato tutta la giornata. Fausto Fratti non rinuncia al suo ruolo di ospite e apre le porte del Povero Diavolo in assetto “Scorticata”.

Tutti all’interno affastellati sui tavolacci di legno una allegra calca che fa tanto fiera di paese. La ricetta è sempre quella, tra festa dell’Unità e sagra… La differenza non da poco è che agli stand ci sono grandi chef ed artigiani di vaglia.

La nutrita brigata di Scatti dopo i saluti di rito, con gli amici, e un rapido giro per gli stand semideserti, tra salami, bollicine e alici ci sacrifichiamo a provare i piatti proposti.

La minestra di aragosta di Pino Cuttaia è un sogno, intensa e gagliarda. La bisquit è generosa, la pasta gagliarda e lo sprint birichino della mandorla completano l’opera. Sa di cose buone e di casa. Per 10€ il miglior rapporto qualità prezzo della mia vita.

Il cannolo di melanzane, sempre di Pino, sa di antico e di servizio buono, di piatti domenicale e vestito delle feste. Una super pasta alla norma in forma diversa, cremosa e seducente retta dal croccante della pasta. Un gran piatto!

Si continua indomiti, con i piatti del Piastrino. Reggere la competizione sarebbe difficile per chiunque. Riccardo Agostini non ci prova neanche, con due piatti buoni ma molto convenzionali. Le zucchine ripiene di acciughe, sono una portata salutare, che offre refrigerio.

Le crocchette di faraona, cremoso di fagioli sono toste e gagliarde, molto piacevoli e in fondo classiche.

Dulcis in fundo, dicevano gli antichi, e quanta ragione avevano. Corrado Assenza da Noto, ha cucinato tutto il giorno le sue fantastiche cassate. Il profumo di zagara e la cremosità della ricotta mi riempiono il naso ed il cuore. Che meraviglia, poesia da mangiare…

E stasera la festa continua secondo Programma della Scorticata La collina dei Piaceri 2011! Con la presenza di Enrico Crippa, Davide Scabin e, ovvio, Pier Giorgio Parini.

Foto: Andrea Sponzilli, Scatti di Gusto



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.