Per antonomasia, il Gambero è un animale che va all’indietro. Ci sono Gamberi, invece, che vanno in avanti e corrono anche troppo. Capita quindi stamattina di entrare alla Feltrinelli e di trovare una bella pila di Guide di Roma 2012 del Gambero Rosso, nonostante la presentazione della stessa si stata strombazzata per lunedì prossimo, con relative previsioni, vaticinii e ansie da prestazione…

Dato che Scatti è sul pezzo, il sottoscritto devolve 10 euri alla causa e vi anticipa un po’ di cose (per il resto e per la curiosità, devolveteli anche voi).
Stabili trionfatori rimangono il tedesco romanista più alto di Roma con 94 (alto di voti e alto di Monte Mario) e l’altro collinare Tassa (90), entrambi unici triforchettati.

Tra le due forchette, scende, secondo previsioni di Mr. Vincenzo Pagano, il Pagliaccio a 89, affiancandosi alla Trota, stabile.

Un bell’87 si prendono il Convivio Troiani (+ 3 sull’anno scorso), l’Open Colonna (stabile) e La Torre di Viterbo (+ 2).

Negli 85, grande zompo in su per la Posta Vecchia di Ladispoli (+ 4! Con estatici commenti), + 1 per la Parolina e + 2 per Pascucci al Porticciolo di Anzio Fiumicino.

Coccolato anzichenò, l’elogiato Settembrini con un + 2 arriva a 84 allineandosi all’Angolo d’Abruzzo, all’Acquolina del bravo Terrinoni (+ 3) e alla new entry Glowig il quale evidentemente non ha scontato minimamente l’entrata in corso d’anno e l’avvio travagliato.

Certo fa abbastanza effetto trovare piantati a 83 l’Acqua Pazza di Ponza (+ 1), il bel Granchio di Terracina (+ 1), il Sanlorenzo (+ 3!), il nuovo Metamorfosi e soprattutto due realtà onestamente lontane come il Ceppo (+ 1, sempiterno a questo punto anche nell’ascesa) e Glass (+ 2 ma con una fatica ascensionale che manco il povero Bonatti sul K2!).

Altre note salienti, a mio modesto avviso, sono l’82 dell’Antica Pesa (+ 2, pare che la scheda l’abbia fatta Tom Cruise), un 81 condiviso, tra gli altri, da All’Oro (+ 1), Os Club (new entry), il Focarile (stabile, altro sempiterno) e il Funghetto di Latina (stabile).

Manca qualcuno fin qui? Beh, si, quelli che sono da 80 in giù, in primis Arcangelo Dandini, inchiodato a 80 come in un quadro del suo amato Caravaggio (chissà quale pene deve espiare?), il Salotto Culinario di Adriano Baldassare (80) e la clamorosa Vecchia Pineta di Ostia, che spunta un 80 (+ 3) emergendo dal boom dell’Italia anni ’60.

Citiamo poi, a casaccio e per nome e storia, Agata e Romeo, Orestorante e Giuda Ballerino! (79), l’Antico Arco a 78, l’Incannucciata a 77 con Dino De Bellis (+ 2).

Menzione per i premi alle tre bottiglie di Roscioli, Casa Bleve e Del Gatto e, permettetemi, per una mia passione, alla minestra di broccoli e arzilla di Armando al Pantheon (però, nei piatti della cucina romana, la migliore coda alla vaccinara è all’Antica Pesa… credo che sono giudizi da testare di persona!).

Morale della favola: Scatti di Gusto – oggi più che mai sul pezzo – non ha mancato molto le sue previsioni, e alcuni giudizi appaiono francamente di difficile spiegazione per il mondo dei mangioni romani. Sicuramente un confronto con le altre guide, Michelin su tutte, fa emergere disallineamenti assai curiosi, ma si sa, qui è semplice, basta andare, mangiare, e farsi una propria idea…

Infine, la chicca dell’uscita in libreria prima della presentazione ufficiale alla stampa: forse la cosa più incomprensibile di tutte…
Buona lettura!

44 Commenti

  1. Bel colpo Alberto, quindi lunedì andiamo? O lasciamo perdere… 😀
    Giochi a parte sono felicissimo per Claudio “blecchescieffe” Gargioli e la sua pasta e broccoli che mi ha ritemprato in tante invernate romane… Aspetto i tre gamberi 😉
    Ovviamente per l’angolo d’Abruzzo. Anche per la fiducia a Gowling…
    Stupisce la sempiterna “zona dandini”, una trentina di ristoranti sopra ad Arcangelo mi sembra veramente troppo… Certo che funghetto e il focarile sembrano i pupazzetti sempre in piedi 😉

  2. Sono basita. Primo, ma come si fa a vendere una guida prima che sia presentata? secondo per alcuni dei voti! Arcangelo, poverino, inchiodato su 80. Fossi in lui, me lo andrei a giocare al lotto, insieme al numero degli anni in cui c’è rimasto. Ladispoli più 4? E perdinci, che mai sarà successo in quest’ultimo trimestre? La Torre, perde Noda, acquisisce un nuovo chef e prende due punti? All’Oro 81: 2 punti dietro il San Lorenzo, 4 dietro Pascucci e 2 dietro Metamorfosi!! Ma si, son tutti gli altri che non capiscono nulla!

  3. ha risposto a Orson:

    Orson, ora mi aspetto un’appassionata recensione su Vecchia Pineta e sui suoi piatti di punta: bucatini cozze e pecorino e frittura di calamari 😀

  4. Per quello che valgono ormai punteggi e guide cartacee, sono felice per La Vecchia Pineta! E’ un posto affascinante proprio perchè fuori dal tempo. Il servizio è come poteva essere negli anni ’50 -sobrio e formale-, il pesce è freschissimo, le preparazioni accurate anche se tradizionali, e fra sala a vetrate e terrazza il posto è incantevole.
    Se l’Antica Pesa ha 82, non vedo perchè loro non debbano avere almeno 80.
    Molto contento anche per il rientro in pista dell’ottimo Baldassarre!

  5. vince più la voglia di far discutere che l’obbiettività di un giudizio serio…. nn si smentiscono mai….
    basta vedere che il gourmet di OS ha già chiuso e cmq sta in guida…

  6. ha risposto a Antonio Scuteri: Ma guarda che l’Imago è ottimo. E manco caro come si potrebbe pensare. Ci sono stato recentemente lì e da Oliver, una sera dietro l’altra. Direi quasi alla pari. Anzi per alcuni commensali meglio il primo.
    Ma so’ gusti.

  7. ha risposto a Antonio Scuteri:

    Altre fonti mi confermano che ha chiuso. Ma il fatto che sia in guida non è indice di scarsa serietà, evidentemente ha chiuso dopo che il libro era in stampa. Cose che capitano

  8. se è per questo premiano anche un ristorante che usa glutammato a manetta…..(qualità prezzo)….
    la serietà nn è di casa… o hanno i palati bruciati…..

  9. Permettetemi di fare i complimenti ad Alberto per la rapidità di esame della situazione in libreria e in questo articolo che tradisce il suo DNA giornalistico.

    Come vedete dalla firma e dalla pagina about, è un autore con all’attivo 40 articoli e vignette (dal luglio 2010) che hanno arricchito il percorso di Scatti di Gusto. Poi può darsi che qualcuno parli di donazione e noi siamo ben lieti del beneficio apportato ai nostri lettori, ma preferiamo chiamarlo autore 🙂

  10. Cari amici scattosi, complimenti per lo scoop del prode Alberto, in realtà l’errore non è del Gambero ma del distributore che con tanta leggerezza ha oggi fatto questa emerita caz…ta. A me spiace molto vedere che il lavoro di un anno dei miei colleghi possa essere gettato nel cesto ( sono educata oggi!!) da un commesso Feltrinelli. Per i punteggi sulla maggioranza concordo su alcuni meno come rientra nella normalità del libero arbitrio. In fondo la maggior parte dei commenti attoniti di Alberto sono anche un poco legati ai sentimenti..e ci sta..

  11. Se non ricordo male anche lo scorso anno o due anni fa la guida uscì un paio di giorni prima della sua presentazione ufficiale. D’altra parte il pubblico di Feltrinelli non sarà di certo lunedì alla Città del Gusto a fare incetta di volumetti. Si vendono più libri il Sabato che il Lunedì. Pazienza per o scoop, chissenefrega! 🙂

  12. Oggi il “blecchescieffe” cammina 10 cm sopra terra….Ale’ e Albe’, speriamo che siate profetici!
    Volevo fare i complimenti al piccolo romanista-tedesco, grande come al solito, a Gianfranco che io stimo molto e ad Arcifratemio vorrei dire che andrà tutto bene, come al solito, come sempre!! Buonagiornata a tutti! Blecchescieffeha risposto a Alessandro Bocchetti:

  13. ha risposto a Alessandro Bocchetti: ha risposto a francesca riganati: mah, guarda, premesso che molti li conosco, e molti li conosco anche bene, le mie perplessità sono a mio avviso oggettive.
    Che Arcangelo sia fermo a 80 da anni vuol dire non riconoscere il percorso che sta facendo di nobilitazione dell’umile supplì nè ammettere che la sua cucina, carbonara a parte, vola altissima proprio quando sia afranca dalla tradizione romana. E su ciò credo concorderai, essendoti attovagliata da lui più volte.
    Poi: non darei mai un 83 o 84 a locali aperti da pochi mesi, nemmanco ci fossero Bocuse e Ducasse a fare batteria in cucina.
    L’83 di Glass lo trovo incomprensibile, in tutta onestà e paragonato ad altri voti e posizioni.
    La vecchia pineta mi ricorda solo Sapore di mare dei Vanzina..
    Insomma, non so, ma di certo ci ho ragionato e sono stato poco umorale, te lo garantisco…!

  14. Citiamo poi, a casaccio e per nome e storia, Agata e Romeo, Orestorante e Giuda Ballerino! (79), l’Antico Arco a 78, l’Incannucciata a 77 con Dino De Bellis (+ 2).sora maria e arcangelo ad Olevano Romano ?????

  15. Questa guida, a mio parere, sta diventando sempre più ridicola. Oramai non si danno più giudizi e voti, ma si sparano numeri a casaccio come se si giocasse a tombola…e la cosa divertente è che ora non si giudica più in base alla bravura, all’estro ed alle innovazioni che si apportano ad un mondo così tanto adorato quanto difficile come la ristorazione…ma si danno numeri, allora 70 a te, a te invece 82 perchè? Perchè hai la faccia da 82, poi chissenefrega se hai già una stella o hai già chiuso il tuo locale perchè, vuoi sfortuna o cattivi investimenti, ti è andata male…ma sorridi , il Gambero Rosso di ha dato un buon punteggio!!!Non credo più in queste guide, e dopo questi ultimi numeri spero di on essere la sola…meglio tornare al vecchio passaparola, vero e sincero!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui