Gastromovida a Roma. Giuda Ballerino! fa poker con 8 e mezzo

Tempo di lettura: 2 minuti

Chiariamoci subito: 38 € per un menu completo a Via Boncompagni, sciccosissima strada della Dolce Vita a Roma, sono un regalo.

Te lo assicura Andrea Fusco, chef à penser dello stellato Giuda Ballerino! che ha iniziato a fare il regista a Otto e Mezzo (prendendo a prestito il ruolo di Fellini) dal 26 settembre. Smettete di contare e registrate la fase di espansione del pensiero filosofico del Giuda Ballerino! su Roma che sforna consulenze e imprese diverse come l’ultima, in ordine di tempo, della pizzeria Lievito Madre che così tante discussioni ha acceso in rete. Chissà se quel che hanno origliato il tenutario e l’americana Parla (food) in quella visita era riferito al “nuovo” locale.

Fatto sta che, a via Boncompagni, la Produzione del Giuda Ballerino! ha dato il ruolo di primo chef ad Andrea Quaranta e come spalla, cioè sous chef, Alba Esteve, In sala fa gli onori di casa Michel Magoni.

Confesso di aver subito chiesto in giro se qualcuno nello spazio di questi 4 giorni si fosse avvicinato alla nuova tavola di Andrea e Mariana e le poche indicazioni barometriche segnano bel tempo.

La coppia Fusco-Quaranta aveva già scaldato i muscoli pubblicamente nell’affollatissimo vernissage per i 150 anni d’Italia, organizzato dall’Imàgo Hassler al mozzafiato Palazzetto di Trinità dei Monti, pur limitati dallo shottino d’ordinanza. Null’altro sappiamo visto che qualche invitato ha preferito fare tripletta con la carbonara di Anna Dente e Gerardo di Nola piuttosto che dedicarsi ai bicchierini.

Nell’attesa di sederci alla tavola di Otto e Mezzo, proviamo ad innamorarci del menù Romanità che ai 38 denari di cui sopra (tra parentesi il prezzo del singolo piatto) mette al centro:
Gioco di baccalà (12 €):
Rosa di carpaccio, lime, gelatina di rum, sciroppo di zucchero di canna, foglie fritte di menta
Cappuccino di baccalà, patate soffiate, il cacao in fave e polvere
Crocchetta di trippa di baccalà, salsa al pomodoro bruciato, vaniglia
Gnocchetti patate e broccoletti cacio e pepe con caviale di tartufo e pecorino della Sabina (12 €)
Abbacchietto IGP… il cosciotto, la costoletta e la coratella (16 €)
Crostatina con ricotta, visciole e sorbetto di orzata (6 €)

E a 60 € acquistate 4 classici del Giuda Ballerino!

Spiedino di gambero in pasta fillo con spuma di mortadella (16 €)
Raviolo di burrata, limone candito, ragù di scampi e colatura di alici (22 €)
Astice con salsa di bufala, cialda di broccoletti e salsiccia (30 €)
Tortino di pastiera con gorgonzola e granita di pere e cesanese del Piglio (12 €)

Tutto diverso dal precedente menu pranzo che proponeva il passepartout carpaccio di vitella arrosto, gli imprescindibili lombriconi con polpo e pistacchi, gli struggenti straccetti di manzo all’aceto balsamico e il perlamiseria tortino caldo al cioccolato. Dalla periferica Tuscolana, Andrea Fusco insomma ha puntato senza mezzi termini al cuore di Roma per farla innamorare al ritmo della dolce tavola. La gastromovida romana, dopo il Colosseum di Dandini, si movimenta di più. E altri nomi e location stanno per entrare nel giro.

[Credit: Imagine Communication, Otto e Mezzo]

16 Commenti

  1. Bel colpo. Giuda Ballerino è un bel ristorante e una posizione più centrale è importante. In bocca al lupo a Andrea e Mariana

  2. Salve a tutti, io e mia moglie siamo appassionati di cucina, abbiamo provato tantisssimi ristoranti, stellati e non, ma devo dire con sincerità che la cucina di otto e mezzo ci ha davvero stupiti, fantastica in tutto, abbiamo provato il gioco di baccalà, che lo abbiamo definito delizioso….veramente delizioso… profumi e gusti che restano inalterati nonostante la lavorazione del piatto, attenta ed accurata! abbiamo provato le Capesante marinate al the verde, granita di cetrioli, cialda e salsa di zucca, anche questa innovativa e squisita, contrasto caldo freddo azzeccato! come secondi abbiamo preso il Pesce bandiera affumicato alla liquirizia cotto alla piastra, carciofi arrostiti, fondente al pomodoro piccadilly timo limone e aria di mentuccia, che dire, come dare il meglio con un pesce poco blasonato ma che risulta teneso e saporito, esaltato dall’ottima mano dello chef! abbiamo preso la Coda di rospo dragoncello, flan di patate, porcini in tempura
    e vinaigrette al melograno, sublime…. per concludere in dolcezza lo chef ci ha preparato una Mousse al basilico, biscotto al cioccolato, crema al ginseng, pinoli tostati, crema dolce di pachino…..dalla bontà unica. Presentazione curatissima, servizio eccellente, ottima carta di vini! secondo me sarà la novità positiva dellinverno romano…..noi continueremo sicuramente ad andare….perchè guardando il menù….si deve provare tutto!!! Un in bocca al lupo a: Andrea Quaranta, Andrea Fusco e lo staff tutto!!!

  3. Peccato che ieri a pranzo fosse chiuso, l’avrei provato con curiosità.

    Invece dietro l’angolo – in via Sicilia – i nostri posteriori si sono accomodati in quel del Gaetano Costa, dove si mangia, a pranzo, anche a 10, 20, 25 o 30euri (rispettiv una portata, due portate, tre portate o tre portate con calice e caffè; da scegliere dalla carta) ed è pure un bel mangiare ed un bel vedere per chi apprezza il techno design vetro&acciaio + quadri&moda by Vogue…

  4. ha risposto a Riccardo I.:
    Ciao Riccardo, ti rispondo dicendoti che non è affatto una recensione precompilata, il giorno che siamo stati a cena era un giorno speciale, il 24 settembre, era il primo anniversario di matrimonio tra me e mia moglie! Ti assicuro che non c’è nulla di precompilato, è un esperienza vissuta che consiglio a tutti coloro che hanno la passione per il buon cibo! Un saluto!

  5. ha risposto a Vincenzo Pagano: La bravura di Fusco, che conosco da quando il Giuda era ancora a v. Marco Valerio Corvo, non ha alcun bisogno di conferme da parte mia.

    E poi il sig. Mario ha già reso onore alla deliziosa sublimità dell’ottima mano dello chef, alla presentazione curatissima, al servizio eccellente e all’ottima carta di vini.
    Cosa potrei dire, di più? 😎

  6. Forse sarebbe meglio che lo chef del giuda ballerino! desse intanto certezza al suo primo ristorante di girare come si deve…
    ci sono stata un paio di sere fa ed è stato quasi un incubo: per avere l’attenzione di un cameriere tra un po’ si rendeva necessario sventolare i tovaglioli, il vino è arrivato quando ormai avevamo quasi finito l’antipasto, del pane neanche l’ombra seppur più volte richiesto.
    I piatti? assolutamente dimenticabili, anzi quelli “dimenticati” credo fossero gli elementi fondamentali dei piatti stessi…che ne dite di una carbonara senza pecorino e senza pepe? e di una tartara frullata? forse una serat storta….boh?

  7. Ho mangiato sia al giuda stellato che all’osteria.
    In questo caso mi riferivo all’osteria…ma la cosa non cambia. E’ ovvio che all’osteria abbasso le pretese, ci sono dei limiti però…

  8. ha risposto a simonetta: “Ho mangiato sia al giuda stellato che all’osteria.”: nella stessa sera 😎 Complimenti!

    Scherzo eh?!? Se è andata come dici è stata una serataccia: io ho mangiato all’osteria un paio di volte a pranzo e sono stato bene. Al risto 3 volte quando era a v. M. V. Corvo e 1 volta sola nella nuova location dopo la stella (e siamo stati molto bene: maitre/sommelier gentilissimo e competente, tante attenzioni per noi e nostra figlia di 4 anni, cibo buono/molto buono, ecc: se non fosse stato per una coppia scazzata che litigava in continuazione davanti agli amici – fortuna che dopo un’ora lei se n’è andata infuriata – sarebbe stato perfetto).

  9. anche io sono stata bene all’osteria nei tempi andati (camerieri gentilissimi però mai, allo stellato si…) infatti il mio commento era legato alle ultime volte!
    Per questo motivo ho pensato che forse i troppi impegni qua e là hanno perdere di vista la casa madre…magari tutto rientra o è stata davvero solo una serata storta…
    lascio passare un po’ di tempo, vediamo che succede…;-))

  10. Siamo tornati ieri sera a cena, altra serata fantastica, abbiamo provato piatti nuovi e li abbiamo trovati fantastici!!!! confermo tutto quello che ho detto nel commento precedente!!!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui