Roma | Ecco i locali che consiglio a Anthony Bourdain

Notizie

Nel nuovo programma di Anthony Bourdain “The Layover” il conduttore trascorre poco più di 30 ore mangiando in una città. La scorsa settimana la meta è stata Roma.

Ho ricevuto una decina di email dove mi si chiede un’opinione dei locali visitati da Bourdain. Ecco la mia risposta: andate da Pizzarium ma lasciate perdere tutti gli altri.

Penso che se il visitatore gourmet avesse 30 ore da passare a Roma, dovrebbe essere indirizzato in posti che vale la pena di inserire in una breve lista di posti dove fermarsi a mangiare.

Invece, nel programma ci sono locali presi a caso e locali non molto buoni. C’è un must assoluto (Pizzarium), un luogo dove si mangia bene e a costi contenuti (I Porchettoni) ma tutto il resto è ben lontano dall’essere il meglio nella sua categoria. Sembra che Bourdain segua i consigli di una guida vecchia di 10 anni… e invece i consigli sono del location producer che ha perso un’occasione per riconoscere grandi posti.

Ho pensato che sarebbe stato divertente stilare il mio personale The Layover e dare anche qualche suggerimento agli stranieri su dove mangiare a Roma avendo a disposizione un giorno e mezzo.

Giorno 1: Il caffé da Sciascia, il pranzo al Pizzarium (almeno uno dei luoghi del The Layover merita una breve visita!), il gelato da Fatamorgana, al Gelato di Claudio Torcè, Gori, o da Neve di Latte.

Prima di cena l’indirizzo è Il Goccetto per un po’ di vino, quindi Roscioli per una carbonara e non solo. Dopo cena l’appuntamento è con le birre dell’Open Baladin, con Ma Che Siete Venuti a Fa o Blind Pig.

Giorno 2: per una colazione saporita il mio consiglio è  di andare al Forno Roscioli per un pezzo di pizza bianca appena sfornata (è impensabile venire a Roma e non provarla!), per il pranzo Armando al Pantheon per la sua eccezionale gricia e coda alla vaccinara o L’Arcangelo per supplì e gnocchi. Per uno spuntino dolce nel tardo pomeriggio c’è Regoli vicino alla Stazione Termini. E a questo punto siete pronti per prendere i treno e tornare all’aeroporto!

E voi quali posti raccomandereste a Roma ad un viaggiatore gourmet a corto di tempo?

[Testo: parlafood.com]