Dopo aver visitato la Reggia di Venaria, compresi i giardini, che coprono un’area che equivale a un terzo del paese in cui sono nato, mi è venuto un certo appetito.

Devo dire che sono stato stimolato anche dalle video installazioni di Peter Greenaway, il quale ha creato per quelli che erano gli ambienti delle cucine dei filmati in loop dove si vede il cuoco-attore alle prese con spiegazioni e raccomandazioni varie ai suoi sottoposti… (pare che in quella Reggia fossero impiegate ‘solo’ 66 persone nelle cucine, più  altri 20 tra servitori ai tavoli ecc.)

Mi sono catapultato quindi all’agrihamburgheria Mac Bun – ormai M** BUN – di Rivoli. Si tratta di un progetto molto interessante e di cui si è parlato molto. Sul sito si trovano tutte le informazioni relative agli ingredienti impiegati, ai progetti, e molto altro.

Gli ambienti luminosi, bianchi e rossi, mi piacciono. C’è aria di festa qui. Gente sorridente, bimbi felici. Gente che si smeriglia il panozzo, le patate e si suggella la gola con una bella bibita con presidio Slowfood o con un birrozzo artigianale. Forse non sono proprio i termini utilizzati da queste parti, ma ho reso l’idea?!

Mi guardo attorno e capisco come sia radicata la filosofia Slowfood in questo territorio. Me ne ero già accorto girando altri paesi – ma qui si respira proprio anche un’aria slow. Ci sono in vendita molti prodotti enogastronomici, giochi ecologici per bimbi, libri.

Ti metti in fila, le ragazze al servizio sono tutte molto veloci, e prenoti il tuo panino o menu o piatto composto da carne cruda, o robiola al forno aromatizzata, bevanda e dolce. Alta qualità ad un prezzo piuttosto popolare

Stordito da tutto questo bendidio, opto per il menu da 10 soldi che comprende panino dal nome Macapunett, birra artigianale Macbiunda e patate fritte che qui si chiamano Friciula.

Velocemente mi fanno pagare, mi danno da bere e, assieme allo scontrino, un apparecchio tipo cercapersone. Guardo la cassiera un po’ perplesso e mi sento stupido. Lei capisce e mi spiega che suonerà il cicalino appena sarà pronto il mio ordine.

Sbalordito mi trovo un tavolino fuori, perché dentro è strapieno, e mi siedo aspettando con ansia che l’aggeggio mi dia segnali di vita.

Assaggio nel frattempo la birra artigianale bionda anzi Biunda e la trovo di mio gradimento. Leggera, amarognola, fresca.

Passano 5 interminabili minuti, suona! Entro e trovo il mio vassoio pronto. Esco ed apro il mio sacchettino contenente il panino scelto.

Un hamburger con un buon profumo, delle verze stufate e del gorgonzola. Il pane è buono, morbido e con un sapore delicato per valorizzare il contenuto. Lo finisco in pochi minuti e mi accorgo che non sono appesantito. Quasi ne mangerei un altro. La carne viene cotta con particolari forni e non presenta quindi la pesantezza dovuta all’uso della griglia. Mi sparo anche le patate a foglie che sono davvero ottime, dolciastre. Finisco il mio pranzo assaggiando la robiola al forno con peperoncino spalmata sul pane. Buona!

Posate, piatti e tutto ciò che si utilizza per il pasto è biodegradabile. Tutti siamo più contenti, soprattutto i bimbi che hanno ricevuto in regalo HAPPY MAIS, giochi a base di amido di mais. Ho come la sensazione di aver già visto da qualche parte questa formula menù + regalo, ma non importa.

Ah! Come sono felice! Finalmente anche io ho provato il fast food. Scusate… lo slowfastfood. La prossima volta però.. menù bimbi anche per me. Devo avere uno di questi giochi di mais…

M**Bun. Corso Susa 22/E presso la Galleria Vart. Rivoli (Torino). Tel. +39 011.9534062

(Christian Sarti)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui