I 10 migliori caseifici di mozzarella di bufala li trovate tutti a Paestum

treccia-bufala-da-4-kg-la-cardonia-Paestum

La migliore mozzarella di bufala è nella zona di Salerno o in quella di Caserta? Le scuole di pensiero si confrontano e polemizzano. La vulgata vorrebbe più sapida quella dell’area casertana e più dolce quella della piana del Sele. Questione di scelte e di tempi nella composizione della salamoia che in realtà si sono molto affievolite. La mozzarella casertana in un certo senso si è “salernizzata” diventando più dolce. La richiesta da parte dei lettori è sempre uguale, però. Qual è la migliore mozzarella di bufala da gustare, da acquistare, da portare a casa nel viaggio di ritorno dalle zone di vacanza.

Una classifica è un insieme di dati oggettivi, di valutazioni e di piaceri del palato, di variabili più o meno estemporanee come il periodo di lattazione. Noi consumiamo molta mozzarella nel periodo estivo per la freschezza del prodotto e per l’associazione che abbiniamo alle vacanze, ai pomodori, all’idea di piatto veloce e saporito. La convinzione (anche di grandi chef) che la mozzarella di bufala “meno si tocca in cucina e meglio è” porta a degustarla in purezza. Un comportamento che paradossalmente ha messo in crisi la filiera con eccedenze di produzione di latte nel periodo invernale e la poca considerazione per altri prodotti come provoloni e scamorze, ricotte e formaggio da grattugiare. Dovremmo imparare a conoscerli meglio per evitare querelle come quella della pasta congelata che modificherà il disciplinare e, altro paradosso, modificherà lo status della mozzarella che vogliamo tanto fresca da consumare in diretta nei mozzarella live, altro tributo da pagare alla nostra voglia di adattare l’orologio biologico alle esigenze più frenetiche.

mozzarella-di-bufala-10-piatti

La mozzarella di bufala migliore è quella prodotta con il 100% di latte di bufala, lavorata in maniera manuale in tagli da almeno 500 grammi. Se volete assaggiare la vera mozzarella non potete rinunciare nemmeno a uno di questi parametri. Via bocconcini, ciliegine e piccolezze varie. Via chi vi propone mozzarella appena fatta ma con latte munto giorni prima. La regola è semplice: mungo e caglio quanto prima possibile. Faccio la mozzarella filando la cagliata con l’acqua bollente, la rassodo nell’acqua fredda e la metto a riposare nella soluzione salina che conferirà sapidità. In questi passaggi si rivela tutta l’abilità del casaro che dosa caglio e tempi e sfrutta al meglio il latte proveniente da bufale sane e ben alimentate. Sembra facile, ma i processi produttivi sono orientati a soddisfare le richieste dei consumatori che vogliono acquistare di mattina molto presto, ad esempio, e condizionano attraverso il trasporto e la messa in vendita l’intero ciclo.

trasporto-mozzarella-di-bufala

Se volete mozzarella di bufala di qualità prendete tempo e recatevi nella zona di produzione. Scatti di Gusto, dopo la Top Five di Paestum dell’anno scorso (con ripresa primaverile) e la Top Ten di Caserta, aggiorna i risultati di un prodotto artigianale che è difficile rendere seriale. Ed è questa la ragione della sua bontà.

La SS 18, da molti ribattezzata la strada della mozzarella, ha una buona concentrazione di caseifici che lungo questa strada di collegamento tra l’autostrada Salerno-Reggio Calabria e il Cilento hanno aperto a partire dalla fine degli anni ’70 e hanno imparato l’arte del vendere su strada. Favorita è la mano del ritorno in città. Chi ritorna dalle vacanze si porta via una testimonianza del terroir. Come dare loro torto. Dalla presenza di poche rivendite (Di Lascio, Tre Stelle, Ines) negli anni si è passati a decine di punti vendita con caseifici annessi e a qualche marchio da catena (La Contadina, ad esempio).

In questo nostro test abbiamo concentrato l’attenzione sulla zona a maggiore vocazione, anche turistica, di Capaccio-Paestum con una escursione nel territorio di Eboli per via della provenienza pestana di un caseificio da poco aperto. La degustazione è stata condotta in solitario, ma con l’ascolto di altre persone che consumano mozzarella di bufala del luogo da oltre 30 anni e di due ospiti “indigeni”. Il metodo è stato misto: degustazione immediata con l’apertura delle confezioni eseguita personalmente. Assaggi ripetuti e incrociati al buio per verificare se a più giorni dall’acquisto la mozzarella aveva tenuto. Perché un’altra caratteristica che indica la qualità alla mozzarella è la godibilità anche il secondo giorno. Per la conservazione, niente frigo e abbiamo solo fatto attenzione a mantenere fuori dal liquido di governo la parte tagliata per evitare che la mozzarella si gonfiasse.

Gli acquisti sono stati fatti random e senza prenotazione tranne che da Vannulo (occorrono circa 2 giorni) e da Barlotti (per una richiesta di intervista a Raffaele che correttamente mi ha fatto assaggiare anche una mozzarella pescata a caso da quelle in vendita). Da Rivabianca mi ha riconosciuto Rosa Maria Wedig (che ho poi intervistato sempre per la querelle del cambio di disciplinare) e alla fine mi sono presentato (dopo non so quanti anni) alla titolare di Torricelle (altra intervista che pubblicherò). Infine, sono andato il giorno seguente l’inaugurazione del punto vendita della Tenuta La Cardonia da Gennaro D’Alessio (già sponsor di Scatti di Gusto nella presentazione a Londra) che mi ha fatto assaggiare l’intera linea e mi ha dato per la prova di confronto l’unica mozzarella lavorata a mano di cui disponeva in quel momento: una treccia da 4 kg (qui sopra in foto in un vassoio di legno).

Tra un assaggio e l’altro, acqua effervescente naturale Ferrarelle, tra le mie preferite, che ho utilizzato per l’intera degustazione. A me piace perché permette di pulire molto bene la bocca e non ha bisogno di essere raffreddata molto in giornate caldissime. Un vantaggio dovendo passare da una mozzarella ad un’altra repentinamente. Al limite potrebbe essere in conflitto per la provenienza casertana (la sorgente è a Riardo)!

Dopo la premessa, che vorrebbe ricordare che non si è trattato di un passaggio in un laboratorio di analisi, ecco la classifica di luglio 2012. L’ultima prima del cambiamento del disciplinare che introduce la possibilità di utilizzare pasta filata congelata.

La classifica della mozzarella di bufala a Paestum

mozzarella-di-bufala-Vannulo

1. Vannulo. È il pionere riconosciuto e rispettato della mozzarella di bufala “contemporanea” da lunghissimo tempo. Per molti il migliore a prescindere, è più facile che possa cedere la prima posizione per proprio demerito che per meriti altrui. In molti gli riconoscono un ruolo da leader almeno nel fissare il prezzo al kg. Cui tutti fanno riferimento come se fosse un benchmark assoluto. Non fa parte del Consorzio di Tutela della Dop e in molti sono pronti a scommettere che il nuovo disciplinare lo allontanerà ancora di più. La treccia da 1 kg ordinata è semplicemente invitante al solo sguardo. Soda anche al tatto scricchiola come deve al passaggio in bocca. La dolcezza è quella giusta. Nell’alternanza con il bicchiere d’acqua rivela la grande manualità: scompare e ricompare e ne mangeresti in quantità enormi. Un abbinamento valido per chi non vuole pasteggiare con il vino. Mozzarella quasi perfetta. Voto:

mozzarella-di-bufala-Rivabianca

2. Rivabianca. Per me il (quasi) sicuro porto d’approdo per la buona quantità di mozzarella che pone ogni giorno in vendita. Nel periodo estivo è meglio prenotare soprattutto se si vogliono formati a mano di mezzo chilo. La treccia da 1 kg anche in questo caso ha un aspetto estetico invitante e la consistenza è quella da “porcellana” edibile che ci hanno insegnato a riconoscere come buona. Leggermente sapida, nell’alternanza con il bicchiere di acqua lascia una memoria più marcata della mozzarella di Vannulo che ha dalla sua la maggiore dolcezza. Un parametro che coinvolge di più il pubblico. Tra i suoi pregi, la possibilità di chiedere la spedizione con facilità e godere della mozzarella anche in inverno e a molti chilometri di distanza. Fa parte del Consorzio di Tutela Dop. Quantità e qualità generose. Voto: 9+.

mozzarella-di-bufala-Granato

3. Granato. Senza troppi clamori mediatici, il caseificio che apre l’infilata della “mano del ritorno” sulla strada delle mozzarelle ha conquistato una sua base di fan che apprezzano anche il grande spazio e il bar in cui gustare lo yogurt che fa concorrenza a Vannulo e a Casa Madaio. Aspetto estetico della treccia da colpo di fulmine, consistenza molto soda ma nessuno scricchiolamento eccessivo in bocca. Anche in questo caso è la maggiore dolcezza che premia il palato cui si aggiunge una delicatezza che l’aspetto esteriore e il tatto non ti farebbero presagire. La novità che è diventata conferma. Voto:

bocconcini-bufala-macchina-la-cardonia-Paestum

4. Tenuta La Cardonia. La nuova avventura di Gennaro D’Alessio, dopo la separazione consensuale da Rivabianca, parte bene. La lavorazione è affidata a 3 casari provenienti da due caseifici. La proprietà ha deciso di produrre maggiori quantitativi con la formatrice per cui la mozzarella lavorata interamente a mano va prenotata per essere sicuri di trovarla. il confronto interno tra lavorato interamente a mano e macchina dimostra che un grande formato a mano non ha rivali rispetto ai piccoli formati che escono dai cilindri bucherellati. La scelta imprenditoriale è però chiara: prodotto più sodo, oserei dire duro, da consumare in giornata e nome da far circolare velocemente. Voi scegliete quella tradizionalissima e farete a meno di un bel po’ di acqua e soprattutto godrete di una consistenza ben più piacevole. La 4 kg ha resistito meglio di tutte le altre al trascorrere dei giorni nel liquido di governo. Messa in frigo al 3° giorno, è stata aggiunta a dadini nella pasta. L’esordiente in realtà è un maestro. Voto: 8

[Aggiornamento. Il caseificio La Cardonia ha sospeso la vendita in attesa del completamento della nuova struttura sulla SS 18 tra Rivabianca e Vannulo]

mozzarella-di-bufala-treccia-1-kg-Barlotti

5. Barlotti. A Paestum i cognomi fanno la differenza e Barlotti da sempre indica mozzarella di bufala. Raffaele si occupa dell’azienda e soprattutto è interfaccia con il Consorzio di Tutela della Dop ed è molto presente nelle manifestazioni che supporta con il suo prodotto che è molto conosciuto dai gourmet. La sua treccia da 1 kg appare finemente lavorata e ha una consistenza in bocca abbastanza morbida. La nota caratteristica che la contraddistingue è la dolcezza che a tratti sembra eccessiva. La stessa sensazione provata in loco (anche Barlotti ha un bar e uno spazio all’aperto per la degustazione) con uno spicchio di aversana. Abbastanza evidente il desiderio di mantenere uno standard elevato e facilmente riconoscibile dalla clientela. Tra l’altro, il secondo migliore abbinamento possibile con l’acqua Ferrarelle. Il volto moderno della mozzarella di bufala. Voto: 8-

mozzarella-di-bufala-treccia-mezzo-kg-Torricelle

6. Torricelle. La treccia da ½ kg era disponibile nel pomeriggio e l’ho preferita a un altro formato anche per cercare di uniformare quelli che potevano essere gli acquisti successivi. Rispetto ad altri assaggi, in questa sessione il caseificio reduce da qualche cambiamento societario e dall’uscita dalla Dop,  è scivolato in classifica per via di una consistenza un po’ tendente al gommoso che purtroppo mette in discussione uno dei sapori più terragni della zona che forse piacciono maggiormente a palati ultra-conservatori. La dimensione è molto artigianale. Una spiegazione potrebbe essere il casaro giovanissimo che ha sostituito il “principale” indisposto. Ma è una supposizione che mi sovviene dopo la presentazione. Voto: 7+

mozzarella-di-bufala-Lupata

7. Masseria Lupata. Ancora un’esponente della famiglia Barlotti con un caseificio che meriterebbe il massimo punteggio per la strepitosa scenografia tra un vecchio casolare e le mura dell’area archeologica di Paestum (e c’è anche qualche tavolino per godere del fresco e della vista). Rispetto agli ultimi assaggi, la qualità complessiva della mozzarella è scesa un po’ ma bisogna sottolineare che il formato disponibile senza prenotazione era quello a macchina. Ci hanno spiegato che non è possibile acquistare mozzarella interamente fatta a mano se non su prenotazione. Che a questo punto è raccomandabile perché l’aversana assaggiata ha ritenuto troppa acqua ammorbidendo la consistenza e diluendo inevitabilmente il sapore. Un vero peccato. 7-

mozzarella-di-bufala-La-Cilentana

8. La Cilentana. Siamo un po’ fuori zona con questo caseificio che si trova sulla direttrice di Campolongo all’altezza della rotonda proprio di fronte all’outlet in costruzione (direzione litoranea) lungo la strada principale. L’ho inserito perché la proprietà era nella compagine di Torricelle e in un certo senso rappresenta l’esportazione del modo di fare pestano “oltre confine” (municipale, si intende). Aperto da circa un anno, aveva disponibili solo formati da 250 grammi. Una mozzarella “volenterosa” con una leggera persistenza granulosa della texture in bocca, ma comunque corretta. La lavorazione potrebbe essere stata un po’ frettolosa. Voto: 7-

mozzarella-di-bufala-La-Perla-del-Mediterraneo

9. La Perla del Mediterraneo. Il caseificio e il punto vendita sono a Ponte Barizzo e si devia leggermente dalla strada statale. Le dimensioni dell’impianto sono ragguardevoli e probabilmente c’è anche una linea che produce conto terzi. L’aspetto della treccia è buono, ma denuncia una velocità nella lavorazione con l’ultima curva che chiude a mo’ di pacchetto. In bocca ritroviamo una nervatura da quasi filatura che non convince appieno. Abbastanza singolare il retrogusto affumicato percepibile. È il caseificio che propone il prezzo più basso della zona, appena 9 € al kg cui si aggiunge una ricotta in omaggio. Voto:

mozzarella-di-bufala-Del-Guacchio

10. Masseria Del Guacchio. Defilato rispetto alla Strada statale, il caseificio è un altro dei punti storici di riferimento della zona. Questa volta, però, ha deluso le aspettative con una mozzarella di non bella consistenza per via di un’eccessiva morbidezza e con troppo poco sapore. Si salva con una sufficienza che la pone comunque a un buon livello e giustifica ancora la deviazione dal proprio tragitto. Anche in questo caso, il prezzo al kg è contenuto rispetto agli altri: 10 €. Voto: 6+

[Aggiornamento] La classifica 2013 della migliore mozzarella a Paestum

[Aggiornamento] La classifica 2014 della migliore mozzarella a Salerno e a Caserta

[Aggiornamento] La Top Ten 2014 della migliore mozzarella a Pianeta Bufala

—————————————-

mozzarella-di-bufala-con-Ferrarelle-pb

—————————————-

Indirizzi (in ordine dall’autostrada A3 verso Paestum lungo la SS. 18)

La Cilentana. S. P. 262 Loc. Serretelle snc. 84025 Eboli (Salerno). Tel. +39 0828.352059
La Perla del Mediterraneo. Via Provinciale – Ponte Barizzo. 84060 Capaccio Paestum (Salerno). Tel: +39 0828.871097
Caseificio Rivabianca. Via Strada Statale 18, 84063 Paestum (Salerno). Tel. +39 0828.724030
Vannulo. Via G. Galilei. Contrada Vannulo. 84047 Capaccio Scalo (Salerno). Tel. +39 0828.727894
Tenuta La Cardonia. Sede produttiva: Via Isca, 3 Roccadaspide (Salerno). Punto vendita: SS18 km 94, Capaccio-Paestum (Salerno). Tel. +39 0828.1962271
Il Granato. SS. 18 km. 96+500 Loc. Spinazzo 84047 Capaccio-Paestum (Salerno). Tel. +39 0828.722712
Masseria Del Guacchio. Via Spinazzo, 32 Capaccio (Salerno). Tel. +39 0828.189733
Caseificio Torricelle. Via Torricelle, 1- 84063 Capaccio – Paestum (Salerno). Tel.+39 0828.811318
Azienda Agricola Barlotti. Via Torre di Paestum 1, Capaccio Paestum (Salerno). Tel. +39 0828.811146
Masseria Lupata. Via Porta Marina 29. Paestum-Capaccio (Salerno). Tel. +39 0828.722002


- mercoledì, 25 luglio 2012 | ore 9:17

67 commenti su “I 10 migliori caseifici di mozzarella di bufala li trovate tutti a Paestum

  1. Niente bocconcini? Andate al contrario di quello che accade. La mozzarella esiste perché esistono i bocconcini, non ve ne siete accorti?

  2. Due caseifici non li conosco e appena in zona andrò a provarli.
    Concordo sulla qualità di Vannulo anche se appartengo alla schiera dei Rivabianca Fan.
    Ottimo articolo e perfetta degustazione. La Ferrarelle è davvero idonea in degustazioni comparate di mozzarella.
    Bravo Vincenzo Pagano e Scattidigusto.

  3. Ad essere onesti il bocconcino è una creazione della fine degli anni settanta. Le pezzature storiche erano quelle dai 500 gr. a salire…ma forse mi sono perso qualcosa sui testi…

  4. Io a Roma ho visto solo la Contadina e la perla del Mediterraneo (e se non mi sbaglio costa molto di più di quanto scrivete). Le altre posso mangiarle solo se vado a Paestum che non è proprio dietro l’angolo? Nomi sconosciuti tranne Vannulo e Rivabianca…

    • Tenuta La Cardonia arriverà a Eataly Roma. Da Roscioli ho mangiato la mozzarella del Granato. Rivabianca, come detto, spedisce a casa (quindi se si è in più si abbassano i costi).

  5. ottimo articolo, ottima guida. tuttasvia ci sono ottime realtà anche nella tradizione casearia dei monti lattari e aziende come La tramontina, o altri caseifici come Cavaliere ad Agerola lo dimostrano…a quanto un giro tra il salernitano e la costiera?

  6. Sei li conosco bene. Gli altri quattro me li spolpo fra un paio di settimane.
    Vorrei sapere la “cautela” -che, per carità, è più che legittima- in cosa potrebbe sostanziarsi. La certezza della genuinità non esiste, a meno di analisi di laboratorio preventive, tipo coi funghi.

  7. Sempre buonissima la lotta tra Vannulo e Rivabianca! Tra qualche giorno potrò provare il nuovo caseificio Cardonia. Strano che la cilentana non sia piaciuta. Sulla strada prima di tutti vi segnalo la mozzarella di jemma che è molto buona. Complimenti per la scorpacciata…

    • Forse ha tratto in inganno l’inserimento della Cilentana (ma ho spiegato l’origine pestana). Iemma è a Battipaglia 🙂

    • Direi di no o almeno non lo so. La sponsorizzazione, che in realtà è pari a una pagina pubblicitaria sulla carta stampata (invece di sponsor post, cambio la scritta in pubblicità), non riguarda i caseifici ma appunto la mozzarella in quanto prodotto. Assaggiando 10 tipi di mozzarelle e incrociando in un breve lasso di tempo hai bisogno di bere. Io preferisco l’acqua e mi piacciono le effervescenti. Ferrarelle è un’acqua che richiama il territorio di produzione (anche se di Caserta) e si presta ad essere bevuta fresca e non fredda (anche a temperatura ambiente funziona ma con il gran caldo…). L’acqua del rubinetto a volte può avere un po’ di cloro che ti disturberebbe e dove ho assaggiato le mozzarelle l’acqua passa nei serbatoi.

      Se hai dubbi e pensi all’orientamento nella scelta di un caseificio piuttosto che un altro, stai tranquilla: alla Ferrarelle nemmeno sapevano quali erano i caseifici se non che si trattava di quelli che reputo migliori.

      PS. Per il vino io ho una certezza: Fiano 🙂

  8. Ho assaggiato la mozzarella rivabianca qui a Roma (si lo so non e’ la stessa cosa comprata in azienda) e’ non mi ha soddisfatto per niente (considerando anche un costo eccessivo). Anche se non nella zona capaccio, ritenfo la mozzarella Taverna Penta strepitosa (assaggiata sul posto) e anche una mozzarella delle nostre zone del Lazio, dell’azienda Latinlat, molto buona

  9. Rivabianca e Barlotti molto commerciali,poco sapida quella di Vannulo,io preferisco Polito ad Agropoli che usa solo latte proprio.In estate poi quasi ovunque la qualità cala anche per ragioni climatiche.

  10. Ho assaggiato Torricelle che non conoscevo. E’ dietro rispetto al Granato dove vado spesso e che ha un bel parcheggio e lo spazio al fresco oltre a yogurt buonissimi. Questa di Torricelle mi sembra molto buona, come il Granato, ma non so se sia salita al terzo posto o sia il Granato a scendere. Rivabianca mi sembra migliore. Aggiungo che Vannulo costa di più e bisogna prenotarla con molto anticipo. Ho comprato la mozzarella anche al centro commerciale che è più avanti e mi sembra buona

  11. Non lo sono, ma potrei anche essere d’accordo aulla classifica.
    Non lo sono affatto sui punteggi: la differenza di 3 punti tra Vannulo e del Guacchio è, secondo me, esagerata.
    Consiglio di fare la degustazione con le mozzarelle della stessa tipologia e alla cieca e vedrete che, anche se ottima, la mozzarella di Vannullo non avrà questo punteggio e non sarà al primo posto.
    Niente contro Vannulo, anzi, stimo e apprezzo il signor Palmieri e il modo di fare l’imprenditore.
    Con questa degustazione è accaduto quello che in genere accade con il vino, in genere si beve l’etichetta.
    Paestum ha la maggiore concentrazione di caseifici di qualità e la differenza tra il primo ed il decimo, qualsiasi sia il metodo di valutazione, dovrebbe essere al massimo di 2 punti.

    • Ho spiegato come ho effettuato la degustazione (che era sostanzialmente in solitario). Aperte le confezioni per verificare la correttezza del contenuto e scattare le foto con il prodotto integro, la mozzarella è stata posta in piatti uguali neri senza indicazione evidente (una piccola targhetta sul fondo) da un’altra persona. Una frazione di punto è stata riconosciuta ascoltando l’opinione di 4 persone tra cui un piccolo agricoltore.

      Qualche sorpresa non è mancata in termini di “etichetta”. La forbice nei punteggi è corretta. Le frazioni di punto hanno favorito/sfavorito solo i primi 2 e gli ultimi 3 della classifica di cui ho dato conto: “Leggermente sapida, nell’alternanza con il bicchiere di acqua lascia una memoria più marcata della mozzarella di Vannulo che ha dalla sua la maggiore dolcezza. Un parametro che coinvolge di più il pubblico. ”

      Dire che con questa degustazione si è bevuta l’etichetta significa dire che si vorrebbe fare valere la propria classifica con l’etichetta. Questo è quello che è uscito da una degustazione in un preciso giorno. Se dovessimo fare la media in un arco di tempo più ampio è molto probabile che le posizioni sarebbero diverse. Ma questo è un controllo “istantaneo” come la misurazione della velocità di punta e non una rilevazione da tutor.

      Può verificare situazioni e sistemi in altre degustazioni che ho riportato nei link all’inizio del testo e che sono questi:
      https://www.scattidigusto.it/2011/05/24/ti-racconto-una-bufala-la-migliore-mozzarella-nella-terra-di-roberto-saviano/
      https://www.scattidigusto.it/2011/04/20/i-5-migliori-caseifici-di-mozzarella-di-bufala-li-trovate-tutti-a-paestum/
      https://www.scattidigusto.it/2012/03/05/mozzarella-di-bufala-rivabianca-batte-il-granato-e-vannulo-a-paestum/

      Ieri sera ho assaggiato il primo di questa classifica (confezione portatami a Roma). Leggermente sotto tono rispetto a luglio-agosto e nonostante una pausa temporale che ben ti dispone a mangiare mozzarella. In questo caso sono d’accordo: è condizionamento da etichetta pur non avendo altri campioni a confronto.

      • non esistono classifiche x questi favolosi caseifici ma solo una questione di gusti diversi delle persone.sono stato in vacanze a paestum xoltre 20 annidove sta la torre x i miei gusti il 10 lo do a BARLOTTI

  12. Buongiorno,
    io sono un grande estimatore dei mozzarelle e mi piacerebbe sottoporre alla vostra attenzione il Caseificio Della Masseria D’Elia S.R.L.
    334, Strada Statale 166 – 84069 Roccadaspide

  13. Anche io appartengo alla schiera di estimatori di Rivabianca, che preferisco a Vannulo, imho lievemente sovrastimata, dai miei concittadini, anche per l’aura di “rarità” data dalla metodologia (geniale) di vendita… Ottime senz’altro tutte le altre e concordo con chi suggerisce taverna penta (che solitamente abbino al fiano di terra di vento che produce a poche centinaia di metri di distanza) e anche con chi suggerisce un giro sui monti lattari… per quanto riguarda il riferimento a mandara, non vorrei fare il campanilista, ma si parla di tutt’altra zona di produzione, con prodotti sensibilmente differenti che, in modo assolutamente incomprensibile, sono sotto lo stesso consorzio di tutela….

  14. tornando da asce marina, ho comprato della mozzarella in un caseificio in cui si produceva anche yougurt…era come una masseria…aiutatemi a ricordare il nome (vago e’ il casaro, casolaro…o qualcosa di simile)

  15. una esalazine di profumi morbidi sulla nocciola e gusto intenso quando basta che lascia il palato per ore intasato di Gusto da provare accompagnato da un Aspreno d’Aversa il Dop del sud …………………voto 11

  16. Complimenti per l’iniziativa. La classifica è ovviammente soggettiva, ognuno di noi, per fortuna aggiungo, è sicuramente d’accordo su una cosa: la mozzarella di bufala è uno degli alimenti dei quali difficilmente se ne potrà fare a meno.
    Mio nonno, ultracentenario, mi ha insegnato a riconoscerne e ad apprezzarne la bontà. Sin da piccolo lo accompagnavo in giro per il cilento ad assaggiare oro bianco…… e vi assicuro che i caseifici, solo 30 anni fa, erano davvero pochi.
    Vannullo e Di Lascio li ricordo ma ricordo anche il Caseificio Tre Stelle di Eboli. (Degustazione consigliata)
    Ho sempre abitato a Salerno, e quindi, fare una scappata sulla SS 18 per una treccia di bufala ne è sempre valsa la pena. Negli ultimi 20 anni l’iimprenditore ha avuto il sopravvento sull’artigiano, ora la treccia me la ritrovo sotto casa in pezzature da un quarto (Bleah) a prezzi astronomici (rispetto al passato) e con scadenze improponibili (7 giorni? Chi mangerebbe una treccia di bufala 7 giorni?) quando ognuno di noi sa bene che dopo 36 ore le qualità organolettiche originarie sono già decadute…..
    Comunque taglio la testa alla bufala….. le ho provate tutte e 10, non in maniera consecutiva con le bollicine, ma una per volta, e le ho trovate tutte buone, ognuna per una ragione. Insomma tutte 10 e lode, però mi raccomando…di giornata!

  17. Anche io vengo da Castellammare avvolte passando da Paestum prendo la mozzarella la . vorrei sapere se qualcuno consegna per Castellammare di solito prendo 5 6 kg la grz in anticipo

  18. si vede che chi ha asaggiato queste mozzarelle non e’ un bungustaio. io le ho provate tutte ma come quelle della masseria lupata non c’e’ paragone

  19. Barlotti: quest’anno rispetto allo scorso anno è migliorato tantissimo, andando a rendere molto più concentrata la mozzarella facendola diventare al palato solida ma non asciutta e allo stesso tempo ricca di sapore, con anche minori sversamenti di liquido in eccesso che precedentemente risultavano un po’ fastidiosi ma non troppo.

  20. Sono Pestano di nascita, ho sempre mangiato la mozzarella con gusto apprezzandone le differenze tra un caseificio e l’altro,quindi con estrema franchezza non posso condividere questa classifica.La degustazione andrebbe fatta alla cieca senza conoscere prima la provenienza del prodotto,non si può dimenticare tanti altri caseifici ancora giovani e nello stesso tempo dimenticarsi di chi ha fatto la storia della mozzarella nella piana del Sele, quindi una campionatura completa per non penalizzare quelli non visitati.Secondo me facendo una degustazione con parametri diversi, verrebbe fuori una classifica completamente differente.La mozzarella di Vannulo considerata la PRIMA secondo un mio giudizio potrebbe attestarsi massimo DECIMA nel panorama complessivo.Non intendo condizionare nessuno …questa e’ una mia modesta valutazione.

  21. Condivido la prima posizione di Vannulo, che conosco da anni.
    Anche quelli che non lo avrebbero voluto in prima posizione, riconoscono, nel dibattito, la particolarità dell’imprenditore Palmieri che è un esempio per molti del Sud, del Centro e del Nord.
    Esempio valido anche per altri settori diversi dalla mozzarella di bufala.
    Certo non si vince solo per questo, ma la qualità è indiscutibile da anni.Vannulo ti da una “garanzia” sulla bontà e salubrità del prodotto che pochi possono dare(anche in altri settori).
    Non per niente è stato definito il Principe.
    PS
    Fateci capire, in un post specifico, cosa cambierà nel nuovo disciplinare.Sono un “critico” da sempre dei disciplinari, spiegandone i motivi.Vannulo conferma le mie opinioni: a garantire il consumatore non è l’etichetta(dop) ma la serietà, l’onestà(sapete benissimo che si possono aggirare), la limpidezza dell’uomo-imprenditore.

  22. Scusate ma come si fa a fare una classifica dando come punteggio piu alto un Mozzarella quasi perfetta. Voto: 9½?!

    Cioe voi state isinuando che la piu buona non è la piu buona?! E allora mi state dicendo in pratica che, secondo voi, la piu buona non esiste?!

  23. A mio modesto parere, da appassionato della mozzarella di bufala, ritengo che Barlotti sia molto buona, va detto che lo standard di tutti i caseifici citati e’, comunque molto alto.
    Preferisco le pezzature da 500 grammi a salire e la treccia.

    • Il caseificio tre stelle. Riesce a vendere la moz di bufala fuori italia a euro sei al kg come mai… da allevatori che conferiscono, ci affoga perche dice di pagare solo lui in contanti agli allevatori quindi il prezzo cosi basso circa 90centesimi al kg di latte e se non va bene ti punisce facendo trovare traccie di acqua daccordo con l’ analista suo e cosi poter tagliare ancora di piu’ sul prezzo (quasi 70 centesimi ) mettendo in ginocchio l’allevatore prima di chiudere l’anno da contratto fatto. e un oligopolio vorremo che la finanza sana poesse iniziare dei giusti controlli……
      solo cosi si possono salvare tutti gli allevatori della zone come paestum albanella altavilla matinella spinazzo capaccio ecc chiediamo aiuto .
      ecco perche il sign.gianluca si sente un grande economista, perche il latte da loro ritirato lo sottopagano
      controlli controlli dove siete anche altri caseifici molto seri si chiedono non possiamo fargli concorrenza perche il latte non si puo pagare come tre stelle se no voi allevatori come potetr prdurlo,a noi ci comtrollano ma tre stelle e intoccabile quindinoi caseifici seri dobbiamo chiudere e voi allevatori sarete costretti a regalare il vostro latte all’intoccabile.

  24. Vincenzo Pagano .. Ma che dici !! Stasera ho mangiato la mozzarella della masseria del Guacchio e ho goduto come in una scopata … Sei proprio un eretico di nome e di palato, sarai mica anche pelato ?

  25. Nel tempo sono molti i caseifici che sono aperti. Vi segnalo il caseificio Giuliano a Cioffi. Produce mozzarella di bufala da latte nobile. Da provare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.