Miracolo a Milano/37. Pizza napoletana da Crispi a 20 €, fritti e Visintin inclusi

“Ma dai… è ridicolo! Christian il critico che critica sulle orme del critico più criticato dai critici che criticano…”

“Vedi, Totò, il fatto è che mi fido di Valerio Massimo Visintin, e da sempre mi affido alle sue guide annuali e ai suoi suggerimenti – anzi, devo avere da qualche parte la prima edizione di PappaMilano.”

“Capisco: ma non è che possiamo passare il nostro tempo ad andare solo nei ristoranti di cui parla VMV: a parte che sono 100, ci metteremmo comunque due anni e passa a un ristorante a settimana – ma io voglio vedere posti nuovi, scoprire piatti, chef… E probabilmente, nel frattempo, uscirà la nuova edizione di PappaMilano; e probabilmente mi ritroverò fra un anno con almeno 10 kg in più…”

“Insomma: ho prenotato da Crispi: va bene?”

Arriviamo – la sala è già quasi piena di gente di ogni età. Il personale è cordiale, e lo sarà per tutta la serata.

Ordiniamo:

  • una pizza napoletana dall’impasto soffice, col “cornicione”;  gli ingredienti hanno un buon sapore e rendono il tutto molto gradevole: promossa!
  • fritto misto di buona qualità e non unto e bisunto; lo stesso vale per le patate fritte, normali o della nonna (con aglio e prezzemolo); delle deliziose rondelle di patata con la buccia
  • una morbida e succulenta costata di fassona piemontese alla brace, cotta cioè nel forno della pizza, con funghi porcini trifolati.
  • i dolci non sono meno buoni; tutti fatti in casa. Tiramisù delicato e un ottimo zuccotto alla Nutella originale. Visintin ha apprezzato, anche se moderatamente – “Anche noi, e molto, no?”.

Simpatici i proprietari, che si intrattengono al tavolo con noi durante la serata. Due pizze – due fritti-  due patate – una costata – due dolci – birra – acqua – caffè: 20 € a testa.

“Però Visintin non ha segnalato la presenza di vecchine ultracentenarie ai tavoli vicini che iniziano a raccontarci della loro vita – di quando uscivano con Bava Beccaris, o era Amatore Sciesa? E una mi sembra di averla conosciuta ai tempi del film, sì di Miracolo a Milano… anzi, se permetti approfondisco…”

“Ma Totò…!”

Crispi. Via Cadore 2, 20135 Milano, Italia. Tel +39 02 551 6527

[con Christian Sarti]

4 Commenti

  1. Quest’articolo è troppo vecchio eppure circola ancora su Google. Sono certo che se Emanuele tornasse da Crispi, con il palato che si è potuto fare in questi ultimi 2 anni a Milano in cui c’è stata l’esplosione di ben altre pizzerie, boccerebbe senza ritegno la mediocre Margherita che si mangia in questo locale.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui