Chi sostiene ancora che il cioccolato sia il cibo degli dei è irreversibilmente da inserire nella lista dei demodè non al passo con i tempi. Dopo attenta analisi dei consumi capitolini (e non solo) il cibo degli dei, signori miei, è l’american sandwich aka hamburger,è  bene che lo sappiate.

Sarà perché siamo in stagione, sarà perché “l’America è più avanti di noi”, ma a Roma locali che propongo panini polpetta-farciti stanno crescendo come funghi ad ogni angolo di strada.

Avendo deciso di immolarmi sull’altare a stelle e strisce  ecco uno degli ultimi indirizzi più in voga nell’ultimo periodo: “Hamburgeseria – Burger Bar” in via Teatro Pace 35, pieno centro storico a due passi da piazza Navona e dai locali prediletti dai giovani romani per trascorrere le proprie serate.

Il locale nasce da un gruppo ben consolidato della ristorazione romana, Fish Market e Coffee Pot per intenderci, la cui impostazione è ben visibile nell’aspetto cool&cheap (hipster?) del locale: trasandatezza da locale metropolitano in realtà molto ricercata nella scelta dell’arredo e nelle varie scritte che riempiono i muri grigi e neri.

L’offerta dell’Hamburgeseria copre ogni attimo della giornata garantendo ampia offerta di caffè, tè ed ogni altro genere di bevanda da caffetteria americana, oltre che dolci yankee fatti in casa ed ovviamente burgers, sandwiches, patatine fritte, insalate e zuppe.

I burgers, vengono serviti in una configurazione base che garantisce lattuga, cetriolini sottoaceto, salsa bbq e pomodoro, e hanno tre diverse declinazioni (manzo, tacchino e vegetariano) e possono essere customizzati attingendo da una lista che va dal bacon ed il cheddar fino ad arrivare alle salse speciali fatte in casa e che fanno ben lievitare i 7 € del burger di base.

Nell’attesa di accomodarsi ad uno dei tavoli, sempre gremitissimi, si può ordinare un cocktail ed iniziare a studiare il menu.

Il burger, per l’occasione arricchito da bacon e cipolla caramellata (accidenti mi sono dimenticato il cheddar), arriva caldo in tavola servito in un vassoietto da pasticceria: il pane di patate non mi convince visivamente ed anche addentando il panino qualcosa non torna, polpetta discreta per cottura e gusto, onesti gli altri ingredienti.

Il Chicken Sand ripropone lo stesso pane che però meglio si sposa con il petto di pollo fritto, un po’ troppo sottile fin da sembrare eccessivamente cotto, maionese al parmigiano e pepe nero, lattuga e pomodori, per un panino goloso da regalarsi durante una serata cool capitolina, magari abbinato alle buone patatine fritte tagliate in spicchi grandi e piacevoli.

Controindicazioni? Se siete di seratina fashion, sappiate che con il panino è facile sporcarsi dunque, al momento dell’ordine, chiedete una buona fornitura di tovaglioli che non sono assolutamente previsti nel set base e mai vi verranno portati se non dietro apposita richiesta… très chic!

Hamburgeseria/Burger Bar – Via Teatro Pace 35/37 – Telefono 333.9631319 – 340.5950441