Ricetta. Pizza rovesciata con fiori di zucca in stile Gabriele Bonci

Tempo di lettura: 2 minuti

fiori-di-zucca

Aprile dolce dormire… Stamattina non sono io a scrivervi, o meglio, sono io ma da sonnambula e l’unica cosa che potrebbe farmi tirar fuori dal lettuccio primaverile sarebbe un bel bombolone fritto! Lo so, non dovevo dirlo, ma l’anima nera della golosa si nasconde in me, forse così vi alleggerisco la coscienza, no ?

Oggi però voglio accontentarvi e per questo vi presento una ricettina golosa e fresca che vi potrà accompagnare anche tutta l’estate (forno permettendo) grazie ai fiori di zucca che sono stati protagonisti della tatin di Gabriele Bonci nella sessione di Impasti Possibili con Gino Sorbillo.

Un ingrediente l’ho ricavato dopo i vari esperimenti seguendo le indicazioni di questo grandissimo blog: ho sfornato formagelle a tutto spiano. Dopo averne mangiate varie sfrantegate sul mio pane, ho provato a metterle altrove. Sono di grande soddisfazione sia per la riuscita che per il palato… meglio di Farmville!

Pizza rovesciata con i colori della primavera

Ingredienti

Un mazzetto di fiori di zucchina (lo so è un po’ presto, ma voi gettate lo sguardo)
Un pezzo di treccia di mozzarella
2 o 3 formaggelle (io le ho fatte con un po’ di mascarpone, ma proprio poco… leggete bene la ricetta)

Pasta della pizza (le dosi per 2 teglie comprendono 500 g di farine miste, 150 g di lievito madre, 400 g di acqua, 8 g di sale, 10 g di olio. L’impasto io l’ho fatto la mattina e la pizza per cena).

pizza-tatin-fiori-di-zucca-01 pizza-tatin-fiori-di-zucca-02

Procedimento

Prendi la teglia e rivestila di carta forno. Pulisci bene i fiori togliendo i pistilli e le parti dure e fodera la carta forno con i suddetti in modo artistico, mi raccomando. Metti pezzetti di mozzarella quà e là e le formagelle.
Prendi la pasta e mettila con delicatezza sugli ingredienti che hai appena sistemato. Io la stendo con le mani in modo da non “violentarla” troppo. Lasciala riposare ancora un’oretta. Metti in forno al massimo, 10 minuti in basso e poi a 180° per altri 20 minuti ma in posizione intermedia.

Per digerire potreste poi andare a fare la “sirenetta” in riva al mare, visto che il clima comincia a renderlo possibile oppure venite da noi e provate eseguendo la versione di Pilates.

5 Commenti

  1. Ma figurati , il mio non era un commento polemico , ci mancherebbe :))) ho citato l’articolo solo perchè avevamo realizzato una ricetta simile sempre inspirata da impasti possibili

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui