pizza al taglio ph Dimitri Roulleau-Gallais

“La nouvelle coqueluche de la capitale!”- La nuova beniamina della capitale. Così commenta Le Figaro la recente passione che ha travolto Parigi per la “romanissima” pizza al taglio. C’è innanzitutto da gongolare. Crêpes , quiches e baguettes non sono più sole a galvanizzare i palati degli amanti,  fedeli o occasionali, dello street food parigino.

Al Taglio, Pizza Rustica, Pizza e Fichi, Pezzo, Pizza di Loretta, 40×60. La città si anima di indirizzi interessanti  (Le Figaro ne ha individuati 9 tra i più meritevoli) che, superando le ataviche rivalità enogastro-culturali, richiamano Roma e l’Italia nell’insegna, negli arredi, nelle preparazioni. E per gli scettici, campanilisti, fanatici del made in Italy nessun pericolo di spiacevoli sorprese.  La fedeltà alla ricetta romanesca è pressoché garantita all’origine. Molti di questi locali infatti sono nati dall’iniziativa di italiani trapiantati in Francia o da francesi rimasti folgorati dall’assaggio della fragrante specialità capitolina.

Non è il caso di allargarsi troppo. Le pizzerie à la coupe  parigine non sono certo dei perfetti duplicati nostrani, perché ogni città ha pur sempre il suo pubblico, i suoi must, le sue regole.

Gusti vari

pizza in teglia 40x60 Paris pizza e fichi parigi

Parigi è una città internazionale e dunque c’è n’è davvero per tutti. Dalle varianti più riconoscibili (Pomodoro bufala e basilico, Patate e crema di tartufo nero, Pere e gorgonzola, Fiori di zucca olive e parmigiano, Pecorino e pancetta) a quelle arbitrariamente rivisitate (pizza Carbonara con confit di cipolle, ricotta e speck… ma che davero?) a quelle più fantasiose (Carota cumino e bufala, Finocchi e pecorino) a quelle più o meno opinabili ( Banana e Nutella, Mela e caramello, Pera e biscotti speculoos).

Location ad hoc 

Pizzeria Al Taglio Parigi Pizzeria Al Taglio Parigi 2

Niente luci a neon, piastrelle livide, tavolini angusti, sgabelli inaffrontabili.  Nella ville lumière ogni singolo locale (o quasi) ha il suo code deco. Dai muri in pietra alle installazioni industriali, dalle foto di famiglia ai giochi di luce, dagli ameni terrazzini ai graziosi dehors, tutto concorre a  farsi riconoscere e ricordare.

Formato standard

Formats-Pizza-40X60-def

A quanto pare ai parigini la logica dell “etto più, etto meno, tanto è uguale” sta un po’ stretta. La pizza, infatti, più che al taglio viene proposta al centimetro, in tranci serializzati o in frazioni di teglia (1/8, ¼,  ½  o intera). Dimensioni standard, file più snelle, prezzi chiari insomma, con buona pace della linea, della pazienza e del portafogli (soprattutto dei turisti).

pizza-bonci-style

Classifiche

Parigi inizia adesso, ma Roma si riconferma di anno in anno la capitale mondiale della pizza al taglio.

Se nella capitale transalpina i nomi sono 9, di qui delle Alpi forse si potrebbe provare a sancire la fatidica Top Ten. Per ora mi vengono in mente solo in ordine alfabetico la possibile partecipazione dell’originale di Roma e faccio ammenda subito delle dimenticanze e delle altre latitudini italiche. Ma sono sicura che voi farete ordine e aggiungerete al menu che vi propongo.

  1. 00100
  2. 10 e lode day
  3. Angelo e Simonetta
  4. Farro Zero
  5. Febbi
  6. Gegè
  7. La Focaccia
  8. Lauro il Ternano
  9. Ippo Pizza
  10. Panificio Bonci
  11. Pizza Fantasy
  12. Pizza Luigi
  13. Pizzarium
  14. Pizzeria Italia
  15. Romeo
  16. Roscioli
  17. Serenella
  18. Thyrus
  19. Volpetti più
  20. Zazà

[Daniela Dioguardi. Link: Le Figaro. Immagini: Dimitri Roulleau-Gallais,Al Taglio, 40×60]

14 Commenti

    • e tra l’altro con due locali.
      che significa? che la pizza del Panificio è diversa da quella di Pizzarium? su 10 locali due suoi mi sembra un filo esagerato….

      personalmente trovo Volpetti caro e davvero non degno di nota.
      se si resta a Testaccio, meglio allora il Pizzettiere o i Guerini

  1. La Pizza di Pizzarium è ‘na cosa seria e su questo siamo tutti d’accordo, quella del Panificio – invece – la trovo abbastanza irrilevante… parlo a mio gusto, ovviamente…

      • No no, per carità, è sempre lui, ma mentre sulla pizza a taglio la riuscita è evidentemente eccellente, nel settore della classica pizza da forno (quella che, tanto per restare in zona, la trovi da Mosca a Via Candia) secondo me il risultato non è altrettanto compiuto… ma siamo sempre sul gusto personale, ovvio….

    • Conosciuta quando sono andato a vivere là, quattro anni fa: secondo me tutto quello che accade di interessante fuori dal Raccordo è due volte degno di essere citato e menzionato 🙂

  2. Quella che nell’articolo viene definita pizza alla Romana è in verità Pizza alla Ternana. La pizza al taglio, cotta nella canonica Teglia Ternana, venne introdotta a Roma negli anni ’20 al seguito dei panificatori Ternani che si spostarono nella capitale in gran numero portando il famoso pane sciapo di Terni.
    Così solo per la precisione.

  3. Io Pizza zazà la avrei messa tra le prime 5 , l’altro giorno ho mangiato una pizza,
    Pancetta croccantissima, mele, miele, pistacchio e stracciatella!!! sublime

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui