Positano. A La Zagara stessa musica dello scontrino folle: 9 € per una minerale

Notizie

Il recente caso di Venezia e del caffè Lavena con i suoi 6 euro a testa per “la musica” hanno rimpolpato le cronache estive già cariche di scontrini postati sui social network per lamentare prezzi esagerati. Ultimo caso, che non riguarda né caffè né musica è quello de “La Zagara” a Positano dove sono riusciti a far pagare una bottiglia d’acqua 9 euro.

Rileggete pure, sono n-o-v-e euro.

Senza supplemento musica, panorama o ingresso alle piscine incluso.

Lo scontrino, battuto nel noto locale di via dei Mulini, recava le diciture: 12 euro per un misto d’insalata, 8 euro per una granita, 9 euro per una bottiglia di acqua minerale, per un totale di 29 euro.

In un’intervista all’Ansa, Alessandra Russo, la proprietaria del locale si difende: i due clienti “si sono seduti sulla terrazza del locale, dove ogni sera c’è il piano bar. Noi – aggiunge – non facciamo pagare la musica, come accade in altri posti, ma chi va in un piano bar sicuramente non consuma acqua minerale. Poi tutti i frequentatori del nostro locale, quando si siedono al tavolino ricevono dai camerieri il menù dove è specificato il costo di ogni singolo prodotto. Quella coppia di clienti – conclude – era quindi ben consapevole di cosa stava consumando e di quanto avrebbe pagato“.

Va bene essere consapevoli, ma proprio non si capisce la ragione del non consumare acqua al piano bar, anche perché probabilmente i prezzi di una bibita non saranno certo inferiori.

Su tripadvisor alcuni recensori tuonano contro i prezzi, scrivendo che il caffè da listino costa 8 euro.

E ci risiamo con i prezzi folli del consumare la sacra tazzina in un bel posto. Supplementi espliciti o meno, qui non si paga solo la miscela e il servizio, ma tutta l’atmosfera, il posto, la musica e anche un po’ l’aria che si respira.

Il Corriere del Veneto ha fatto un po’ di conti in giro per l’Italia. A Roma, al bar «Dolce Vita» di Piazza Navona, un caffè al tavolo nel dehor costa 5 euro, in via dei Condotti, all’«Antico Caffè Greco»  6 euro. A Capri le cose vanno un po’ meglio con i 4, 5 euro del “Piccolo bar” nella celebre Piazzetta; ma il vero “risparmio” è al Caffè Excelsior di Portofino, dove una tazzina di caffè servita nel dehor in Piazza Martiri dell’Olivetta costa 3,50 euro.

Ora, più che chiedersi quando sarà pubblicato il prossimo scontrino pazzo sarebbe il caso di stendere una mappa per individuare i bar che possono permettersi solo i turisti facoltosi (anche se nel caso di Positano c’è chi non è d’accordo sull’esosità della richiesta e cita Copenaghen)?

[Link: Repubblica, Corriere del Veneto, Dissapore]