Luigi Nastri lascia Settembrini a Roma e vola a Parigi alla Gazzetta

Tempo di lettura: 2 minuti

Gigi Nastri

Luigi Nastri ha lasciato il ristorante Settembrini. Come avevamo anticipato, al termine dei festeggiamenti dei 10 anni di vita di uno dei primi bistrot di Roma, ha deciso di voltare pagina. La sua destinazione è Parigi a La Gazzetta. Dal 3 gennaio 2013, Gigi Nastri sostituisce al timone del bistrot transalpino lo svedese Petter Nilsson.

Sembrerebbe dunque che Parigi sia la destinazione adatta per gli autori di una cucina di bistronomia come è quella che in questi anni Luigi Nastri ha proposto al locale trendy di via Settembrini. Una strada percorsa anche da Giovanni Passerini, tra i più talentuosi protagonisti della scena gastronomica francese che, dopo l’esperienza di Uno e Bino, ha ricevuto la consacrazione dal suo Rino a rue Trousseau nell’11e arrondissement.

Luigi Nastri va quindi a piantare una nuova bandierina tricolore con un annuncio che segue da vicino quello della prestigiosa apertura del nuovo ristorante di Massimiliano e Raffaele Alajmo al Passage des Panoramas e che rafforzerà la presenza italiana a Parigi che conta anche Simone Tondo a Roseval e il pizzaiolo Salvatore Rototori del Brigante, altri indirizzi in testa alle classifiche.

La Gazzetta è famosa per la sua formula neo-bistrot di cucina mediterranea. Aperto a pranzo e cena con una formula di attacco con un assortimento di tre piccole entrées (antipasto) e un plat (piatto principale) a 19 €.

Per la sera, le offerte di menu variano da 45 a 65 € (c’è anche il vegetariano) con 2 entrées, 1 plat e dolce.

Su cosa punterà Luigi Nastri a rue de Cotte è ancora troppo presto per dirlo, ma l’anima mediterranea del menu della Gazzette non potrà che beneficiare dal suo arrivo come anche la carta dei vini.

pizza entrée La Gazzetta

Dal menu, invece, sparirà la voce “pizzetta” servita come spicchio in entrée o come piatto (11 € la Margherita).

spaghetto tartare uovo Luigi Nastrimanzo alla cenere Luigi NastriGranchio, pesche e peperone di Luigi Nastri

Nella lunga teoria di piatti che Luigi Nastri ha proposto in questi anni al Settembrini di Roma, ho pescato tre piatti che potrebbero stuzzicare la fantasia alla nuova tavola.

  1. Spaghetto acqua e farina con tartare di manzo e uovo morbido
  2. Manzo alla cenere con verdure
  3. Granchio, pesche e peperone

Non resta che attendere gennaio e mettere in agenda l’indirizzo per scoprire le nuove formule entrée + plat del romano Luigi Nastri ora di stanza a Parigi.

La Gazzetta. 29 rue de Cotte – 75012 Parigi. Tel. +33 (0)143474705

[Immagine pizza: blissinthecity.fr]

4 Commenti

    • Nessuno per ora, nel senso che c’è il suo secondo Emiliano Valenti a dirigere la cucina con una connotazione un po’ più romana dei piatti.
      Qualche contatto con altri chef a quanto risulta c’è stato. Vedremo quale linea sceglieranno ora che hanno aperto anche Officina

  1. Adoro l’atmosfera a La Gazzetta, dove cerco sempre di andare quando mi trovo a Parigi. E mi piace molto la cucina di Nastri. Quindi la prossima volta a Paris sarà una visita gazzettiana piacevole al quadrato 🙂

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui