Chiacchiere a Carnevale: la ricetta di Gabriele Bonci per farle a casa

Le Chiacchiere di Carnevale di Gabriele Bonci sono fritte ma sono tanto leggere che sembrano fatte al forno. Ecco la sua ricetta perfetta

Ricette

Nuovo capitolo dedicato alle chiacchiere di Carnevale con quelle di Gabriele Bonci a Roma.

Avete apprezzato la ricetta di Sal De Riso con oltre 135 mila letture. Il che ha generato il fondato sospetto che, nella lista della spesa dei dolci di Carnevale dal Nord al Sud dell’Italia, le chiacchiere siano il vero piatto nazionale.

Cambia solo il nome a seconda del luogo di produzione. A Napoli sono appunto le chiacchiere come le fa il pluri-citato Sal De Riso.

A Roma, invece, si chiamano frappe.

Le migliori fritte? Probabilmente le chiacchiere di Gabriele Bonci al Forno di via Trionfale (autore anche delle castagnole, se le avete perse). Fritte ma tanto leggere che non avresti dubbi: sono fatte al forno.

E poi hanno un altro indubbio vantaggio. Costano 18 € al chilo. Non posso essere certo che siano le più economiche di tutta Roma, ma sicuramente il rapporto qualità – prezzo è al limite dell’imbattibile.

E come le fa Gabriele Bonci queste chiacchiere? Ecco la ricetta appuntata a volo che vi copio incollo dicendovi che il procedimento è quello normale e le dosi sono per una super produzione. Ma chi di voi resisterà alla tentazione di lasciarle invariate e non dividere tutto per quattro?

La ricetta delle chiacchiere di Gabriele Bonci

chiacchiere Gabriele Bonci

Ingredienti

1800 g di farina Tipo 00 debole
200 g di fecola di patate
600 g di uova
160 g di zucchero a velo
240 g di burro
80 g di rum
100 g di mistrà
16 g di sale
6 g di vaniglia in polvere
2 g di cannella in polvere
180 ml di vino bianco

Come preparare le chiacchiere di Gabriele Bonci

  1. Fare una fontana e impastare gli ingredienti. Il burro deve essere a temperatura ambiente.
  2. Lavorare l’impasto in modo da renderlo omogeneo. Gabriele Bonci spiega che bisogna lavorare l’impasto delle chiacchiere a lungo per renderlo liscio.
  3. Lasciare riposare l’impasto per circa un’ora.
  4. Stendere la sfoglia con il matterello o con la macchinetta. L’importante è che sia sufficientemente sottile.
  5. Porzionate in modo da friggere in sequenza. Eviterete di avere un impasto secco.
  6. Tagliate strisce con la rotellina.
  7. Friggere nell’olio a 190°C. Friggete poche chiacchiere alla volta e siate veloci a girarle e a tirarle fuori con un mestolo bucherellato per appoggiarle sulla carta.
  8. Mettetele nel vassoio e cospargete le chiacchiere come le fa Gabriele Bonci con lo zucchero a velo.

Se non vi dovessero riuscire croccanti e leggere come in foto, andate al Forno a via Trionfale (Tel. +390639734457).




Di Vincenzo Pagano

Di Vincenzo Pagano

Fulminato sulla strada dei ristoranti, delle pizze, dei gelati, degli hamburger, apre Scatti di Gusto e da allora non ha mai smesso di curiosare tra cucine, forni e tavole.