Roma. Marzapane riapre con la carbonara a cena e diventa più grande

Tempo di lettura: 2 minuti

marzapane rinnovato roma

Riapre stasera Marzapane, il bistrot del trio Alba Esteve Ruiz-Mario Sansone-Angelo Parello che presenta una rinnovata veste progettata dallo studio Salefino, spazi più ampi e una formula gastronomica rivisitata in qualche dettaglio.

Mario Sansone

Che cosa ho fatto? sembrava pensare questo Mario Sansone solo all’inizio di questa settimana in cui è riuscito a portare a termine i lavori di ampliamento sfruttando la pausa estiva e ad accorpare il locale attiguo realizzando una nuova cucina.

Alba Esteve Ruiz

Metri quadri in più che fanno comodo a Alba Esteve Ruiz e non solo alla sala che vede crescere i coperti a disposizione da 22 a 36.

Cambierà qualcosa oltre alla maggiore disponibilità di spazio per la felicità dei nuovi e vecchi clienti?

Il giorno di chiusura diventa mercoledì (e quindi la domenica Marzapane sarà aperto) e sarà rivista la proposta del menu della sera con l’inserimento della carbonara la cui assenza a cena era diventato motivo di malcontento per alcuni commensali che avevano in animo di assaggiarla.

Carbonara Marzapanericetta tocinillo de cielo

La carbonara entra in carta con il nome Carbonara 2013 (14 €) ma sarà disponibile anche nel nuovo menu degustazione di carne da 30 €:

  1. Amouse bouche
  2. Polpetta di bollito selezione “la Granda” con verza e salsa BBQ semi piccante …
  3. Carbonara 2013
  4. Maialino di latte con burro porchettato, dadolata di melanzane e crema di scamorza affumicata …
  5. Tocinillo de cielo con panna alla vaniglia e croccante di mandorle …

La formula storica sarà adottata anche con un menu pesce. E resteranno invariati gli altri due menu da 35 e 55 €.

Piacerà il nuovo Marzapane? Al primo sguardo si apprezza la migliore distribuzione degli spazi in sala grazie alla pianta quadrata. La cucina ha un andamento verticale e conserva la vetrata che permette di guardare le lavorazioni. Accanto, lo scaffale per i vini che chiude l’area riservata al tavolo tondo dello chef.

La prima scommessa sul rinnovamento dell’ambiente senza tradire l’immagine da bistrot sembra vinta. Ora la parola passa ad Alba Esteve Ruiz chiamata a migliorare ulteriormente le sue performance in cucina.

1 commento

  1. A patto che comincino a prendere le prenotazioni telefoniche senza prima aver lasciato in attesa chi chiama per più di 7 minuti 7.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui