ciao_checca

Dite la verità, avete mangiato la pasta alla Checca fatta come si deve negli ultimi tempi?

Non un’insalata fredda o una mappazza di mozzarella, ma una pasta calda con i cubetti ben distinti di mozzarella e pomodoro, profumata di basilico?

Vi svelo un segreto: a Roma c’è Ciao Checca dove gustarla. Non è un ristorante né trattoria, ma un locale di street food (e qui vi ricordo i 20 migliori in Italia secondo la guida del Gambero Rosso), anzi, di slow street food.

Lo hanno creato Matteo Morichini, Nicola Contaldi La Grotteria e Fabio Buonomo.  Molte ricette di Ciao Checca appartengono alla famiglia di Matteo, marchigiano di origine, che ama cucinare e tanti prodotti utilizzati fanno parte dei presidi Slow Food e sono anche dop e bio.

Anche l’arredamento e il packaging sono realizzati con materiali riciclati da smaltire nel rispetto dell’ambiente. Inoltre il menù prevede le variazioni gluten free, con l’approvazione dall’AIC.

Si cucina espresso e con i fornelli a vista. Alcuni dispositivi elettronici vibrano e comunicano che i piatti ordinati sono pronti. Due salette molto informali consentono di mangiare e restare connessi con il wifi free.

Ho assaggiato per voi i cavalli di battaglia di Ciao Checca.

pasta_alla_checca

Partendo proprio dalla pasta alla Checca (6,50 €, versione gluten free 8,50 €)

lenticchie_ciao_checca

Lenticchie di Rascino con barrata burrata e cipolle glassate al miele (7,50 €).

cicerchia_cicoria_ciao_checca

Cicerchia e cicoria (6,50 €): una ciotola piena di purea di cicerchia, leggermente granulosa, saporita quanto basta, con tanta cicoria (non scotta) e un filo di olio! È un vero comfort food, da mangiare sul divano dopo una giornata di lavoro.

cheeseburger_ciao_checca

Patty Melt Cheeseburger (8,50 €, versione gluten free 12 €): hamburger di manzo danese, tenerissimo e rosa dentro, con cipolle glassate al miele, emmenthal e pane integrale in cassetta, tostato.

Oltre i piatti del mese (la stagionalità si rispetta sempre) troverete anche alcuni piatti del giorno, segnati sulla lavagna,:insalate, verdure, frutta e dolci (crostata di visciole a 2,50 €, cassatina siciliana a 1,50 € e gianduiotti alla vecchia maniera a 4,50 € l’etto).

Da bere ci sono vini bio (pochi ma buoni), birra artigianale, estratti e centrifughe di frutta e verdura.

L’idea di Ciao Checca è piaciuta anche oltre confine, tant’è che a fine del 2014 è stato aperto un punto vendita al Mercado Colon a Valencia.

Può piacervi per una pausa pranzo diversa?

Ciao Checca. Piazza di Firenze 25/26. Roma. Tel. +39 06 68300368

3 Commenti

  1. Indirizzo segnato e riportato nella mappa “locali de Roma”, per la prima occasione utile.
    Ne approfitto per la solita noiosa segnalazione di mistyping:
    “con barrata e cipolle glassate”
    immagino sia un refuso di “bUrrata”

  2. Interessante … anche se a prima vista mi sembrava il clone, da molti punti di vista, di un altro locale romano, tanto che per un momento ho pensato che ne fosse una costola.

  3. La meglio checca che si possa mangiare 🙂
    L’ho scoperto settimana scorsa sull’app Rosteria.
    Ero in centro e l’app mi ha segnalato che era vicino, quindi l’ho provato. MONDIALEEE!!!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui