pastiera ricetta

Dici Pasqua e pensi pastiera: almeno è così per buona parte della popolazione e non solo partenopea.

A Napoli non c’è Pasqua, Pasquetta e giorni a venire senza una succulente torta di pasta frolla ripiena di grano, ricotta, canditi. E, a casa mia, crema pasticcera.

E a questo punto molti grideranno al sacrilegio: “Ma come, ancora la pastiera con la crema pasticcera?”.

E perché no, direi io, in fondo con Carlo Cracco abbiamo sdoganato un po’ le ricette di tradizione.

Eccovi quindi “a pastiera e mammà”, ancora più cremosa, succulente e goduriosa della versione classica.

Certamente il mio personalissimo parere non vi basterà e quindi non vi resta che provare. Anche dopo aver consultato la guida perfetta a tutti gli ingredienti.

Pastiera con crema e in planetaria

pastiera crema pasticcera

Ingredienti per una pastiera di 30 cm di diametro

Per la pasta frolla

500 g di farina
200 g di burro o 150 g di strutto
175 g di zucchero
2 uova

Per la crema pasticciera

500 ml di latte
scorza di limone
2 uova
75 g di zucchero
50 g di farina

Per il ripieno

400 g di grano cotto
600 g di ricotta di pecora
500 g di zucchero
7 uova
75 g di cedro candito
75 g di arancia candito
50 g di burro
2 ml di acqua di fiori d’arancio

pastiera napoletana

Procedimento

In una planetaria unire la farina e il burro (o strutto).

Aggiungere lo zucchero e le uova e lavorare l’impasto sino ad ottenere una palla liscia e omogenea.

Avvolgerla nella pellicola e lasciarla riposare in frigorifero per qualche ora.

Per la crema pasticcera versare il latte in un pentolino, aggiungere la scorza di limone e portare a bollore.

In un altro pentolino, lavorare le uova con lo zucchero.

Aggiungere la farina e amalgamare bene.

Incorporare il latte, mettere sul fuoco e cuocere a fuoco lento, continuando a mescolare sino a quando la crema si sarà addensata.

Eliminare la scorza d’arancia, aggiungere il grano cotto e portare a bollore.

Lasciare intiepidire.

Setacciare la ricotta e lavorarla con lo zucchero e le uova sino a ottenere un composto omogeneo.

Versare il composto di crema e grano in una ciotola capiente, aggiungere il composto di ricotta, zucchero e uova, il cedro e l’arancia canditi, il burro fuso e l’acqua di fiori d’arancio e amalgamare bene.

Trasferire la pasta su una superficie leggermente infarinata e stenderla sino a raggiungere lo spessore di circa mezzo centimetro.

Rivestire uno stampo da 30 cm precedentemente imburrato, ritagliare la parte eccedente e da questa ricavate delle striscioline.

Versare il ripieno nello stampo e decorarlo con le striscioline di pasta e far cuocere a 180° per circa un’ora e mezzo.

E ora rispondete: la ricetta con crema pasticcera è un sacrilegio?

10 Commenti

  1. Mia Nonna, dagli albori del 1900, la faceva con la doppia crema, gialla e di ricotta.
    Aveva imparato da sua madre che, e` ragionevolmente presumibile, praticasse questa ricetta gia` da prima dell’invasione del Regno.
    Saro` di parte e troppo legato ad antichi ricordi, ma cosi` la trovo buonissima.

  2. Non essendo napoletano che per il quarto di nonno materno non dovrei avere voce in capitolo… ma mi arrischio e vi dico che la trovo fuori luogo e la trovo buonissima con la “semplice” ricotta. Tra l’altro oggi si trovano ricotte buonissime e cremosissime che in antico ci si sognavano… Dunque… solo ricotta secondo me! (Massimo di PisaLivorno)

  3. prima la facevo senza crema, poi una mia amica napoletana mi ha dato la ricetta con la crema
    beh!!!!! è molto piu’ buona e soprattutto più delicata.

  4. Hello there,

    My name is Aly and I would like to know if you would have any interest to have your website here at scattidigusto.it promoted as a resource on our blog alychidesign.com ?

    We are in the midst of updating our broken link resources to include current and up to date resources for our readers. Our resource links are manually approved allowing us to mark a link as a do-follow link as well
    .
    If you may be interested please in being included as a resource on our blog, please let me know.

    Thanks,
    Aly

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui