Gabriele Bonci pizza Spartaco

Gabriele Bonci parte con un nuovo progetto. Dopo l’ampliamento dello storico Pizzarium, è la volta di Spartaco la nuova pizzeria che il pizzaiolo più famoso di Roma apre insieme ad Alice Pizza.

Anzi, più che una pizzeria, Spartaco 100% pizzaromana sarà una catena di pizzerie. Ma speciali. Popolari nella proposta della pizza. E “umane” perché ogni gestore avrà una quota di partecipazione, gratuita, all’attività di impresa.

Gabriele Bonci nuova pizzeria Spartaco

“I nostri ragazzi più bravi diventeranno proprietari al 50% di uno Spartaco”, spiega Gabriele Bonci.

Una pizza popolare perché avrà nella rossa scrocchiarella e nella teglia “basica” il punto di forza della proposta. Lo vedete dagli slogan scelti per il lancio.

Ogni Spartaco di Roma avrà come desinenza il codice di avviamento postale della zona.

Si parte con lo 00163 di via della Pisana.

“Io e il mio socio siamo di via della Pisana e quindi siamo partiti da qui”, sottolinea Bonci.

pizza in teglia pizza in teglia Gabriele Bonci Roma pizza in teglia olio

Intanto, per un assaggio della pizza pop rossa che è molto vicina alla focaccia barese, potete andare al chiosco che Bonci ha aperto agli Internazionali di Tennis al Foro Italico.

“Siamo subentrati perché chi aveva prenotato lo spazio è già super impegnato a Tuttofood e a Expo e ci ha dato lo stand in comodato. Mi sembrava bello partecipare all’evento ed eccoci con la nostra pizza morbida da teglia”, conclude.

pizza Gabriele Bonci

Eccellente, ma che ve lo dico a fare?

12 Commenti

  1. Caspita Alice pizza e Bonci insieme! Interessante mix tra due personalità che hanno fatto due percorsi molto diversi. Sicuramente un successo garantito. Bellissima anche l’ idea sociale di dare un opportunità a persone che lo meritano. Io sono di monteverde e lo stesso concetto lo hanno applicato da Pane e Tempesta che ho sottocasa. Finalmente prodotti che abbinano qualità e prezzi popolari. Novità positive!

  2. Se vogliamo fare i romani, a Roma però si dice “tiella”!
    Se poi vogliamo fare i romani alla Celentano, o i burini…

  3. Dopo le pizze altissime e gourmet, non mi spiace affatto vedere l’idea di Bonci applicata alle pizze classiche, scrocchie, romane. A dirla tutta, sentivo anche un po’ il ritorno alle origini.

  4. Scusate l’OT…

    @Barabba: a Pasqua l’hai comprata la colomba di Pane e Tempesta?
    Era buona? Ho letto che le colombe erano da mezzo kilo: prezzo?

    Grazie 🙂

  5. @lallo La colomba di Pane e Tempesta era spettacolare. Come il panettone di natale. Il prezzo non lo ricordo perché ogni volta che vado faccio spesa tra pane ai cereali e altre sfiziosità. Considera che l’ho fatto assaggiare ai miei e vogliono solo quel pane lì. Tanto dura parecchio ed è sempre buono come al primo taglio

    • OK! Quest’anno ho comprato la colomba di Prelibato ed era anch’essa buonissima: l’anno prossimo valuterò quella di Pane e Tempesta; a risentirci quindi… 🙂

  6. Io abito a Milano, ma vengo spesso a Roma, qualche giorno fa sono andata al nuovo forno di Bonci e se devo proprio dire la verità pensavo meglio, ho preso la pizza rossa e per venti euro al kg. per una
    “pizza rossa banale” mi è sembrato davvero esagerato!

    • Concordo.
      buona ma non speciale.
      IMHO la pizza rossa più buona a Roma la fa ancora Roscioli, al forno di via dei Chiavari.
      Con buona pace di tutte le pizzerie/impasti/pizzaioli gourmet!

      • dopo lunghe e attente degustazioni, secondo me come pizza meglio quella del Forno di Campo dei fiori. Quella di Roscioli mi sembra sempre un po’ troppo unta… Per quanto riguarda il pane, invece, non posso fare a meno di quello di Roscioli…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui