Tokyo. Cosa mangiate da Heinz Beck che fa sventolare la bandiera italiana in Giappone

Tokyo Giappone

Tokyo è una delle città dove mangiare meglio al mondo con sette ristoranti che svettano nella 50 Best asiatica e, al momento, L’Effervescenze al n. 85 della Word’s 50 Best Restaurants. Nella capitale giapponese trovi la massima espressione della cucina autoctona e tutti i tipi di ristorante etnico.

Dallo scorso settembre su questo ricco panorama gastronomico sventola anche una bandiera italiana.

C’è Heinz Beck che di fronte ai giardini imperiali, in una location meravigliosa, ha aperto Sensi.

Due le opzioni: il ristorante Heinz Beck in cui sono proposte le portate della Pergola di Roma. Oppure Sensi, aperto tutto il giorno per pranzo, tè, cena.

Antonio Strammiello

Io ho scelto Sensi e nel nostro viaggio gastronomico in Giappone, tra freschissimo sushi e succulenta carne di Kobe, nulla ci ha sorpresi ed emozionati come il pranzo preparato da Antonio Strammiello che avevamo conosciuto al Castello di Fighine.

Un percorso impeccabile tra un boccone che suscita la dolce nostalgia di casa e uno che fa scoprire sapori giapponesi, anche grazie alle ottime materie prime locali cercate pazientemente dallo staff del ristorante.

Noi abbiamo iniziato con una zuppetta con striscioline di calamari, alga rossa, barbabietola e ricci di mare per un piatto che sposa mare e terra. Calda e saporita.

carpaccio di tonno

Ecco il piatto che sa contemporaneamente di Italia e di Giappone: carpaccio di tonno con letto di pappa al pomodoro, crema di avocado, chips di olive e gocce di olio al basilico. Un connubio perfetto che esalta la tradizione italiana e l’eccezionale materia prima giapponese. Una portata fresca, con tono sia acido che dolce, perfettamente bilanciata. Veramente indimenticabile.

spaghetti con gamberi

La terza portata – spaghetti con gamberi marinati al lime, crema di piselli e cubetti di patata affumicata – ci sposta in Italia. Non sono tra i viaggiatori che hanno necessità della pasta costi quel che costi, ma qui sale la voglia di un buon piatto di pasta. Dopo ogni forchettata – da Sensi le bacchette lasciano il posto alle posate e per gli spaghetti si usa anche il cucchiaio – viene voglia di un altro boccone. Restiamo italiani e non possiamo fare a meno di sorridere e sussurrare ‘che buono’!

spigola in crosta

Con la spigola in crosta piccante e verdure in brodo di pesce secco ritorniamo al Giappone. Il pesce si scioglie in bocca, la croccantezza della crosta e le verdure chiudono un cerchio nuovamente perfetto.

faraona

Ancora combinazione emozionante dei gusti tra i due Paesi con la faraona con amaranto, purea di topinambur e spuma di zenzero. Carne cotta alla perfezione, saporita, spuma intrigante ma non eccessiva, quasi impalpabile. Un piatto eseguito magistralmente.

Il dolce, composizione di fragola con gelato di yuzu e mandorle glassate, mette d’accordo gli accaniti sostenitori dei dolci e i refrattari allo zucchero. Ottimo. Anche il brownie alla crema di lamponi e il dessert ‘bosco’ sono buonissimi.

Non so voi ma io metto Heinz Beck tra i massimi ambasciatori della cucina italiana all’estero. Ma forse avete voglia di raccontarci qualche altra vostra esperienza in Giappone.

Buonissima come la mia, spero.

Heinz Beck Sensi. 1-1-3 Marunouchi, Chiyoda-ku, Tokyo. 03-3284-0020

[Daniele Amato]

2 Commenti

  1. Che bei piatti…mmmmmmm! Sono stato a roma alla pergola dallo chef beck un paio di anni fa, che spettacolo!!!Continuate così!!!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui