Roma. Scatti di Gusto vi regala due cene firmate Igles Corelli a Sugo

Tempo di lettura: 2 minuti

Sugo Roma cibo e design

Sugo, il nuovo evento di Roma dedicato al design del cibo e della casa, ha aperto le porte agli amanti del bello e del buono.

Negli spazi delle Officine Farneto fino a domani è possibile vedere e acquistare oggetti di grandi marchi ed etichette di produttori indipendenti italiani e stranieri.

Ma Sugo è anche cibo pop e street food come hanno avuto modo di apprezzare i nostri lettori che hanno ricevuto in regalo i biglietti d’ingresso e le ricette del sugo per la pasta e per le polpette.

Sugo-bistrot-2

Io sono andata ad assaggiare i menu del Bistrot ideati dallo chef Igles Corelli, direttore della scuola di cucina Les Chefs Blanc coordinata da Sandro Masci. Li vedete nella foto qui sopra. Il vostro menu lo potete comporre scegliendo un antipasto, un primo, un secondo, un dessert e un dolce e vi costerà 35 € (per i bambini c’è quello dedicato a 15 €).

Io ho fatto la mia scelta e ho assaggiato alcuni piatti compresi i dolci di Giulia Steffanina.

Ve lo dico perché Scatti di Gusto ha intenzione di regalarvi due cene domenica sera.

Seguitemi.

Come antipasto ho scelto “I miei pastori lascian gli stazzi e vanno verso oriente” ovvero polpette cacio e ova con maionese di soia allo zenzero.
Tra i primi ho scelto “Una ninfea nel Mar Rosso ovvero timballino di pasta croccante alle verdure con guazzetto di pomodoro al basilico e timo.
Come secondo ho assaggiato “Il pollo ha mangiato troppo e si fuma una sigaretta ovvero rollè di pollo con purea di patate affumicato e salsa di cocco che mi è piaciuto molto.

Sui dolci ho sforato e li ho assaggiati tutti, ahimè.

  • Tortina di lime con spuma al frutto della passione e caviale gelato di lampone e fiori eduli
  • Babà al limoncello con crema di limone, mandorle pralinate e polvere di liquirizia
  • Crostatina di ricotta e visciole
  • Sacher estiva di cioccolato con gelè all’albicocca. 

Ora tocca a voi. Per ricevere in regalo le due cene ci aspettiamo di conoscere i nomi più fantasiosi che avete letto in un menu. Perché sono indecisa se attrae di più un nome che non ha bisogno di spiegazioni oppure un nome ad effetto con un sottotitolo.

Che mi dite entro domani, domenica 14 giugno alle ore 15? Ricordate: nomi fantasiosi per colpire il nostro insindacabile giudizio.

 

6 Commenti

  1. Serendipity nel giardino dei miei sogni
    Gnocchi di patate e senza farina, con cuore di caprino del Boscasso, emulsione di toma di San Pietro e Shabziger, nobile formaggio delle montagne svizzere, sfera di ricotta e agretti,
    pera in dolce-forte e pesto di aglio orsino

  2. “Sounds of the Sea”, piatto di frutti di mare e tapioca, abbinato ad un I-pod che riproduce il rumore delle onde del mare (The Fat Duck, West Berkshire)
    “Umami, il sesto gusto che affascina”, (Raviolo di riso, sfera di spinaci e sesamo, sushi di orzo e shitaké, tagliolini di alghe e carote novelle, con i gusti orientali che tutti amiamo)
    “Riflessione su dove vorrei essere, qui” (Müsli di mais e verdure con il latte di cocco preparato da noi, misto delicato di spezie himalayane, zucca e avocado). Il Joia di Pietro Leemann

  3. Anto e Alberto Dalmonte (inviate a infoatscattidigusto conferma e recapito telefonico) saranno ospiti di Scatti di Gusto al Bistrot di Sandro Masci.

    A stasera

  4. Grazie ancora… piatti e nomi davvero originali! Avrei voluto postare le foto del pollo satollo che fuma ma da qui non ci son riuscita 🙁

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui