Gelato. La sostenibile leggerezza del food truck Frigo che preannuncia insoliti aperitivi

Tempo di lettura: 3 minuti

Frigo food truck gelato

Food truck e aperitivi si contendono la medaglia d’oro della scena modaiola del cibo. Tanto che gli ex camioncini ormai sfornano anche pizze e i locali di happy hour fanno a gara per chi usa meglio l’ingrediente esotico dell’anno. Come la quinoa, tormentone dell’estate 2015 tra i buffet.

L’idea di unire le due cose non era ancora venuta a nessuno, poi è arrivata la mente di Cristina Bowerman, che già con l’Ape Romeo ci aveva visto lungo. Insieme al compagno Fabio Spada, la chef del ristorante stellato Glass Hostaria e di Romeo Chef&Baker si è inventata “Frigo“: un van colorato che riporta al secolo scorso, con forme e colori vintage (è così scontato ripetere che anche il vecchio è di moda?).

Ma di datato, Frigo, ha ben poco, perché si impone come unico esemplare di gelateria per l’aperitivo.

Vanessa Croce

Un’ape-gelato, anche il nome suona bene. E per gli amanti del gelato che lo mangerebbero h24 e da qualsiasi bancone compreso quelli montati su un’ape (tipo me), è sicuramente una bella novità. Ad aiutare i Bowerspada c’è Vanessa Croce, che ha un’esperienza di gelatiera alle spalle e che in molti hanno già visto all’opera in sala nel locale trasteverino che porta avanti la “coppia gastronomica”.

gelato artigianale

Veniamo al dunque. Cosa si mangia? Ovviamente, gelato artigianale: latte fresco, panna, tuorlo d’uovo, cacao puro e altri ingredienti naturali, promettono. E per i gelati alla frutta saranno utilizzati frutta di stagione, zucchero, acqua o latte. Banditi grassi idrogenati, aromi artificiali, coloranti industriali.

Per il cioccolato, ad esempio, si parte dalla massa di cacao (del Venezuela) ottenuta dalla lavorazione delle fave di cacao, “no” all’aggiunta di zucchero e lecitina. Il caffè è l’Haiti Komet di Gianni Frasi, le nocciole sono piemontesi e i pistacchi sono di Bronte e del Mediterraneo, ma avvertono che dovendo far riferimento al raccolto del 2014 il gusto non sarà sempre tra le proposte di Frigo. Infine la mandorla bianca è di Noto.

cono gelato

Gli ingredienti sono accostati tra loro col solito estro della Bowerman, che ha già promesso di mescolare ricordi d’infanzia e un gusto vagamente retro con suggestioni esotiche. Tanto per fare qualche esempio, a bordo del van trovate il gelato al wasabi e amarene, il fiordilatte con biscotti Gentilini o il gusto allo sciroppo e acqua di rose del Libano.

cucciolone Frigo

Per gli amanti del famoso “Cucciolone”, gelato racchiuso in due biscotti, i tre hanno pensato a un “Biscotto Express“. Si sceglie il gusto preferito e si crea un sandwich dolce.

Chi adora la banana-split sarà entusiasta. Perché dal van uscirà anche la “Banana FreeGo”, versione della casa del famoso dolce, che diventa da passeggio come si conviene a un gelato-street food. Quindi via libera a cialda croccante, banana a rondelle, gelato nei gusti crema, cioccolato e fragola, panna montata e l’immancabile ciliegina.

gelaperitivo

E poi la proposta che potrebbe sbaragliare la concorrenza e battere insalatine a base di quinoa e cocktail ormai passati di moda. Si tratta del Gelaperitivo: gelato alla frutta affogato con gelatina alcolica a base di Aperol, Bitter Campari, Vodka alla pesca o vino spumante.

Anche qui, i tre hanno già pensato agli abbinamenti tattici per salire sul podio e affermarsi come aperitivo dell’estate 2015. Aperol e gelato di ananas, Campari con fragola o lampone, Vodka e limone, spumante con la pesca. Ma la fantasia, come anche la pazienza di Veronica Croce, non ha limiti. Perciò la gentilissima gelatiera (si dice così?) darà sfogo a tutte le richieste dei clienti, con cocktail “gelatosi” per ogni palato.

panna gelato

Per sapere dove potrete trovare Frigo, basta sintonizzarsi sulla pagina Facebook e seguire gli spostamenti.

Vi siete ingolositi come me?

[Immagini: Corrado Murlo]

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui