Milano. Crazy Cat Cafè, ovvero il folle mondo dei gatti

Tempo di lettura: 2 minuti

Crazy Cat Cafè Milano

Verso la fine di ottobre aprirà in via Napo Torriani a Milano, in zona Stazione Centrale, il Crazy Cat Cafè, sul modello dei “neko bar” giapponesi. In Italia hanno già aperto alcuni locali simili, ad esempio a Torino e a Roma – sembra che i locali di “petting” inteso come coccolamento dei pet, degli animali da compagnia, e dei gatti in particolare, siano la tendenza del momento.

Crazy Cat Cafè soci

I due soci, Alba Galtieri e Marco Centonza, hanno deciso di lanciarsi nell’impresa dopo aver visto un “neko cafè” a Osaka. Trovato il locale giusto, lo hanno riempito di giochi e cuscini e percorsi per i mici, si sono procurati sei gatti (naturalmente abbandonati), lo hanno arredato con mobili e oggetti vintage e moderni, e stanno rifinendo il tutto.

gatto cane

I gatti sono già lì, a guardarsi in giro con aria interessata, e spesso si mettono in vetrina a osservare con aria felinamente indifferente il mondo all’esterno, soprattutto i cani che passano e che si fermano perplessi – sarà un parco giochi per noi cani? Un emporio take away? Un club di incontri?

Oltre che dagli avventori, i mici saranno seguiti e coccolati da nutrizionisti e comportamentisti. Gli avventori inoltre potranno bere un caffè o un cappuccino, ascoltare musica, chiacchierare, leggere – e coccolare, ovvio. Petting estremo.

la ricetta del gateau gattò di patate-09

Immagino già  quali saranno i punti forti dell’offerta alla clientela di Crazy Cat Cafè, oltre ai mici (ne ho visti tre, e sono bastati per mettermi davanti alla vetrina a quattro zampe per accarezzarli attraverso il vetro): cocktail come l’Alley Cat, o i vini dell’azienda trevigiana Gatti, accompagnati da gattò di patate, tv che trasmetteranno solo Amici, cineforum con Gli Aristogatti, FBI Operazione Gatto e La gatta sul tetto che scotta, attori che leggeranno poesie di Alfonso Gatto e concerti di Gino Paoli che canterà ininterrottamente La gatta.

gatto in vetrina

Per i gatti, annate di Topolino da sfogliare, insalatine gourmet di erba gatta bio, a km0, cocktail Tweety Bird e bottiglie di Nyan Nyan Nouveau, vino per gatti, rosso, giapponese. Appunto.

Crazy Cat Cafè. Via Napo Torriani, 5. 20124 Milano.

9 Commenti

  1. Un nuovo cat cafè evviva..
    Io son stata da Romeow Cat Bistrot,quello di Roma, è e si mangia divinamente!
    I gatti sono meravigliosi!!!!
    Evviva i Cat Cafè!!
    Braviiiii

  2. I primi in Italia sono a Torino, poi quello di Roma e poi Milano..
    Scrivete bene, sembra che è il primo in Italia!
    Comunque quello che conta è che questi posti sono deliziosi e si stanno diffondendo in ogni dove
    🙂

    • Gentile Serena, copio e incollo qui le prime righe del post:
      Verso la fine di ottobre aprirà in via Napo Torriani a Milano, in zona Stazione Centrale, il Crazy Cat Cafè, sul modello dei “neko bar” giapponesi. In Italia hanno già aperto alcuni locali simili, ad esempio a Torino e a Roma –
      non pensavo fosse necessaria una classifica o un ordine di arrivo, e comunque il “già” dovrebbe rendere il locale milanese quantomeno terzo

    • Avevo la gatta nel locale già quattr’anni fa. Fortunatamente, da ottima bestia qual era, si faceva gli affaracci suoi e non pensava minimamente a subire del petting da parte dei clienti del locale. Prima ancora frequentavo il locale di un tizio che ci faceva allegramente ruspare la gallina. Quindi in classifica Torino un par de ciufoli. Ora nel mio locale -morta la gatta- c’è un topolino campagnolo. Da stanare. Perché – non so perché – ai clienti passa la poesia e non ci fanno il petting.

  3. Sarà anche poco petting e poco catting, ma sono anni che l’ottimo bar ristoro delle grotte di Bossea (CN) è allietato da una decina di gatti meravigliosi, per lo più rossi e dal carattere discreto (vedi gatta di Ivano), che han la fortuna di decidere quando uscire a farsi un giro e quando dormire al caldo, al contrario dei loro colleghi che guardano il mondo da un vetro nei Cat Cafè.
    Certo, non avranno il nutrizionista al seguito, ma godono giornalmente delle affettuose pappe dei loro proprietari e delle trote del Corsaglia (spesso sottratte agli incauti pescatori, d’altra parte non hanno nemmeno il comportamentista!!).
    Fan vita da veri gatti, e, a vederli, non dev’essere poi tanto male stare lì. 🙂

  4. Romeow Cat Bistrot di Roma è una cosa meravigliosaaaaaaaaa!
    Ci vai per i gatti ma credetemi che ci ritorni soprattutto per il cibo!!

  5. Che bello che si stanno diffondendo in ogni dove.
    Sono stata a quello di roma e non ho parole per la bellissima esperienza che ho vissuto.
    Gatti, cibo incredibile e sano, musica di quelle che si vede che non sei uno sprovveduto.
    Un luogo incantato dove non credi di essere a roma.
    Unico!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui