pizza fritta Gino Sorbillo

Gino Sorbillo apre una nuova Zia Esterina, la pizzeria interamente dedicata alla pizza fritta, al Vomero.

Nel quartiere residenziale di Napoli Sorbillo pensava di aprire già da un po’ di tempo.

“È un quartiere vivace con ritmi e tempi differenti dal Centro Antico e dal Lungomare. Cercavo solo una posizione interessante”, spiega il pizzaiolo che ha lanciato accanto alla sede storica di via Tribunali la pizzeria Scaramantica con il tavolo a ferro di cavallo e un format ancora in parte da svelare.

nuova pizzeria Sorbillo Vomero nuova pizza fritta Sorbillo Vomero Napoli

La nuova Zia Esterina è a via Luca Giordano, proprio di fronte al Teatro Diana, uno dei punti di riferimento storici dei vomeresi doc, e accanto al bar Cafè do Brasil.

Il locale è quello che era occupato dall’Ottica Pedone.

Gino Sorbillo e Franco Costa

I lavori inizieranno a giorni e l’apertura è prevista nei giorni antecedenti le feste di Natale se non ci saranno intoppi.

Il locale sarà curato da Franco Costa di Costagroup che tra le sue ultime realizzazioni annovera Casa Clerici di Antonella Clerici e realizzerà la Zia Esterina a Milano in zona Duomo.

pizza fritta Sorbillo

Novità non mancheranno sul versante gastronomico.

Gino Sorbillo ha messo a punto un impasto con farina 1 con cui ha realizzato sia la pizza fritta che la classica tonda con farcitura bianca di provola.

pizza Sorbillo nuovi forni e impasti

Un rapido assaggio e la convinzione che le farine “alternative” possano entrare di diritto in uno dei templi della pizza napoletana.

Voi siete pronti per questa ulteriore novità del più vulcanico e mediatico pizzaiolo che si conosca?

9 Commenti

  1. Un affettuoso “in bocca al… cliente” alla Zia Esterina, ed una richiesta un po’ particolare da parte di un goloso : quando avrete tempo, potete inviarmi per e-mail la ricetta originale della pizza fritta “casalinga” ? Vi ringrazio in anticipo, augurandovi ancora tanta fortuna !

  2. Sono contenta che Sorbillo apre al vomero e che farà pizze fritte ma è l’ennesimo locale mangereccio che si apre al vomero (invaso da patitine, crostoni, bar, pasticcerie etc) e che come al solito penserà solo ed esclusivamente alle persone “normali” e non penserà minimamente a chi come me essendo allergico al glutine (e quindi celiaco) si può solo sognare una pizza.
    Vi ricordo che il mercato del celiaco è in espansione e che gli intolleranti al glutine sono in aumento quindi perchè non pensare anche a noi?
    Anche noi abbiamo diritto a poter uscire mangiare qualcosa che sia stree food o in un ristorante.

    • anche io sono un celiaco!
      amo le pizze fritte… che al momento mi fa solo mammà!
      Tristezza e desolazione quando siamo in giro…
      poche pizzerie attrezzate, molte che hanno un impasto “industriale” con una resa davvero pessima, poche quelle degne di nota… pochissime forse solo un paio quelle che fanno la pizza fritta…

      sarebbe interessante vedere come il buon Gino si possa cimentare nella sfida della farina senza glutine!!!

  3. anche io sono un celiaco!
    amo le pizze fritte… che al momento mi fa solo mammà!
    Tristezza e desolazione quando siamo in giro…
    poche pizzerie attrezzate, molte che hanno un impasto “industriale” con una resa davvero pessima, poche quelle degne di nota… pochissime forse solo un paio quelle che fanno la pizza fritta…
    sarebbe interessante vedere come il buon Gino si possa cimentare nella sfida della farina senza glutine!!!

  4. Con Tutto Il Rispetto E La Stima Ma Adibire Un Locale Esclusivamente Per La Pizza Fritta Mi Sembra Un Po’ Una Copiarella Dell’Antica Friggitoria “Masardona” che Pur Essendo Stellata Michelin Ha Preferito Mantenere I Suoi Standard Di “Popolarità” Restando Come Unica Sede In Un Quartiere Popolare…Nonostante Tutto In BoccaAl Lupo Per Questa Nuova Apertura 🙂

      • E’ una metafora.Forse Giuseppe vuole mettere la Masardona al primo posto, nella città di Napoli, nell’ambito della pizza fritta e le ha assegnato una stella.
        Ma intervengo anche perché considero l’ultima parte del commento(le ultime due frasi) degne di grande attenzione.
        E’ un punto di vista diverso che è presente tra i Napoletani
        Ognuno ha la sua classifica personale.
        Su Sorbillo non c’è unanimismo, come per Diego Maradona.
        .
        Io sono sempre a rischio di espulsione.
        Vincenzo P mi ha lasciato finora dire quello che penso di alcuni pizzaioli mediatici: li ho spesso criticati.E lo ringrazio.
        Ma non posso spingermi oltre.

        • Sergio, non ti preoccupare dei limiti circa i commenti su pizza&pizzaiUoli: pensa all’annunciato rapporto OMS riguardante il caffè
          IL CAFFE’!!!
          In quel caso si che dovremo legarci la lingua, tagliarci le dita per evitare di scrivere, e correre a confessarci per tutti i sordidi aggettivi che ci vengono alla mente! 🙂

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui