moeche fritte piatto

A Venezia, in laguna, è il periodo che molti, amanti della cucina classica e tradizionale Veneziana, aspettano con trepidazione e acquolina in bocca.

È il momento delle moeche e, se non le avete ancora assaggiate, vi consiglio vivamente di farlo.

moeche

La moeca o granchio verde è un crostaceo che in questo periodo dell’anno perde la sua corazza e in breve tempo deve essere pescato, prima che raggiunga il mare.

Questo perché a contatto con l’acqua salmastra, la sua corazza si ricostruisce e a quel punto non potete più mangiarlo.

Per qualche settimana, in primavera e in autunno, sono il piatto più prelibato e richiesto anche dai turisti.

Le moeche due volte l’anno vanno in muta, spogliandosi del carapace per adattarsi alla nuova stagione. La moeca, dunque, non è altro che un granchio che perdendo la sua corazza, prima di rigenerarla, rimane molle e tenero.

I primi a pescare i granchi molli furono alcune famiglie di pescatori di Chioggia che per oltre due secoli si tramandarono il “segreto” della pesca di padre in figlio.

mercato pesce Venezia

Segreto che venne meno grazie all’abilità e furbizia dei pescatori Buranesi che allargarono il consumo e la fama a cavallo degli anni ’50 del secolo scorso a tutta la laguna veneta.

Le moeche sono il piatto forte di molti ristoranti e bacari, nonostante il prezzo che quest’anno si attesta tra i 5 e i 7 € al pezzo e tra i 50 e i 70 € al kg al mercato di Rialto.

La pesca di questi granchi è molto laboriosa e il risultato finale è appunto un prezzo elevato.

I granchi maschi si pescano durante la Quaresima (marzo-aprile) e la Fraìma (ottobre-novembre). Le femmine invece tra maggio e luglio. In autunno le femmine sono piene di uova e non mutano più. Se catturate in questo periodo sono chiamate Masenete.

Nei ristoranti e nei bacari (qui ne avete 12 economici e qui ne avete 30 divisi per sestieri), le moeche vengono cucinate espresse e/o su ordinazione. Ecco tre indirizzi che dovete mandare giù a memoria.

1. Al Vecio Fritolin

moeche con castraure

Da mangiare da sole, o su un letto di polentina bianca e morbida o ancora abbiate a verdure di stagione, sempre fritte, come ce le propone il Ristorante Al Vecio Fritolin, locale storico della Venezia del 700, della sempre sorridente e cordiale Irina Freguia che con il suo chef creativo, Daniele Zennaro, sono una garanzia a Venezia.

In questo periodo, un buon piatto con 4/5 moéche e verdure fritte di stagione costa intorno ai 25 €.

Calle della Regina 2262 – Sestiere Santa Croce, 30135 – Venezia. Tel. +39.041. 5222881

2. Trattoria Al Gatto Nero

moeche fritte

Al Gatto Nero, famosa osteria di Burano (Michelle Obama ha voluto pranzare qui nella sua recente visita a Venezia) lo chef proprietario – da ben 54 anni- Ruggero Bovo, le moéche non le cucina in ammollo nell’uovo, ma le lava con acqua dolce o le mette in ammollo per qualche minuto nel latte. Quando sono ben scolate, le infarina velocemente e le frigge nell’olio bollente. Una bontà! Una variante sono le moéche in saor con cipolle rosse di Tropea.

Un piatto di moéche (circa una dozzina) costa 35 €.

Trattoria Al Gatto Nero. Via Della Giudecca, 88. Tel. +39 041 730120

3. Ostaria Da Rioba

Osteria da Rioba

In una delle fondamenta più suggestive e belle di Venezia, vicino alla Chiesa Della Madonna dell’Orto, trovate l’Ostaria da Rioba il cui nome proviene da una delle 4 statue incastonate nel muro in Campo dei Mori appena dietro l’Ostaria. Il locale è curato nei minimi particolari con le travi antiche, i mattoni a vista e il tipico pavimento alla Veneziana.

Qui, le moeche le fanno solo su ordinazione al costo di 4-6 € il pezzo. Vengono abbinate con verdure di stagione o polenta.

Ostaria Da Rioba. Fondamenta de la Misericordia. Tel. +39 041 5244379

4. L’Anice Stellato

Moeche piatto

L’Anice Stellato ha mantenuto il carattere di osteria autentica. Nel menù solo ingredienti locali, di stagione e biologici. Propone alcune ricette dalla tradizione veneziana con suggestioni contemporanee, il menù offre piatti di pesce, carne e scelte per vegetariani.

E ovviamente le moeche su prenotazione. Pescando dalla carta, per tre piatti spendete sui 45 €.

Anice Stellato. Fondamenta de la Sensa, Cannaregio, 3272. Tel. +39 041 720744

5. Pescaturismo Cooperativa San Marco di Burano

mappa pescaturismo Venezia

Ad appassionati e curiosi, la cooperativa San Marco di Burano, propone su prenotazione Pescaturismo (tel. +39 041 730076),  escursioni con il molecante cioè il pescatore specializzato al quale è affidata la crescita, a metà tra pesca e allevamento, della moeca.

E ora a voi. Altri indirizzi per le moeche?

[Immagini: Silvana Di Puorto, Facebook, in-venice]

10 Commenti

    • Gentile Andrea, mi sono informata su quanto da lei scritto (mie che mangiate a capodanno), direttamente da uno dei moecanti dei pochi ancora rimasti e con mia grande sorpresa (perché ero convinta del contrario e cioè che in quel periodo della stagione non si trovassero moeche e di conseguenza quelle che lei aveva mangiato non potevano che essere surgelate, pratica che usano diversi ristoratori) mi ha confermato che si, seppur succede di rado, è possibile trovare moeche in quel periodo. Tutto dipende dal clima ed essendo cambiato negli ultimi anni, se è un inverno abbastanza mite è possibile che i granchi vadano come in confusione e mutano il carapace anche in pieno inverno, quindi sotto Natale/Capodanno. questo prossimo capodanno, tempo permettendo, proverò ad andare alla ricerca anche io ?

  1. “La moeca … è un crostaceo che in questo periodo dell’anno perde la sua corazza e in breve tempo deve essere pescato, prima che raggiunga il mare.
    Questo perché a contatto con l’acqua salmastra, la sua corazza si ricostruisce e a quel punto non potete più mangiarlo.”

    Ma dove sarebbe quest’acqua salmastra? L’acqua della laguna ha la stessa salinità dell’acqua di mare, quindi non c’è acqua salmastra. Che sia in laguna o in mare, l’acqua è la stessa…

    Tra l’altro, in lingua veneziana, si scrive “moleche”. Si pronuncia con una elle evanescente, ma non totalmente assente.

    • Gentile sig Mike, premetto che sono Veneziana d’adozione (vivendo in città da quasi 20 anni), lei ha perfettamente ragione, in dialetto Veneziano Si dice Moleche, ma anche moeche (termine forse più contemporaneo ma che ho sempre sentito e letto fuori dai ristoranti, bacari ed osterie Veneziane) Per quanto riguarda l’acqua salmastra, converrà con me che rispetto a quella di mare (seppur sempre salmastra), l’acqua di laguna, attraverso il “bacino scolante” viene diluita -da ben 27 sbocchi- da quella piovana e fluviale con circa 2,8 milioni di metri cubi al giorno. Spero di essere stata più esaustiva, ora. La testata si occupa di cibo e mi riesce difficile spiegare cose prettamente tecniche. grazie comunque per il suo gradito commento, perché c’è sempre da imparare.

  2. Bell’articolo peccato che un veneziano doc non sbaglierebbe mai su questo: gli abitanti di Burano si chiamano Buranelli mentre quelli di Murano si chiamano Muranesi.

  3. Gentile Evelina, mi ha scoperta subito, io non sono Veneziana, quindi neppure doc! ?
    Ha perfettamente ragione, gli abitanti di Burano si chiamano Buranelli e non Buranesi come ho erroneamente riportato. Ma le garantisco che dopo aver letto i suoi commenti ho fatto un sondaggio tra amici (Veneziani doc) e diciamo 8 su dieci mi hanno subito detto “Buranesi”. Solo chi traduceva dal Veneziano (associandoli) i famosi biscotti Buranei mi ha risposto giusto: Buranelli, gli altri sono caduti nel mio stesso errore, hanno prima pensato a Murano=Muranesi e quindi Burano=Buranesi. Chiedo scusa, anche se di Buranei e Bussolai ne ho mangiati a quintalate ?

  4. Caro Matteo, tu sai che io so, chi ora c’è al Timone e chi c’è in sala. L’articolo come hai potuto notare e’ dello scorso anno, quando in cucina c’era ancora Daniele.
    A presto.

    Silvana

  5. Assaggiate oggi le moeche in un ristorante in provincia di Como! Eccellente piatto della cucina della Laguna! Nel ristorante da Rosa ad Intimiano propongono questa, superba prelibatezza! 😊

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui