quarantunododici bar

Capacità, coraggio ma anche un po’ di sana follia hanno spinto Lele Usai e Claudio Bronzi a rimettersi in gioco per dare vita ad un progetto molto ambizioso: l’apertura del nuovo Tino e del bistrot Quarantunododici a Fiumicino.

lele usai libro

Dopo la stella Michelin (ottenuta nel 2015) con Il Tino di Ostia, i due hanno deciso di spostarsi al Nautilus Marina Yacht Club di Fiumicino.

Al piano terra del complesso lungo il Tevere c’è il bistrot.

La grande cucina  affaccia sulla zona adibita a bar/colazione, sempre al pianterreno.

Mentre il primo piano è interamente occupato dal ristorante.

Attira subito l’attenzione una grande vetrata specchiata e nel mezzo è posizionato un bancone che si affaccia sul bar.

quarantunododici enoteca

C’è anche un piccolo negozio dove poter comprare alcuni prodotti utilizzati dalla cucina e i vini – seppur non molti –  che Claudio ha selezionato e scelto con cura.

Accanto, una porta e un piccolo corridoio nascondono le scale che portano al ristorante Il Tino al piano di sopra.

quarntunododici croissantquarantunododici dolce colazione

Sull’isola davanti al bar ci sono i lievitati e i dolci per la colazione. Tra le proposte estratti di frutta fatti al momento, sempre piacevoli e rinfrescanti.

quarantunododici interno interno sala quarntunododici

Il bistrot è una grande sala molto luminosa, arredata in stile nautico (come ricordano le coordinate che danno il nome al locale) e minimalista. C’è un pianoforte posto in un angolo a sottolineare che al Quarantunododici ci sono anche gli eventi musicali.

quarantunododici esterno ombrellone

E l’affaccio sul fiume è un plus invidiabile, anche se difficilmente utilizzabile nelle giornate troppo afose e soleggiate nonostante la presenza degli ombrelloni.

quarntunododici caludio prossomartiri luca cirelli

Quando lo chef è di riposo, la guida della cucina e della brigata passa nelle mani di Claudio Prossomartiri che ha curato il pranzo che abbiamo assaggiato.

quarntunododici ceviche pesce spada

Ceviche di pesce spada e insalata di pomodori datterini e avocado (13 €): ottima la qualità degli ingredienti e la consistenza del pesce in un piatto che forse avrebbe bisogno di una parte croccante.

quarntunododici spaghettoni conchigliequarntunododici fusilli limone quarntunododici fettuccina ragù polpo

Tre i primi assaggiati (13 € ognuno): semplici ma da manuale gli spaghettoni alle conchiglie della Lucia Madre. Abbondanti i molluschi nella porzione (fasolari, cozze e vongole).

Interessanti i fusilli limone e menta con ombrina affumicata: il burro acidulato dona freschezza al piatto insieme all’erba aromatica. Ottimo il pesce lasciato crudo, forse troppo leggera l’affumicatura.

Ricca, anche grazie alla pasta all’uovo, e gustosa la fettuccina al ragù di polpo, piccante al punto giusto. La consistenza del polpo è perfettamente bilanciata dalla croccantezza dei gambi di prezzemolo tritati.

quarantunododici frittura pesce

Per secondo le tappa è obbligata con la frittura di calamari e gamberi (17 €).

Ben eseguiti i tre dolci al barattolo proposti nel menu (6 €). Il cremino con i suoi diversi strati di cioccolato è il migliore. Classico il tiramisù. Piacevoli le pesche al vino.

quarntunododici biancolella ischia cenatiempo

Ad accompagnare il pranzo un biancolella di Ischia Kalimera della Cantina Cenatiempo: vino di sapidità spiccata che si sposa con le varie portate.

Per la scelta del vino il consiglio è di affidarsi all’esperienza ed alle capacità di Claudio Bronzi, sempre alla ricerca di piccole realtà che offrono grande qualità al giusto costo.

Servizio attento, ci si sente a proprio agio durante tutta la durata del pranzo, rapporto qualità/prezzo giusto anche se perde l’equilibrio sulle pesche al vino del dessert (per le quali 6 € diventano un po’ troppi).

Anche se aperto da tre mesi, il Quarantunododici è già una bella realtà che punta su piatti semplici, porzioni abbondanti e ingredienti di qualità.

Chi  ha già avuto la fortuna di conoscere Claudio e Lele avrebbe tranquillamente scommesso sulla buona riuscita di questa nuova avventura.

Noi abbiamo scoperto il locale in anteprima, abbiamo assaggiato il bistrot e al più presto assaggeremo il nuovo Tino. Voi su quale fareste rotta immediatamente?

Quarantunododici. Via Monte Cadria, 127. Fiumicino (Roma). Tel: +39 06 658 1179

[Testo e Immagini: Matteo Bizzarri]

3 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui