Prendete nota nella vostra agenda: lunedì 30 ottobre Gino Sorbillo apre la sua nuova Pizzeria Pizza Gourmand in via Ugo Foscolo 3 a Milano in cui proporrà Pizze Regionali. Due nomi, Pizza Gourmand e Pizze Regionali, entrambi registrati, che segnano una nuova filosofia di pizza.

Elettrizzante anche perché, novità assoluta per i cultori delle cose sorbilliane, si passa al forno elettrico, di tipo napoletano.

E poi si spinge con decisione sulla celebrazione delle specialità tipiche regionali per creare l’idea di una pizza trasversale dal nord al sud della Penisola senza dimenticare l’origine della pizza.

Una caratterizzazione che farà piacere ai tanti abitanti della Milano che accoglie genti da ogni dove con i propri bagagli culturali e alimentari.

Napoletano il tipo di forno elettrico, napoletana la base della pizza il cui impasto utilizza un blend di farine del (nostro sponsor) Mulino Caputo tra 00 Saccoblu (quella che viene indicata come Pizzaiolo) e Tipo 1.

 Una pizza morbida, dunque, che sarà esaltata dagli abbinamenti con prodotti del territorio.

Ecco la foto rubata a volo con il cellulare.

Si parte dagli 8,30 € della pizza dedicata a Napoli e alla Campania. Quindi dovrebbero essere pizze gourmet a buon prezzo, gourmand appunto.

Apertura il 30 ottobre con i lavori che sono alla fase di rifinitura.

La formula di Gino Sorbillo che mette insieme forno elettrico + farina integrale + tipo napoletano + ingredienti regionali funzionerà?

Se la pizza gourmet sembra voler assecondare i gusti del cliente, un voler essere piaciona pur se raffinata, la Pizza Gourmand di Gino propone un viaggio fra le regioni più consapevole, in cui il pizzaiolo ci “mette la faccia” di gourmand, esperto del gusto che ti guida in una nuova avventura. Mi piace già.

A breve sapremo quanta fila dovremo fare per addentare le nuove pizze.

State connessi con Scatti di Gusto e la vostra guida preferita a pizze e pizzerie di Milano

1 commento

  1. Non mi sembra niente di particolarmente nuovo visto che il format mi sembra chiaramente “preso in prestito” da una ben più nota competitor che ha già 2 sedi a Milano che sfornano pizze regionali. Vedremo quale LAZIO sarà più buona, allora! 🙂

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui