Parma. 15 ristoranti da 3 a 135 €

182 Condivisioni

Scatti di Gusto è a Parma per il Cibus, la fiera del settore agroalimentare italiano, con un cartellone che indaga Tutta la verità sul Fiordilatte insieme a pizzaioli di fama.

Ora non vorrete mangiare pizza tutto il giorno, ma soprattutto avrete voglia di assaggiare il meglio della città.

Seguite, oltre al nostro cartellone, questa mappa con i 15 migliori indirizzi in ordine crescente di prezzo e non ve ne pentirete.

1. Frank Focaccia

È la pausa golosa che tutti vorrebbero sotto casa, magari dopo una lunga giornata di lavoro: sono le tonde focaccine di “Frank” farcite lautamente con innumerevoli ingredienti. Da quelle con pesto di cavallo abbinate a formaggi e verdure a quella con spalla, gorgonzola e salsa piccante. L’ideale è associare questa sostanziosa merenda ad un buon bicchiere di birra.

Prezzo focacce: 3 €.

Frank Focaccia. Piazzale San Lorenzo, 19. Parma. Tel. +39 0521 237970

2. Pepèn

Insegna che esiste da quando il termine fast e quello food non erano ancora inseriti nel lessico gastronomico italiano: è una paninoteca che dal 1953, con prodotti di qualità, rifocilla gli stomaci dei cittadini parmigiani. Tra i gettonati panini lo “spaccaballe” a 5,50 € (arrosto di maiale, insalata, maionese home made e ketchup) e la “carciofa” a 2,50 €, una torta rustica fatta con carciofi, spinaci, uova, ricotta e parmigiano reggiano.

Prezzi panini da 2,50 € a 6 €.

Pepèn. Borgo S. Ambrogio, 2. Parma. Tel. +39 0521 282650

3. Clinica del panino

Dal 1977 la Clinica del Panino di Walter è presente con la sua arte di “curare”, con una gamma di combinazioni irresistibili, generazioni di parmigiani e turisti. Potete scegliere di farvi tentare dai panini con carne di cavallo, accompagnata verdure e salse miste, o da quelli con salumi, hamburger, formaggi di tutti i tipi o dai super carrè.

Prezzi panini: 5 €.

Clinica del Panino. Borgo Palmia, 2. Parma. Tel. +39 0521 206309

4. I Due Gatti

Gli amanti della pizza non rimarranno delusi da questa bottega: ingredienti di qualità, farine selezionate e digeribilità grazie alla lunga lievitazione naturale e corretta maturazione. La pizza sfornata è in due versioni, quella bassa, tonda e croccante o quella al trancio alta e leggera. I topping sono identici per entrambe le preparazioni, da quelli classici alla sezione degli speciali come la Gran Ducato con fiordilatte, culatello Sel. Lucedio Bocchi e scaglie di Parmigiano o la Slow Pizza con fiordilatte, porcini e la mariola (presidio Slow Food).

Prezzo medio: 10 .

I Due Gatti. Strada Nino Bixio, 76. Parma. Tel. +39 0521 238901

5. Enoteca Tabarro

Questa enoteca è una sosta obbligatoria, nel centro di Parma, per chi è in cerca di prodotti di qualità. Varcata la soglia verrete avvolti da una piacevole atmosfera con scaffali in legno zeppi di bottiglie italiane ed estere (sia di nicchia che blasonate). Qui è possibile degustare una cucina fredda con abbondanti taglieri di salumi e formaggi emiliani accompagnati da un buon calice.

Prezzo medio: 15 €.

Enoteca Tabarro. Strada Farini, 5. Parma. Tel. +39  0521 200223

6. Enoteca Fontana

È una piccola enoteca storica con una cucina semplice e tradizionale. Appassionati e curiosi qui possono trovare l’etichetta giusta tra quelle proposte, da sorseggiare con ottimi salumi oppure o un piatto di tortelli, con un buon panino o con il tipico pesto di cavallo. Una vera gioia per occhi, naso e palato.

Prezzo medio: 15 €.

Enoteca Fontana. Strada Farini, 24. Parma. Tel. +39 0521 286037

7. Osteria Oltrevino

In questa osteria, nello storico quartiere Oltretorrente, va in scena la dicotomia culinaria di due regioni: Friuli Venezia Giulia ed Emilia Romagna. È gestita da due giovani friulani, questi hanno saputo congiungere, con piatti semplici, la qualitativa gastronomia e identità di due territori: frico friulano, baccalà mantecato con crostini caldi, taglieri di salumi e formaggi artigianali, tartare di Regina di San Daniele, lonzino di maiale con scaglie di Parmigiano 30 mesi e gocce di aceto balsamico invecchiato 12 anni. Il tutto con vini (tradizionali, biologici, biodinamici e naturali) e birre artigianali.

Prezzo: 20 €. 

Osteria Oltrevino. Borgo Pietro Cocconi, 3. Parma. Tel. +39 331 188 1522

8. Trattoria Antichi Sapori

È definita nel bell’articolo di Luca Formenti “un ritrovo di famiglia nella campagna parmense”. La cucina segue la ciclicità stagionale e si compone di due menu degustazione: il primo percorso “Parma nel cuore” è orientato prettamente verso i sapori parmensi e ci sono piatti come i tortelli alle erbette e la punta di vitello ripiena al forno; nel percorso “Equilibrio” c’è la zucchina frangipane con salsa allo zafferano, soffici di Parmigiano con crema agli asparagi e caviale di aceto balsamico, infine la spalla di maialino con sambuco e cipollotti.

Prezzo: 30 €.

Trattoria Antichi Sapori. Strada Montanara, 318. Gaione (Parma). Tel. +39 0521 64 81 65

9. Osteria Virgilio

Se avete nostalgia dell’osterie ostinatamente vecchio stile questo è il posto giusto, come riporta il sito web del locale: la “ciurma” è composta dall’oste resistente Virgilio (proprietario), dal cuciniere Erion, dal banconiere e dall’apprendista banconiere. Protagonisti dell’offerta sono le ottime materie prime selezionate e i piccoli produttori di vino (soprattutto naturali). Si può venire per un aperitivo a base di salumi e formaggi o per primi e secondi della tradizione emiliana.

Prezzo: 35 €. 

Osteria Virgilio. Strada Giovanni Inzani, 3. Parma. Tel. +39 0521 199 9966

10. Ai Due Platani

Molte ricette della cucina emiliana sono nate dalla creatività delle classi subalterne, pertanto non c’è posto migliore per gustarle se non in questa insegna a pochi minuti da Parma: qui è perfettamente eseguita dal cuoco Matteo Ugolotti. Si comincia sempre con salumi e torta fritta, poi si prosegue con i primi piatti come i tortelli di erbetta o le pappardelle verdi al pecorino con ragù d’anatra e cipolla rossa caramellata, tra i secondi c’è il piccione preparato nella maniera classica e il filetto tonnato “vecchia maniera”. Si può chiudere con lo zabaglione caldo con sbrisolona.

Prezzo: 40 €.

Ai Due Platani. Strada Budellungo, 104. Coloreto (Parma). Tel. +39 0521 645626

11. Le Viole

A Castelnuovo, pochissimi minuti da Parma, questo ristorante dove troverete tradizione e cultura della gastronomia del posto: il merito è delle sorelle Lucia e Rosanna Petrera con il marito, lo chef Roberto Oppici. In un ambiente caldo, accogliente e quasi casalingo si possono gustare piatti come il salame fresco al vino e fichi (8 €), paste tirate a mano e ripiene o il savarin di riso (per 2 persone a 10 ), selvaggina o coppa di maiale con cipolle caramellate (14 )

Prezzo: 40 €.

Le Viole. Strada nuova di Castelnuovo 60/a. Castelnovo di Baganzola (Parma). Tel. +39 0521 601000

12. Officina Alimentare Dedicata

Indirizzo gastronomico, in pieno centro, che ha deciso di modellare la sua cucina attorno due concetti fondamentali, quello di biologico e stagionale. Un menu, che come si legge sul sito internet del locale, è “ragionato ed in movimento secondo i nostri principi: Piatto – Opera – Uomo – Origine”. Tra le preparazioni i tortelli di zucca al burro e parmigiano, cotechino con purè, tartare di bufalo, zuppa di ceci con patate e zucca.

Prezzo: 40 €. 

Officina Alimentare Dedicata. Via F. Maestri, 11. Parma. Tel. +39 0521 230505

13. Cocchi

Un indirizzo da non perdere: questa trattoria, dal 1925 gestita sempre dalla famiglia Cocchi, è il posto giusto per conoscere il gusto della cucina emiliana e il motivo per il quale Parma è la città creativa della Gastronomia Unesco. Troverete tra gli antipasti i migliori salumi del territorio (culatello di Zibello, prosciutto di Parma, lardo, coppa) accompagnati dalla tipica torta fritta. Tra i primi anolini in brodo, tortelli di erbette, tagliolini al sugo d’anatra; tra i secondi è immancabile il carrello dei bolliti misti.

Prezzo: 50 €.

Ristorante Cocchi. Via Gramsci, 16. Parma. Tel. +39 0521 981990

 14. Parizzi

Marco Parizzi, 1 stella Michelin, è uno dei migliori protagonisti del panorama parmense. Nel suo moderno locale, affiancato dalla moglie Cristina in sala, vi è una cucina capace di sradicarsi dalla tradizione senza dimenticarla, realizzata con innovativa tecnica applicata ai migliori prodotti accuratamente selezionati. Per cogliere l’identità e la filosofia dello chef si può optare per un menu di terra o mare di 6 portate a 70 € o scegliere il menu assaggi di 4 portate a 50 €.

Menu degustazione: 70 €.

Ristorante Parizzi. Strada della Repubblica, 71. Parma. Tel. +39 0521 285952

15.  Inkiostro

Terry Giacomello, stella Michelin, ha forgiato la sua filosofia di cucina dopo esperienze con Michel Bras e la sua cucina “verde”, con la prospettiva francese di Marc Veyrat, la cucina basca tecno-emozionale di Ferran Adrià, con la cucina del D.O.M di Alex Atala e in Italia affiancando Sergio Mei al Four Season di Milano. Ecco alcuni piatti dal menu alla carta: spirale di uovo cotto “a freddo”, albume montato, contrasti acidi e piccanti (26 €); mezzi-paccheri, calamari, olio alla vaniglia, aglio nero fermentato (30 €). Troverete, inoltre, il nuovo menu degustazione Vibrazioni.

Menu degustazione Vibrazioni 2.7: 135 .

Ristorante Inkiostro. Via San Leonardo,124. Parma. Tel. +39 0521 776047

[Immagini: Scatti di Gusto, Facebook, Parmamorethanfood]


- lunedì, 7 maggio 2018 | ore 9:12

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *