Nome: Fud-Bottega Sicula. Zona: Navigli. Indirizzo: via Casale, 8. Milano. Provenienza: Catania, Sicilia. Segni particolari: nuova apertura.

Un nuovo e promettente indirizzo per soddisfare gli appetiti milanesi, sempre più disposti a farsi solleticare da proposte provenienti da più o meno lontano. Molte le aperture pugliesi, in questi ultimi tempi; e anche quelle siciliane, reali o annunciate.

Fra le annunciate mettiamo questa Bottega Sicula. Nata a Catania nel 2012, aperta anche a Palermo nel 2015, arriva qui a Milano nel 2018.

Luogo di cucina, teatro di vita quotidiana, punto di incontro tra pubblici e clienti apparentemente molto trasversali tra di loro, dal creativo al professionista, alle famiglie con bambini, tutti uniti però nel riconoscere che quel luogo appaga i loro appetiti, non solo gastronomici. L’idea era quella di dare origine a un progetto di spazio che racchiudesse una molteplicità di esigenze sociali, gourmet, di condivisione (oggi si direbbe sharing) unite dal fil rouge della gioia intorno alla fruizione del cibo. Pop, di strada, selezionato, ma declinato ai massimi livelli di qualità e coniugato all’accessibilità.

Il progetto, complesso, nasce da un’idea di Andrea Graziano, siciliano, appassionato di food, che lascia il lavoro nell’informatica per dedicarsi alla cucina, iniziando ad aprire un locale nella (ex) galleria d’arte dei genitori. Seguono un blog, Caponataweb, l’incontro con Elisia Menduni, “ricercatrice gourmet ed antropologa del cibo e talentuosa fotografa”, e l’architetto André Thomas Balla, “interprete degli spazi”.

Da qui nascono eventi, incontri con i produttori, la creazione di una community che comprende anche i dipendenti dei locali.

Poi arrivano la piattaforma e-commerce Fud Onlain, la Fud Farm sulle pendici dell’Etna, “una happy farm di nuova generazione in cui si sperimentano coltivazioni totalmente biologiche” che vengono poi utilizzate nei locali, Fud Off a Catania nel 2016, coctkail e tapas bar rigorosamente siciliano. E arriva anche Valentina Chiaramonte, chef palermitana, nota come Chez Munita. E a giugno 2018, a Palermo, nasce Fud Bocs, con fish burger, hot dog di pesce, fritti e stuzzicherie del Mediterraneo.

Gusti e sapori di Sicilia che a Milano si declineranno in burger, snack – e purtroppo niente pizze (su Facebook negano che si facciano pizze come  giù a Catania, e noi, che di pizze qualcosa sappiamo, siamo molto delusi).

Per l’apertura milanese Andrea Graziano ha collaborato con Vittorio e Saverio Borgia (ovvero Bioesserì, ristorante pizzeria, e Baunilla, pasticceria, in zona Brera).

Abbiamo voluto aprire a Milano per dare la possibilità a chi vive qui di conoscere una Sicilia diversa. Non siamo venuti al nord per cercare fortuna, siamo venuti per riscattare certi stereotipi sulla nostra terra. Milano è una città stupenda ed estremamente stimolante per la ristorazione e noi non potevamo mancare!

Interessante anche la comunicazione, a iniziare dal video di presentazione dello sbarco milanese, molto suggestivo e molto siciliano, ma anche molto poco siciliano, per certi aspetti.

E la terminologia per descrivere i piatti e l’impresa tutta, in un inglese dalla grafia italiana, scritto come si pronuncia, con un intento giocoso ben costruito – a partire da Fud, passando per il Cicchen Burgher e l’Ors Burgher, le Spais Potetos, e la Fud Pipol…

Apertura imminente, per ora non viene comunicata nessuna data, rimandando ogni annuncio attraverso i social.

Andiamo?

Fud. Bottega Sicula, Via Casale, 8. Milano.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui