Versilia. Giacomo Bulleri ha aperto il suo ristorante di pesce a Pietrasanta

Tempo di lettura: 2 minuti

C’è chi va ospite presso una struttura esistente, come ha fatto Andrea Berton in Sicilia, al Club Med Cefalù, o come una serie di chef stellati e non in Sardegna, fra Costa Smeralda, Forte Village, e il Poetto cagliaritano (dove, ricordiamo, si può anche mangiare in uno dei chioschi che vi abbiamo consigliato). C’è chi trova spazio per un temporary restaurant. E c’è chi invece si toglie lo sfizio e il ristorante se lo compra: è il caso di Giacomo Bulleri, ultranovantenne, che ha già in carnet il “Da Giacomo in Sottocorno Food District”, ovvero Da Giacomo Ristorante, Giacomo Bistrot, Giacomo Pasticceria, Giacomo Tabaccheria, Giacomo Rosticceria e la scuola-laboratorio in via Sottocorno, Giacomo Arengario nel Museo del 900 in piazza Duomo, e il Giacomo Caffè nel cortile di Palazzo Reale.

E che ha appena aperto, in centro a Pietrasanta, il suo ennesimo ristorante, appunto Giacomo Pietrasanta, naturalmente con l’aiuto della figlia Tiziana e del genero Marco Monti.

Amo Pietrasanta per la sua identità elegante, colta, raffinata. La città e la sua popolazione hanno un’anima profondamente radicata nel territorio e al contempo capace di proiettarsi e di interagire con il mondo intero – come sono io. Ritorno nella mia amata Toscana e sono felice di condividere questa nuova avventura con tutti voi.

Giacomo – così, senza cognome – può essere considerato il decano della ristorazione milanese, con i suoi 93 anni. Nato a Collodi, vicino a Pistoia, ha fatto dei suoi locali milanesi un centro della vita gastronomica della città, e un punto di richiamo per i “vip” di ogni tipo: non era raro incrociare in entrata o in uscita dal suo ristorante attori, cantanti, registi e così via. Oggi forse i vip in circolazione sono un po’ meno numerosi, o meglio, sono cambiati – sono più anonimi, ecco.

Il locale nasce sulle “ceneri” del ristorante Salani, inaugurato appena due anni fa; conta una settantina di coperti tra interni ed esterni, ed è stato disegnato seguendo lo stesso stile del primo Da Giacomo, classico, elegante, e riconoscibile.

In più, un bancone del pesce fresco a vista: siamo al mare, dopotutto. Attenzione però: a Pietrasanta, non a Marina di Pietrasanta. Una posizione scelta e voluta, che lo differenzia dai ristoranti “al mare”, mantenendo lo stile che caratterizza i locali milanesi, e che ne ha decretato il successo costante.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui