Pasticciotto salentino. La ricetta tradizionale del dolce di Lecce

Ricette

Il Pasticciotto è un dolce tipico del Salento, anzi, è IL dolce salentino per antonomasia. Creato più di 250 anni fa da un pasticciere di Galatina, nel Leccese, è una delle attrazioni turistiche della zona: per dire, d’estate Giuseppe Zippo ne sforna un migliaio al giorno.

La pasticceria di Zippo si chiama Le Mille Voglie e si trova nel centro storico del borgo di Specchia, un gioiellino di paese, sempre nel Leccese.

Se la sua pasticceria vi sembra troppo lontana, potete provare a rifare il pasticciotto a casa vostra con la ricetta originale che Giuseppe Zippo porta in ogni occasione come al Sigep a Rimini.

E anche quest’anno c’è stato un pasticciotto. E ancora un altro. E… ma sono già finiti?

La ricetta tradizionale del Pasticciotto Salentino

Ingredienti della pasta frolla

1 kg Farina 00
400 g di zucchero
400 g  di strutto
4 uova
4 g di ammoniaca
1 bacca di vaniglia
Cottura in forno elettrico a 250°C per 12 minuti

Procedimento

Amalgamare zucchero e uova.

Aggiungere lo strutto, l’ammoniaca e le bacche di vaniglia.

Una volta ottenuto un composto uniforme, aggiungere la farina senza far riscaldare l’impasto.

Impellicolare e far riposare in frigo a 4°C per 24 ore.

Ingredienti della Crema Pasticciera

1 l di latte intero
300 g di zucchero
100 g di tuorlo
160 g di farina 00”
1 bacca di vaniglia 

Procedimento

Sciogliere lo zucchero insieme al tuorlo d’uovo e 50 grammi di latte.

Unire la farina.

Separatamente portare a bollore il latte insieme alla vaniglia.

Unire i due composti e riportare nuovamente a bollore.

Raffreddare a 4°C.

Montaggio del pasticciotto

Formare un cilindro di pasta frolla e tagliare a tocchetti da 50 grammi.

Con il palmo della mano premere la porzione di pasta fino a ottenere uno strato dallo spessore di circa 6 millimetri.

Adagiare la prima porzione di frolla nel tipico stampo ovale.

Colmare con crema pasticciera.

Ricoprire il tutto con un’altra porzione di pasta frolla dello stesso spessore creando la classica forma a cupola del pasticciotto.

Spennellare la superficie con l’uovo intero e infornare per 12 minuti a 250°C con valvola aperta.

Di Emanuele Bonati

"Esco, vedo gente, mangio cose" Lavora nell'editoria da oltre 40 anni. Legge compulsivamente da oltre 50 anni. Mangia da oltre 60 anni. Racconta quello che mangia, e il perché e il percome, online e non, da una decina d'anni. Verrà ricordato per aver fatto la foto della pizza di Cracco.