Di Matteo: se non è il migliore gelato artigianale del Sud poco ci manca

A vederla sembra uscita da quelle commedie rurali stile “Pane, amore e fantasia” che spopolavano negli anni Cinquanta. Invece è uno degli indirizzi migliori nella mappa italiana del gelato artigianale

Tempo di lettura: 4 min

Qui siamo contro il gelato (multi)nazional-popolare. Siamo cioè a favore del gelato superartigianale di Di Matteo. Detto questo, argomentiamo.

Prendete mappa e block notes e cercate la gelateria di Raffaele del Verme, meglio nota come gelateria Di Matteo.

Il gelato Di Matteo: dove si trova?

Siamo a Torchiara, paese sperduto e poco battuto dalle orde dei vacanzieri che affollano la costa del Cilento. Arrivarci è semplice. Basta puntare su Agropoli e poi allungarsi lungo la variante alla statale 18 Tirrenia Inferiore che vi porta a Palinuro e a Sapri.

Raffaele Del Verme gelateria Di Matteo

Qui, praticamente nella piazzetta di Torchiara, c’è la gelateria Di Matteo. Sembra uscita da quelle commedie rurali stile “Pane, amore e fantasia” che spopolavano negli anni Cinquanta. A vederla da fuori chiunque escluderebbe di trovarsi al cospetto di quella che è la migliore gelateria d’Italia del Sud. O una delle migliori.

gelateria Di Matteo Torchiara Cilento

Non la eleggono le guide che tributano pittogrammi in quantità né il brusio del web che spesso la cita, ma le folle di appassionati che hanno fatto di Torchiara l’indirizzo del gelato perfetto.

E come ogni pellegrinaggio imposto dal calendario estivo, eccoci alla gelateria in paziente attesa che i clienti escano per rispettare le norme anti COVID-19.

Raffaele Del Verme sta scaldando i motori e il bancone è pieno solo per metà: 12 vaschette invece delle 24 che ora a luglio vanno riempiendosi.

Nel gelato Di Matteo c’è sempre un nuovo gusto da assaggiare.

Come nasce cioccolato, limone e zenzero

gelato cioccolato limone zenzero Di Matteo Torchiara

Eccolo: Cioccolato, limone e zenzero. Una vera fucilata. Freschissimo come tutti i gelati della gelateria di Di Matteo (ci sarà un semplice perché i cultori del gelato artigianale arrivano fin qui su). Non bisogna troppo arzigogolare. Mangiato il gelato, la bocca resta fresca come se si fosse bevuto acqua di fonte.

Il merito va tutto alla perfetta calibrazione dei pochi zuccheri che fanno di questo gelato artigianale un gelato fantastico. Il classico da assaggiare almeno una volta nella vita.

Ma come è nata la felice combinazione? Notti di studi e arrabbiature in mezzo al lockdown?

biscotti
biscotti nel forno

La serrata generale c’entra, anche se di striscio. Perché per la Pasqua 2020, Raffaele Del Verme aveva programmato la preparazione di colombe. Poi venuta meno per la pandemia anche se si era attrezzato con forno (in cui produce tozzetti e cookies) , confit, frutta e spezie.

Il gusto del gelato 2020 nasce quasi per caso con questo zenzero candito.

Ma vi ripagherà della piccola deviazione sulla strada del mare e delle vacanze cilentane.

gelati alla frutta

Farne a meno insieme agli altri classici, dalla frutta alla ricotta e pistacchio alle noci e fichi bianchi, sarebbe un delitto.

marmellata di arance amare

E vi mancherebbe anche l’occasione per assaggiare la sua marmellata strong di arance amare.

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui