Grand Love Milano: nasce il ristorante con un solo tavolo sul Naviglio

Sul Naviglio Grande, ha aperto il ristorante Grand Love Milano con una particolarità anti coronavirus: un solo tavolo per massimo 12 persone

Tempo di lettura: 3 minuti

Grand Love Milano, un ristorante con un solo tavolo come risposta alla diffusione del contagio da Coronavirus quando si mangia fuori casa nel capoluogo lombardo.

Lo avevamo visto in Svezia con il ristorante Bord för en. Un solo tavolo apparecchiato in mezzo a un prato con i piatti che viaggiano in un cesto trasportato da una carrucola.

E l’idea l’aveva avuta alla riapertura dopo il lockdown il ristorante Trequarti di Spiazzo in Val Niola. Un solo tavolo da prenotare per dieci serate a tema anti-covid.

Ma ora a Milano ha aperto sul Naviglio Grande il ristorante Grand Love Milano che ha un solo tavolo.

ristorante Grand Love Milano un solo tavolo

12 i posti a disposizione di questo unico tavolo che potranno essere occupati interamente solo da 12 persone dello stesso gruppo. Scontata la necessità della prenotazione e il rispetto di tutte le misure anti Covid-19.

L’idea è di Carlos Valdes Ciampi. Argentino, ma con discendenza a metà tra la Campania e le Asturie, ha vissuto a Buenos Aires con una cucina a metà tra la parmigiana e la cucina argentina.

Grand Love Milano ha un solo tavolo quadrato, la cucina a vista e un arredamento decisamente importante con carta da parati art déco, listelli di legno scuro, parquet, ottone. E un bassorilievo copia dell’opera d’arte Ex Nihilo di Frederick Hart diventato ancora più famoso per l’apparizione nel film l’Avvocato del Diavolo.

Nulla è dichiarato sui prezzi di una cena da comporre attingendo dalla carta che propone piatti italiani.

Cosa si mangia al Grand Love Milano: ristorante con un solo tavolo

menu del ristorante con un solo tavolo a Milano

L’inevitabile tartare di fassona, la coppia di cestini su letto di pestato di basilico con salsa cremosa al formaggio e gamberi sfumati al brandy in puro stile wedding. C’è il radicchio trevisano abbinato al pesto alla mediterranea in un contrasto di stagionalità.

E il fuori stagione risotto agli asparagi accompagnati da agrumi e curry. Come le zucchine che arricchiscono gli spaghetti al nero di seppia con gorgonzola (!) e tartare di salmone (!!).

risotto asparagi

Al tranquillizzante risotto ai porcini e finferli con barolo e anacardi tostati, fanno da sponda i secondi quasi light di pollo aromatico con yogurt e patate al profumo mediorientale o il filetto di salmone con quinoa e lenticchie di Castelluccio.

Ne beneficeranno i partecipanti alla Milano Design Week.

Le attenzioni sono tutte milanesi, verrebbe da dire. Sono colpita dai particolari. Vergati con un post su Facebook che non lascia dubbi sulla figaggine del locale.

Trovare un profumo d’ambiente per Grand Love Milano non è stato facile… Accompagnare un luogo così speciale, unico e con carattere, ha richiesto parecchio tempo. Ma quando abbiamo conosciuto Aramaik di Locherber Milano non abbiamo avuto alcun dubbio: bergamotto, arancia amara, nardo, geranio, ambra, vaniglia, mirra, legno guaiaco, benzoino, patchouli e agar wood… Perché i dettagli, tutti, qui al Grand Love Milano, sono importanti.

Non vi resta che prenotare. E farci sapere quanto costa mangiare in questo paradiso Covid-free.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui