ristorante pizzeria Madison Nocera Superiore

Madison apre Pizza&Ristò che vuol essere più ristorante che pizzeria

La nuova pizzeria Madison Pizza&Ristò di Claudio Paduano e Vincenzo Rea a Nocera Superiore si propone con un impianto di ristorante

Pizzerie

Quinta apertura per la pizzeria Madison che inaugura un nuovo Pizza & Ristò a Nocera Superiore, domenica 3 ottobre, in via Nazionale 438.

Una risto-pizzeria che segue le sedi di Nocera Inferiore, Sant’Egidio del Monte Albino, Cava de’ Tirreni e Avellino. A guidarla sarà sempre la coppia di pizzaioli Claudio Paduano e Vincenzo Rea.

“Siamo orgogliosi di riaprire in città il nostro quinto ristorante dopo la parentesi in via Croce Malloni. Siamo da anni a lavoro su questo progetto e a causa del Covid-19 abbiamo dovuto sempre rimandare l’apertura. Finalmente possiamo partire con questa nuova avventura”, spiegano i due soci.

Con l’apertura della pizzeria Madison a Nocera Superiore il gruppo ha assunto altre 30 risorse e arriva a circa 150 persone tra chef, pizzaioli e personale di sala. Tutti provenienti dai territori dei ristoranti.

ristorante pizzeria Madison Nocera Superiore Salvatore Pizza di Smaf

La pizzeria Madison – Pizza & Ristò di Nocera Superiore, dichiarano i committenti, è ispirato nel design ai locali più lussuosi di Dubai e New York. Abbondanza di materiali e di linee contraddistinguono il progetto dello studio di 2MDesign dell’architetto Massimo Imbriaco. La realizzazione è stata affidata alla Smaf di Salvatore Pizza che ha messo in opera altre pizzerie famose come quelle di Giuseppe Pignalosa. Il forno per le pizze è realizzato da Stefano Ferrara.

Il menu della pizzeria Madison a Nocera Superiore

pizza Madison Nocera Superiore

Il menu Le 11 vibrazioni proposto è frutto dello studio dello chef Alessandro Califano che proporrà anche piatti di carne.

La pizza resta sempre elemento centrale dell’offerta gastronomica con una ricetta tramandata nelle famiglie dei due pizzaioli da tre generazioni. Ampia la sezione dedicata ai fritti della tradizione. E non mancherà la declinazione gluten free sia per la pizza che per i fritti e la pasta. In abbinamento, l’offerta di una cantina con vini e champagne.

L’idea è quella di realizzare una pizzeria simile ad un ristorante fine dining con piatti comunque legati alla tradizione partenopea.