Friggitrice ad aria e fritto

Friggitrice ad aria: vale la pena capire come funziona un successo enorme

Friggitrice ad aria: come funziona, recensioni di chi l’ha inventata, ricette per colazione, pranzo, cena, e perché vale la pena comprarla

Shopping

A cosa serve una friggitrice ad aria? 

A cuocere il cibo attraverso l’aria per avere fritti leggeri, salutari e privi di cattivi odori.

Basta così? Non proprio.

Se la friggitrice ad aria ha fatto breccia nel cuore dei cuochi domestici di mezza Italia, è perché viene usata in molti modi diversi che stanno alimentando un giro d’affari milionario. 

Si compra la prima friggitrice ad aria per preparare le patate fritte, al massimo qualche verdurina. Ma nel giro di qualche tempo si resta sbalorditi.

Con i modelli migliori di friggitrice ad aria è possibile cucinare praticamente tutto ciò che si vuole. 

Cosa si può cucinare nella friggitrice ad aria?

Carne cucinata in una friggitrice ad aria

A quel punto tra i pensieri di chi ha comprato il nuovo elettrodomestico si insinua una domanda. Va bene, comprare una friggitrice ad aria è valsa la pena, ma cos’altro posso cucinare nella mia “scatola magica”? 

  • Pollo arrosto
  • Filetto di manzo
  • Una cotoletta
  • La costata
  • Una frittata svuotafrigo
  • Le uova sode
  • I pomodori in gratin
  • Torte salate e dolci
  • Perfino una cheesecake priva di difetti pronta in 20 minuti. 

La risposta è sì, è possibile cucinare tutto questo e altro.

Cuocere biscotti leggeri e ariosi per colazione. Riscaldare la pizza avanzata meglio di come si fa nel forno. 

Non a caso si stanno moltiplicando i gruppi Facebook i cui numerosi utenti condividono ricette e suggerimenti per la friggitrice ad aria. Senza contare siti vecchi e nuovi.

Friggitrice ad aria: ricette di successo

Pesce cotto nelle friggitrice ad aria
Sono molte le ricette di pesce che si possono preparare con la friggitrice ad aria

I due anni di pandemia hanno contribuito in modo determinante al successo del nuovo dispositivo. 

La permanenza forzata a casa ha permesso ai cuochi domestici che usavano la macchina per rendere croccante il cibo con poco o zero olio, di scoprire che con una friggitrice ad aria si possono fare colazione, pranzo e cena

Qualcuno si è appassionato al dispositivo compatto, che occupa poco spazio e ha un design discreto. Così ha smesso di usare il forno di casa per cucinare pasti e dessert o il microonde per riscaldare i cibi surgelati e ravvivare gli avanzi. Non c’è più bisogno di usare i fuochi per preparare uova sode facili da sbucciare.

Un’altra spinta è arrivata dagli influencer che hanno fatto scoprire l’elettrodomestico al pubblico giovane. In particolare su TikTok, la video app più popolare tra gli utenti dai 16 ai 24 anni, dove tirano i video che mostrano usi inaspettati della friggitrice ad aria. E, ovviamente, le ricette. 

Una in particolare, la ricetta delle costolette di mais, ha accumulato oltre 14 milioni di visualizzazioni. 

Tagliata in 4 parti una pannocchia di mais, si condisce con peperoncino e paprika, poi via a cuocere nella friggitrice ad aria. Completata da pochi pezzi di formaggio che fondono a contatto con il calore, diventa uno snack irresistibile. 

Al momento su TikTok ci sono 2,6 miliardi di visualizzazioni alla voce #airfryer e altri 700 milioni con l’hashtag #airfryerrecipes.

Come funziona la friggitrice ad aria?

Il segreto della friggitrice sta nella camera di cottura. 

Funziona così: si può fare a meno dell’olio grazie all’aria riscaldata (fino a 200 °C) che, circolando a velocità molto elevata, riproduce il comportamento dell’olio nella frittura tradizionale. 

In pratica, il vettore del calore non è l’olio ma la stessa aria, che circonda completamente il cibo assicurando una cottura omogenea. Per questo nella friggitrice ad aria il cibo diventa croccante fuori e morbido all’interno, senza bisogno di essere girato a metà cottura.

Recensioni di chi l’ha inventata

Friggitrice ad aria come funziona
I vari elementi che compongono un modello di friggitrice ad aria

Fred van der Weij, l’inventore olandese della tecnologia, stava solo cercando un modo per rendere croccante una patatina fritta senza friggere quando, nel 2005, ha iniziato a sviluppare il progetto della friggitrice ad aria. 

I metodi alternativi per fare le patatine fritte a casa propria richiedevano troppo tempo e i risultati erano deludenti. Il forno a convenzione, per esempio, le asciugava troppo. Van der Weij ha impiegato tre anni per sviluppare un prototipo, la sua friggitrice a forma di uovo, prodotta dalla multinazionale olandese Philips, è stata presentata nel 2010 a Berlino. 

Combinava radiazioni a corto raggio e un potente flusso d’aria per riscaldare meglio la superficie del cibo. Oggi è ancora Philips a possedere i brevetti per la tecnologia di Van der Weij. 

L’inventore olandese aveva capito il bisogno di un prodotto simile da parte delle aziende, ma non si aspettava il successo che l’ingegnosa invenzione sta avendo oggi. 

Il suo consiglio per orientarsi nella giungla dei modelli disponibili, con una friggitrice ad aria che costa meno di 50 € (la famosa Silvercrest proposta da Lidl) e un’altra che supera i 200 €, è di guardare almeno a questi 4 requisiti. 

Patate fritte nella friggitrice ad aria
Patate fritte nella friggitrice ad aria senza aggiunta di olio o grassi

1 . Possibilità di regolare la temperatura

Dire croccante è generico. Con la regolazione della temperatura e un po’ di esercizio, si può trovare la temperatura ideale per rendere croccante ogni alimento.

2 . Massima temperatura a 200 °C

Scegliete modelli che raggiungano la temperatura di 200 °C.

3 . Pre-riscaldamento

Anche la friggitrice ad aria va riscaldata prima, come il forno. Se il dispositivo è potente basteranno 3 minuti. Assicuratevi che sia così anche per la friggitrice ad aria che sceglierete.

4 . Capacità del cestello

Lo stile di vita conta. Vi piacciono i pranzi numerosi con gli amici o i famigliari? Non accontentatevi del cestello da un litro. Fatelo, invece, se siete single o vivete in coppia. 

Vale la pena comprare una friggitrice ad aria?

Tre dei migliori modelli di friggitrice ad aria, poco ingombranti e dal design curato

I grandi produttori di elettrodomestici hanno prontamente introdotto nuovi modelli. Ma non si sono limitati a questo, hanno anche aggiunto la funzione friggitrice ad aria ad altri elettrodomestici quali forni tradizionali, a convenzione o alle pentole a pressione. 

Oggi la friggitrice ad aria inserita nel blocco cottura, è l’accessorio più richiesto dalle coppie che acquistano una nuova cucina. Così la friggitrice ad aria sta diventando un dispositivo universale, usato da persone di tutte le età in ogni parte del mondo. 

Le friggitrici ad aria hanno fatto registrare un primo boom di vendite nel 2017, poi, complice la pandemia, hanno iniziato a riempire le cucine degli italiani. 

Tanto che nel 2020 rappresentavano già i due terzi del mercato totale delle friggitrici. Nel 2021 poi, le vendite hanno raggiunto un picco, con una crescita del 66% rispetto all’anno precedente. 

Per comprendere l’ossessione di molti italiani per la friggitrice ad aria, aiuta tornare agli anni Cinquanta del secolo scorso, quando i grandi produttori hanno appreso che la consistenza croccante è quella più desiderata dai consumatori. Noi italiani diciamo che fritte sono buone anche le suole delle scarpe.

Ma per rendere croccante un alimento servivano dosi elevate di olio e calore, non facilmente disponibili a ogni pasto in un ambiente domestico. Oggi invece si può avere la friggitrice ad aria come accessorio della propria cucina.

E più le friggitrici ad aria diventano un punto fermo, più i produttori aggiungono funzionalità e resistenze elettriche per friggere, arrostire, grigliare, disidratare, cuocere a pressione o alla griglia. 

E oggi gli italiani che comprano una friggitrice ad aria, ne scelgono spesso una con molte funzioni, anche se probabilmente ne useranno solo alcune.

Ricettario vegano

Carciofi arrostiti alla perfezione in una friggitrice ad aria

La popolarità raggiunta dalla friggitrice ad aria ricorda l’ascesa del forno a microonde negli anni ’70. 

Le grandi aziende pensavano che i cuochi domestici avrebbero usato il microonde solo per riscaldare i pasti surgelati, alla fine invece si sono moltiplicati gli usi alternativi. Negli Stati Uniti, in particolare, che chi ha cotto un intero pollo nel forno a microonde. 

La friggitrice ad aria si può usare anche per preparare ricette vegane o vegetariane. Dalla colazione ai dolci, dagli impasti alle impanature senza uova, alle mille idee per cucinare il tofu, fino alla possibilità di disidratare un mango. 

Tutto questo al prezzo di un consumo notevole di energia elettrica, compreso tra i 700 e i 2.000 watt. Ma il risparmio non manca, visto che l’olio necessario alla frittura non si compra e il gas per riscaldare la padella non si accende. 

È soprattutto la salute a guadagnarci, aspetto da non sottovalutare, considerato l’impiego di poche quantità di olio e di grassi che porta ad assumere il 70% di calorie in meno rispetto a una classica frittura.