Finger food per il buffet di capodanno

35 finger food per Capodanno: da fare in anticipo, di pesce, facili

35 finger food per il buffet di Capodanno: gustosi ma facili, da preparare in anticipo, di pesce, carne, frutta e verdure

Ricette

A Capodanno i finger food, letteralmente “cibo da mangiare con le dita”, sono diventati un’abitudine immancabile. Nascono da un’esigenza: la cena in piedi. 

Il finger food, inteso come modo informale di presentare, è una soluzione semplice e gustosa per le occasioni importanti, ad esempio per imbandire la tavola del buffet freddo di Capodanno. 

Il finger food maggiormente apprezzato a Capodanno si allontana dall’idea di stuzzichino banale, per diventare un boccone piccolo ma succulento in cui si concentrano i sapori. Anche pratico perché spesso si può fare in anticipo. 

Vi abbiamo proposto 60 menu (con tanto di prezzi) per il cenone di Capodanno 2023 al ristorante ma, se festeggiate in casa l’arrivo del nuovo anno, vi diamo spunti e idee per finger food in grado di stupire: ricette facili, veloci, gustose.

Cibo da prendere con le dita, da toccare, da afferrare con le mani senza paura di sporcarsele (tanto poi si leccano con goduria, in barba all’etichetta…). 

Capodanno: 25 finger food veloci, facili ma gustosi

Finger food sushi
Finger food a base di sushi

16 Finger food di pesce

1 – Baby zucchina con alice marinata

A– Cuocete a vapore per 2 minuti le zucchine, dividetele e scavatele al meglio, ma senza romperle. 

B– Frullate la polpa che avete estratto insieme a qualche zucchina ed emulsionatela con poco olio e pochissima senape. 

C– Guarnite le zucchine con alici marinate e condite con l’emulsione.

2 – Bicchierino di calamaretti con fagiolini e peperoni

A– I bicchierini non possono mancare nel buffet freddo dei finger food di Capodanno. Saltate gli anelli di calamaretti in poco olio, poi toglieteli e nel loro fondo saltate i fagiolini verdi sbollentati. 

B– Mettete nei bicchierini prima i calamaretti, poi i fagiolini, poi il peperone rosso cotto in forno, pelato e tagliato a julienne.

C– Condite con 1 filo di olio.

3 – Blinis con uova arancione

A– Dividete in 4 dei blinis.

B– Spalmateli con poca panna acida e guarnite con uova di salmone mescolate a uova sode tritate e cipollotti tritati, lasciati a bagno per 10 minuti e ben scolati. Usare il prezioso caviale nero è costoso e da parvenu.

4 – Caponata di melanzane con gambero al vapore

A– Riducete in dadolata la melanzana e rosolatela con un po’ di soffritto di cipolle e un po’ di salsa di pomodoro. 

B– Mettetela in barchette o vol-au-vent e guarnite con scampetti sgusciati e cotti a vapore per 2′ e poca salsa di pomodoro.

Finger food per Capodanno da fare in anticipo

5 – Carpaccio di scampi con riso freddo

A– Cuocete a risotto, bello sodo, con il brodo, del riso, poi spruzzatelo con poco aceto di mele e lasciatelo raffreddare in una teglia. 

B – Formate delle piccole palline, guarnite con scampi crudi aperti a libro e uniti per le code e condite con pesto senz’aglio.

6 – Spiedino di anguilla in agrodolce e sesamo

A– Riducete a metà in un pentolino aceto di mele e zucchero.

B– Spennellate delle anguille affumicate con questa glassa e spolverate con semi di sesamo leggermente tostati. 

C– Servitele su spiedini alternati a cubetti di pane tostato.

7 – Spiedino di branzino e pancetta tesa

1 – Marinate il branzino in olio e paprika. 

2 – Rosolate in padella la pancetta. 

3 – Mettete su spiedini fettine di branzino scolate e asciugate, quadrotti di pancetta e dadini di pane tostato, alternandoli.

Spazio alle ciotole

8 – Ciotola con soba e seppioline

A– Nella tavola del buffet di Capodanno non possono mancare i finger food presentati nelle ciotole. Cuocete dei soba, spaghettoni cinesi, scolateli, lasciateli raffreddare, spezzettateli e metteteli in piccole ciotole. 

B– Guarnite con seppioline tagliate a julienne, marinate con olio e zenzero grattugiato e saltate per un nonnulla.

9 – Ciotola con tagliatelle al cacao e vongole

A– Fate delle tagliatelle arricchite con cioccolato amaro grattugiato. Cuocetele, scolatele, lasciatele raffreddare e spezzettatele. 

B– Condite con poco olio, mettetele in una piccola ciotola e guarnite con vongole cotte ed erba cipollina.

10 – Crema di peperoni e scampetti

A– Cuocete in forno, pelate e frullate i peperoni. 

B– Metteteli in una piccola ciotola e guarnite con scampetti sgusciati e cotti a vapore per 2′. 

C– Condite con poca panna acida.

11 – Crocchetta di patate con aringa affumicata

A– Fate un purè di patate ben sodo, addensatelo con pangrattato leggermente tostato, legate con tuorli, riducetelo a crocchette e friggetele. 

B– Quando sono fredde, spennellatele con aceto di mele e guarnite con aringhe affumicate, dissalate in birra, strizzate e tagliate a fettine. Una presenza che non passa inosservata tra i finger food di Capodanno.

“Mangiarini” a base di sushi

Passaparola Bottega Contemporanea Vinovo sushi piemontese
Stuzzichini a base di sushi

12 – Sushi di carpaccio di manzo

A– Tagliate del sedano a metà per il lungo, tagliatelo poi a bastoncini di circa 8 cm e cuocetelo a vapore per 2′. 

B– Arrotolate delle fettine di carne cruda sui bastoncini di sedano, lasciandolo libero nei 2 ultimi cm e fate marinare in sale, pepe, olio e limone. 

C– Impugnate dal lato privo di carne e gustate.

13 – Sushi di risone con olive e sgombro marinato

A– Cuocete a risotto sodo la pasta risone, condite con olive verdi denocciolate e sminuzzate e poco olio, passate in una teglia, distribuite e lasciate raffreddare.

B– Tagliatelo a dadi e guarnite con filetti di sgombro marinato in olio, vino bianco, zucchero di canna e sale.

14 – Tartina di calamaretti e prosciutto crudo

A– Altro grande classico del buffet di Capodanno a base di finger food. Saltate in padella gli anelli di calamaretti con poco olio e 1 spicchio di aglio. 

B– Fate essiccare in forno le fette di prosciutto crudo. 

C– Spalmate fette di pane con formaggio caprino e guarnite con il prosciutto tagliato a fettine e i calamaretti.

15 – Tartina di cappasanta e zenzero rosa

A– Saltate in padella delle noci di cappesante con poco olio e 1 spicchio di aglio, poi sminuzzatele. 

B– Tagliate a julienne dei pomodorini. Mescolate le cappesante con i pomodorini, profumate con zenzero rosa e pepe rosa. 

C– Condite con poco olio e mettete su fettine di pane nero tostate.

16 – Yakitori di tacchino e polpo in agrodolce

A– Saltate in padella con poco olio il tacchino tagliato a dadini. 

B– Bollite il polpo. 

C– Inserite su spiedini bocconcini di tacchino e di polpo, alternandoli a cubetti di pane tostato. 

D– Spennellate con una salsa agrodolce e servite.

9 finger food per Capodanno senza carne

17 – Bicchierino di crema di fagioli fredda all’aceto balsamico

A– Frullate 2 terzi dei fagioli, quelli che volete, cotti con poco olio, mescolateli all’altro terzo e condite con aceto balsamico ridotto a metà in un pentolino. 

B– Metteteli nei bicchierini e guarnite con gherigli di noci sbriciolati.

18 – Blinis con verdura e frutta

A– Preparate dei piccoli blinis.

B– Piegateli a metà e riempiteli con mele, pere, albicocche secche, sedano e carote, tutti tagliati a dadini e uvetta messa a mollo nel tè e strizzata.

C– Guarnite con una salsa agrodolce.

19 – Centrifugato di carota al melone

A–Centrifugate le carote, mescolatele con poco riso bollito.

B– Mettetele nei bicchierini e guarnite con bresaola tagliata a julienne e cubetti di melone.

20 – Cetriolo farcito di spinaci, yogurt e pinoli tostati

A– Tagliate a bicchierino il cetriolo, scavatelo e cuocetelo a vapore per 4 minuti.

B– Riempitelo di spinaci cotti, tritati e saltati in padella, yogurt greco e pinoli leggermente tostati.

Stupire con i rösti

21 – Rösti di patate con guacamole al peperoncino

A– I rösti sono piccole frittelle di patate tipiche della cucina svizzera. Un’ottima idea se, con i finger food di Capodanno, si vogliono stupire gli ospiti.

Frullate la polpa di 1 avocado e mescolatela con 1 peperoncino verde tagliato a julienne finissima. 

B– Cuocete dei Rösti già pronti, si trovano nei migliori supermercati, lasciateli raffreddare e spalmateli con la crema.

22 – Cubo di riso e latte con frutti di bosco

A– Cuocete il riso con latte bollente a risotto sodo, profumando di zucchero e vaniglia. 

B– Passate in una teglia, lasciate raffreddare, tagliate a dadi e guarnite con qualche frutto di bosco.

23 – Tartina di pomodori, basilico e cipolle

A– Pelate delle cipolle rosse, tagliatele sottili e fatele marinare in aceto di mele.

B– Sbollentate, pelate, private dei semi e tritate i pomodori. 

C– Guarnite delle fettine di pane tostato con le cipolle scolate, i pomodori, basilico spezzettato e poco olio.

Le uova protagoniste

24 – Uovo al tegamino con pomodori essiccati

A– Mettete a mollo i pomodori essiccati in acqua tiepida per 30’°, poi scolateli e strizzateli. 

B– Cuocete fritte delle uova di quaglia. 

C– Prendete una fettina di pane tostato e guarnite con i pomodori, l’uovo e un po’ di salsa di pomodoro.

25 – Insalata di frittata

A– Fate delle frittate a piacere ma sottili. Lasciatele raffreddare e tagliatele a listarelle. 

B– Mescolatele in una larga ciotola con insalate varie, verdure crude e cotte tagliate a julienne e quello che più vi aggrada. 

C– Condite con prodigalità e servite.

5 finger food facili ma d’effetto per Capodanno

Finger food polpo
Finger food a base di polpo

3 finger food di pesce

26 – Animelle alle ostriche

A– (Per 2 persone). Aprite 12 ostriche, estraete il mollusco e spezzettatelo. 

B– In una ciotola mettete 1 cucchiaio d’olio, 2 cucchiai di Marsala, 1 spicchio d’aglio (che alla fine eliminerete), le ostriche, la loro acqua e insaporite con pepe. Lasciate marinare per 1 ora. 

C– Intanto avrete messo a mollo in acqua fredda 300 g di animelle per un paio d’ore, quindi le avrete trasferite in una casseruola colma di acqua fredda, portate a bollore e cotte per 5 minuti.

D– Scolatele ed eliminate i dotti e la pellicola che le ricopre. 

E– In un tegame scaldate 2 cucchiai di soffritto di scalogni, unite le animelle e fatele colorire. Sfumate con 1 bicchierino di vino bianco e cuocete per 4 minuti. 

F– Versate la ciotola con le ostriche e 30 g di roux, regolate eventualmente di sale e cuocete a fuoco vivo per 1 minuto.

7 strati di salmone

27 – Tartine di salmone setteveli

A– Sbattete il formaggio caprino per renderlo soffice e spumoso, unite buccia e succo di un limone, erba cipollina. Salate e pepate, lavorate ancora.  

B– Fate una pila con le fette di pane e tagliatele a forma rettangolare di dimensioni 12 cm. x 9 cm.  

C– Mettete le fette in un unico strato una accanto all’altra.  

D– Stendete uno strato di crema di formaggio, poi uno strato di fette di salmone (con le forbici da cucina tagliatele in modo che abbiano la stessa forma del pane). Fate altri due strati, uno con la crema di formaggio, l’altro con le fette di salmone. Fate un ultimo strato di crema di formaggio.  

E– Sistemate i bordi in modo che siano lineari e mettete in frigorifero a rassodare.  

F– Quando mettete in tavola tagliate ogni fetta di pane in otto parti e completate ogni pezzo con un po’ di caviale di salmone.

28 – Cocktail di gamberi o di scampi

Fatto bene è buono, fatto banalmente, come nel 99 per cento dei ristoranti che lo propongono, è orrido. Fatelo bene.

A– In una ciotola mettete, a testa, 2 cucchiai di maionese, un po’ di ketchup, 1 schizzo di salsa Worcester, poca paprika, 1 schizzo di panna liquida, 1 schizzo di Cognac.

B– Mescolate delicatamente con un cucchiaio di legno.

2 finger food di carne e verdura per Capodanno

Club sandwich finger food capodanno
Club sandwich per il buffet di Capodanno

29 – Il club sandwich

A– Per fare un buon club sandwich di regole ce ne sono poche. Il pane deve essere pancarré, integrale o meno, di segale o di quant’altro, possibilmente appena sfornato. Le fette possono essere lasciate intere oppure tagliate triangolari o rettangolari, spesse circa 1 cm. Si tagliano 3 fette uguali e si tostano leggermente. 

B– La prima fetta viene spalmata, da un solo lato, con burro, maionese o salse varie, ma prevalentemente varianti della maionese. Si mette questa fetta su un tagliere e la si copre con foglie di insalata e con un ripieno. Salumi, pesci affumicati, carne arrosto o bollita e chi più ne immagina più ne metta, tutti tagliati a fettine sottili: fra i più canonici, insalata di pollo, carne arrosto e gamberetti cotti a vapore. 

C– Si chiude con la seconda fetta, spalmata da ambedue i lati. Si mette un secondo ripieno, uguale o diverso a piacere (ma non mescolate arrosto di maiale e gamberetti…), si copre di pomodori tagliati a fette e si chiude con una terza fetta, spalmata naturalmente solo sul lato che va a combaciare. Che la prima fetta sia guarnita di lattuga e la seconda di pomodori è piuttosto canonico. 

D– Meglio proporlo su un piatto e gustarlo utilizzando coltello e forchetta: è un finger food di Capodanno sui generis perché mangiato in piedi si sbriciola facilmente.

Le torte salate

30 – Torta di carciofi

A– (Per 6 persone). Pulite 6 carciofi, tagliateli a spicchietti e metteteli in una ciotola piena d’acqua acidulata con il succo di 1 limone.

B– Sgocciolateli e fateli insaporire con 1 filo d’olio per 5 minuti, versate mezzo bicchiere di vino bianco secco e lasciate evaporare. 

C– Salate, pepate, unite 4 cucchiai d’acqua calda e 4 cucchiai di soffritto di cipolle, incoperchiate e cuocete per 15 minuti. 

D– Passateli al passaverdure e mescolatevi 2,5 dl di besciamella e 50 g di parmigiano grattugiato; aggiungete 1 mozzarella e 100 g di prosciutto cotto a dadini.

E– Foderate fondo e bordi di uno stampo di 28 cm di diametro rivestito con carta da forno con 300 g di pasta sfoglia e stendete sulla sfoglia il composto. 

F– Coprite con altri 200 g di pasta, sigillate i bordi e punzecchiate la superficie con uno stecchino. 

G– Spennellatela con 1 tuorlo diluito con 2 cucchiai d’acqua e cuocete in forno a 190° per 35 minuti.

2 finger food esotici per Capodanno da fare in anticipo

Onigiri
Onigiri in versione finger food

31 – Onigiri

Un po’ snack, un po’ vera pietanza, l’onigiri è legato alla grande famiglia del sushi. Siccome è una monoporzione si presta a stuzzicare l’appetito come fanno i finger food.

A– Lavate il riso a chicco corto e fatelo cuocere per 15 minuti poi lasciatelo intiepidire. 

B– Fate bollire il salmone per il ripieno.

C– Mentre il riso cuoce preparate il ripieno scottando il salmone e schiacciandolo, così da ottenere una poltiglia.

D– Assemblate una piccola polpetta ripiena unendo riso e pesce e dandole la classica forma triangolare degli onigiri.

32 – Nachos

Si mettono in tavola con qualche ciotolina di salsa al formaggio, o si intingono (se non proprio tuffano) nel guacamole.

A– Fate la fontana con la farina di polenta, mettete al centro il sale e l’acqua e lavorate fino a quando avrete ottenuto un impasto omogeneo.

B– Avvolgete nella pellicola da cucina e fate riposare per un’ora.

C– Stendete l’impasto utilizzando due fogli di carta da forno. Ritagliate i nachos con il coppapasta e dividete in spicchi.

D– Friggete in olio finché gli spicchi non saranno ben dorati.

E– Trasferite poi su carta assorbente, salate e servite. 

3 stuzzichini come al ristorante

Finger vegetariano
Stuzzichini vegetariani

33 – Palline di Capodanno 

Piaceranno a chi ama sorprendere anche nel buffet freddo del cenone di Capodanno a base di finger food. In realtà è una tartare di gamberi e insalata di radici in sfera trasparente (per 6 sfere).

Sale all’arancia:

  • 2 arance non trattate
  • 2 cucchiai di sale grosso
  • 1 cucchiaio di grani di pepe bianco e nero

Tartare di gamberi:

  • 18 gamberi freschi
  • un pezzettino di zenzero fresco
  • succo d’arancia
  • olio extravergine di oliva

Insalata di radici:

  • 2 carote di colori diversi
  • 4 ravanelli di colori diversi
  • 1 finocchio
  • 1 pezzetto di daikon
  • 1 pezzetto di sedano rapa
  • 1 ciuffo di cerfoglio o dragoncello
  • 1 limone
  • sale
  • olio extravergine di oliva

Iniziamo dal sale all’arancia

A – Con il rigalimoni ricavate la scorza delle due arance e fatela essiccare in forno per 2 ore a 60 °C. Lasciatela raffreddare e tritatela finemente in un mixer con un pizzico di sale grosso. Unite ancora due cucchiai di sale grosso, uno di grani di pepe bianco e nero e tritate grossolanamente. 

B – Conservate il condimento ottenuto in vasetti di vetro avendo l’accortezza di chiuderli, oltre che con il coperchio, con un quadrato di stoffa che ne assorba l’umidità residua.

Tartare di gamberi

A– Sgusciate i gamberi, tenendo da parte teste e gusci, e tritateli a coltello per ottenere una tartare. Trasferite in una terrina e condite con il sale all’arancia, un filo d’olio e una spruzzata di succo d’arancia al quale è stato mescolato dello zenzero fresco grattugiato. 

B– Lasciate marinare per qualche minuto, poi, utilizzando un coppapasta, inserite nella sfera trasparente.

Insalata di radici

A– Con un pelapatate o una mandolina affettate sottilmente tutte le radici. Preparate una citronette leggera con 1 cucchiaio di succo di limone, 2 di olio, il dragoncello o il cerfoglio e il sale ai fiori.

B– Condite le radici e inseritele nella sfera. Ecco pronto un sorprendente finger food per il buffet di Capodanno.

Formaggio, noci e funghi

34 – Crème brûlée allo zafferano, con noci e funghi caramellati 

(per 12 cocottine)

Crème brûlée salata:

  • 200 ml di panna fresca liquida
  • 200 g di Parmigiano grattugiato
  • 100 g di Montasio grattugiato
  • 3 uova
  • 30 g di burro
  • 2 g di pistilli di zafferano
  • pepe bianco

Noci e i funghi caramellati:

  • 50 g di funghi porcini secchi
  • 50 g di noci sgusciate
  • 50 g di zucchero di canna
  • 20 g di burro o olio extravergine di oliva
  • pepe nero e scaglie di sale

A– Sbattete le uova con la panna e una macinata di pepe, unite i formaggi e amalgamate i pistilli di zafferano. 

B– Imburrate 12 cocottine di ceramica o stampi da crème brûlée e versatevi il composto cremoso. Sistemate le cocottine in una teglia da forno, versate a filo dell’acqua fino a tre quarti dal bordo e infornate per 20 minuti, finché la crema si sarà rassodata. 

C– Nel frattempo sminuzzate in un mixer i funghi secchi e le noci. Scaldate un filo d’olio o una noce di burro in padella, unire il trito di funghi e noci, 2 cucchiai di zucchero di canna e una macinata di pepe; saltare per qualche minuto, fino a che lo zucchero inizierà a fondere rivestendo il trito di una una leggera caramellatura.

D– Togliete le cocottine dal forno, distribuite su ognuna un po’ di trito croccante e caramellato, spolverate con qualche scaglia di sale, lasciate intiepidire e servite.

Finger food: l’orto di Capodanno

35 – Finger veg

Base:

  • 150 g di formaggio di capra cremoso
  • 2 cucchiai di crème fraîche o panna acida
  • 2 cucchiai di erba cipollina tritata
  • 1 cucchiaio di pepe nero pestato e bagnato con un goccio di grappa
  • sale e pepe

Terra:

  • 2 fette di pane nero
  • 2 fette di pan speziato
  • 2 cucchiai di nocciole pelate e tostate
  • 50 g di burro

Per “piantare”:

  • ravanelli
  • indivia
  • radicchio tardivo
  • puntarelle
  • verza
  • funghi

Base

A– Mescolate il formaggio di capra con la crème fraîche, salate, pepate, incorporate il pepe insaporito con la grappa e l’erba cipollina tritata. 

B– Versate in una terrina grande o 6 terrine individuali e conservare in frigorifero.

Terra

A– Asciugate in forno medio-basso (ventilato a 140 °C) le fette di pane nero e di pan speziato per 20-30 minuti, lasciatele raffreddare e tritatele in un mixer (è preferibile lasciare il pane all’aria per qualche giorno affinché si secchi naturalmente). 

B– Tritate grossolanamente le nocciole e unitele al pane tritato. Fondete il burro in padella, unite il pane e le nocciole e rosolate per qualche minuto, finché la “terra” non sarà lucida e ben condita.

Piante

A– Lavate e asciugate tutte le verdure (se si preparano prima, conservatele in acqua e ghiaccio fino al momento dell’utilizzo).

B– Versate la terra sulla crema di formaggio e “piantare” le verdure, disponendole a piacere.

Cocktail per l’aperitivo

Aperitivo finger food
Aperitivo e finger food

Insieme agli antipasti finger food da servire a Capodanno, in attesa del cenone vero e proprio, non possono assolutamente mancare i cocktail. Con tanto di set da aperitivo, uno dei regali di Natale più gettonato.

In genere i cocktail sono pensati secondo le funzioni pre-dinner (aperitivi), after dinner (digestivi e “a tutte le ore”) e dissetante.

Si preparano con tecniche diverse. Direttamente nel bicchiere con ghiaccio, se gli ingredienti hanno un peso specifico simile (è il caso di bitter, vermouth e seltz, preparando un Americano).

Versati gli ingredienti, mescolate con cura usando il cucchiaino lungo (bar spoon) e aggiungete, se è nella ricetta, la decorazione.

Anche i pestati come la Capirinha si preparano nel bicchiere schiacciando con un pestello gli ingredienti solidi, prima di mettere il ghiaccio a scaglie. (Se manca il tritaghiaccio, avvolgete alcuni cubetti in uno strofinaccio pulito per poi frantumarli con un pestacarne).

Usate un mixing glass, il capiente bicchiere in vetro di un boston, per unire ingredienti affini da versare filtrando nel bicchiere. Versate le dosi indicate nel mixing colmo di ghiaccio, si mescola e si versa nel bicchiere trattenendo il ghiaccio con l’aiuto dello strainer (passino).

Se gli ingredienti sono dissimili tra loro per densità si usa lo shaker: il continentale se c’è panna nel cocktail o il boston per amalgamare succhi, liquori, distillati e sciroppi. Imparate ad usare il boston: è scenografico ed efficace.

Per preparare un “frozen” o una “colada” adoperate il frullatore. 

3 cocktail famosi da abbinare ai finger food di Capodanno

Negroni
Un paio di Negroni cocktail

1 – Aperol Spritz

A– In un bicchiere tumbler oppure in un calice da vino con lo stelo mettete del ghiaccio.

B– Aggiungete nell’ordine, 6 cl di Aperol, 9 cl di prosecco e una spruzzata di soda,, mescolate leggermente e completate con mezza fettina d’arancia.

2 – Negroni, il cocktail più ordinato nel mondo

A– Versate 3 cl di ogni ingrediente nel classico bicchiere tumbler on the rocks, partendo dal più alcolico, dunque il già menzionato gin, il vermouth rosso e il Campari. 

B– Mescolate delicatamente insieme al ghiaccio e unite una scorzetta d’arancia. 

3 – Daiquiri

Il Daiquiri rientra tra i cocktail alcolici alla frutta, vista la presenza del lime: è un aperitivo di tipo sour, cioè a base di distillato, succo e dolcificante. Originario dei Caraibi, è famoso per essere il drink preferito di Hemingway, nella variante a lui dedicata. 

A– Per prepararlo serve lo shaker: al suo interno mettete 6 cl di rum bianco, 2 cl di succo di lime fresco, 2 cucchiai di sciroppo di zucchero oltre al ghiaccio.

B– Agitate il composto qualche istante e versate, filtrandolo con uno strainer in una coppetta da cocktail.