Le castagnole di carnevale al tempo dello strutto

Ricette

Lo strutto. Ingrediente quasi dimenticato per una frittura buona, cara, antica e sana. Dicono.

E per fortuna c’era uno strutto che faceva capolino dalla dispensa fresco fresco di lavorazione.

La tradizione, l’antico passaggio di generazione in generazione, è il tasto su cui giocare una ricetta semplice semplice come quella delle castagnole che sulla tavola di Pitigliano sono sempre arrivate prive di crema o di ricotta.

Nell’attesa che il dibattito si infiammi sulla ricotta, scaldate lo strutto e preparatevi a un martedì grasso con una nota di sapore in più.

castagnole_ricetta_carnevale_ingredienti

  • Ingredienti
    600 gr. farina
    150 gr. zucchero
    1 bicchiere olio
    1 bicchiere di liquore (grappa o Alchermes)
    Buccia limone grattugiato
    1 bustina di lievito per dolci
    3 uova

castagnole_ricetta_carnevale_preparazione

Metti in un vassoio le tre uova e sbattile. Aggiungi un bicchiere di olio e uno di liquore, la buccia grattugiata, la bustina di lievito per dolci e unisci tutto con la farina. L’impasto va lavorato fino a quando sarà ben amalgamato.

castagnole_ricetta_carnevale_frittura

Disponi lo strutto nella padella e riscaldalo bene. Aiutati con un cucchiaio per far scivolare l’impasto nello strutto bollente.

Lascia dorare intensamente le castagnole, sollevale e appoggiale su un foglio di carta assorbente.

Sistemale in un vassoio e spolvera con zucchero a velo.

Vanno servite calde (ma tanto le mangiano anche fredde se per caso riescono a freddarsi).

Foto: Francesco Arena