Piatti raccapriccianti. Blumenthal e l’hamburger da cellule staminali

Tempo di lettura: 1 minuto

L’hamburger del futuro nascerà nei laboratori olandesi di Maastricht, la cittadina che dopo aver sdoganato la libera circolazione nei Paesi dell’Europa Unita si avvia a scrivere il proprio nome nella storia della gastronomia mondiale. Ne dà notizia repubblica.it rilanciando l’idea dell’hamburger artificiale, di cui avevamo già parlato, ideato da Mark Post che ha annunciato i risultati della ricerca a Vancouver, Canada.

L’hamburger nascerà da cellule staminali e servirà a salvare il mondo dalle pericolose emissioni di metano che aumentano il riscaldamento climatico peggio del co2 e ad evitare che il raddoppio della domanda mondiale di carne da qui a 40 anni stremi la capacità dell’agricoltura già utilizzata al 70% per gli allevamenti.

Tutto bene allora? Come affermato da Mark Post, la tecnica permette di creare hamburger a partire da qualsiasi animale. Solo che bisognerà lavorare separatamente sul sapore e capire quali componenti della carne producano effettivamente il gusto.

In attesa che vi riprendiate dall’unica e vera “scomposizione di hamburger”, sappiate che il prototipo dell’hamburger 3.0 è costato la bellezza di 250 mila €. A cucinarlo Heston Blumenthal del ristorante Fat Duck. Per realizzare l’hamburger saranno necessarie 3 mila strisce di questi piccoli pezzi di muscolo di 3 centimetri di lunghezza e mezzo millimetro di spessore (cresciuti nel siero delle staminali della foto accanto) unite a qualche centinaio di analoghi pezzi di tessuto adiposo.

Chissà chi saranno i fortunati critici che assaggeranno questo piatto che potremmo catalogare alla voce raccapriccianti (ma sempre meno peggio dello shit hamburger, sì l’hamburger di m….)

3 Commenti

  1. All’improvviso Propaganda, Tricolore, Mama Burger ecc ecc sono diventati infinitamente economici. E pensate alla vostra coltura casalinga a temperatura controllata. Brrrr, mi vengono i brividi :mrgreen:

  2. L’hamburger artificiale servirà a salvare il mondo dalle pericolose emissioni di metano che aumentano il riscaldamento climatico. Più che food 3.0 a me sembra si tratti dell’annuncio di un messia-supereroe. Ma dove andremo a finire? Se è vero che siamo ciò che mangiamo, mangiando sta roba diverremo cavie da laboratorio e, con il tempo chissà…magari utilizzeranno la nostra carne per farci hamburger. E questo in nome del riciclaggio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui