Quando ho visto la foto di Gino Sorbillo, “neo-pizzaiolo” di Via dei Tribunali a Napoli, e Raffaele Vitale, chef-architetto di Casa del Nonno 13 (che riaprirà a settembre dopo la pausa agostana), davanti a un forno artistico in Calabria a Praialonga mi è venuto in mente Radici, il romanzo e il serial tv anni ’70 con Kunta Kinte grande protagonista del ricordo.

Gino Sorbillo oggi festeggia il compleanno (ancora lontano dagli anta) ed è completamente infatuato dalla pizza e dalla sua storia. Merito del gene di zia Esterina e di una famiglia molto allargata nella precedente generazione (21 figli) che ha contribuito ad ingrossare le fila dei pizzaioli.

Sorbillo rappresenta quella nouvelle vague di, appunto, neo-pizzaioli che hanno iniziato a studiare con attenzione la pizza dopo un periodo piuttosto lungo di oblio dovuto alla scarsa considerazione dell’attività di pizzaiolo. Una considerazione piuttosto sociale, direi: meglio il figlio laureato che pizzaiolo che di fatto ha creato un buco con la vecchia scuola.

Esistono, per fortuna, i personaggi che legano i due mondi, ma i neo-pizzaioli sono i rappresentanti di quella filosofia che attinge dal passato per valorizzare il presente e guarda con attenzione al futuro. Enzo Coccia è uno di questi ponti e, senza considerare l’anagrafica per nessuno, Gino Sorbillo ne è la punta più avanzata insieme a Ciro Salvo, Franco Pepe, Salvatore Salvo, Gianni La Mura, Attilio Bachetti, Maria Cacialli, Pasqualino Rossi, Michele Leo, Salvatore Di Matteo, Dell’Amura piuttosto che Francesco Aiello a Vico Equense.

A settembre, Gino Sorbillo celebrerà ancora una volta la pizza a modo suo. Dopo l’incendio che aveva messo a repentaglio il suo locale, via dei Tribunali potrà contare sulla Casa della Pizza. Un luogo di studio e di sperimentazione con materiali raccolti pazientemente da Gino e un forno per la sperimentazione. Una casa che promette di avere molti ospiti. Chissà dall’oliera sfregata quale genio della pizza uscirà a indicare il futuro di uno dei piatti che maggiormente rappresenta la tavola italiana nel mondo.

Per ora, tanti auguri, Kunta Pizza 🙂

4 Commenti

    • Forse avrai notato che parliamo di pizzaioli dell’area campana. Non so dei farmaci, ma sicuro conosco gli occhiali per la vista corta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui