Dalle 12 alle 24 di una domenica. 12 ore per farsi conoscere e per far apprezzare la nuova formula del Club delle Cuoche, a Roma. Un po’ scuola di cucina, un po’ punto di ristoro all’ora della pausa pranzo, un po’ location da prendere in affitto per avere a disposizione 2 cucine e un robusto numero di tavoli e sedie: quello che manca a casa vostra ma in un appartamento che è un po’ casa vostra.

E’ questa la formula della felicità a tavola che il duo Luisanna Messeri, volto noto della tv ai fornelli e non solo, e Maria Castellano, esperta panificatrice con tratti seriali, hanno messo a punto e promozionato in maniera divertente in una maratona in cui si sono succeduti ospiti e cucinieri, appassionati e curiosi, compresi vicini di casa del tranquillo edificio che ospita al 4° piano il club.

Facce sorridenti, stomaci anche, tanti piatti, amici a sostenere e a mettere a posto bicchieri-piatti-stoviglie come l’instancabile Paola Mencarelli (ora owner della premiata ditta L’olio Mencarelli in vendita da ‘Ino a Firenze), Gourman, Chiara Valzania.

Come si mangia al Club delle Cuoche? Bene in un’atmosfera informale con gli strepitosi fegatelli di Fracassi (che ha allungato anche un po’ di salumi) e la pasta di Rummo che è stata proposta in un paio di salse più o meno piccanti tra spaghetti e mezzi paccheri (e tra gli addetti già si faceva il rapporto qualità-prezzo a 3.20 € al kg) officianti anche la coppia Luca e Antonio (Giordano) quest’ultimo direttamente dal Romeo super star di Prati.

Sul lato bevanda, un grazie allo champagne Jacquesson che è andato a nozze anche con il pane delle feste proposto in diverse ondate da Maria Castellano (che oltre ai lieviti si intende di divise per i ristoranti) sulla base della sua ricetta al miele per l’occasione condita da uvetta. E poi lo strudel. Mai troppo abbondante per i circa 300 (!!) ospiti della maratona golosa di Roma.

Il Club delle Cuoche. Via Romagnosi, 20. Roma

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui