Roma. Bistrot 64, indirizzo da ricordare con menu degustazione a soli 35 €

Tempo di lettura: 3 minuti

Emanuele Cozzo

Le ‘stelle’ e a volte non illuminano tutto il panorama gastronomico. Ce ne siamo accorti provando un posto nuovo che non è nemmeno nella Guida del Gambero Rosso 2014. Di Bistrot 64 a Roma, accanto al Maxxi e alla gelateria Neve di Latte ne avevamo sentito parlare dagli amici e ne avevamo letto in anteprima su queste pagine. E siamo restati sorpresi e soddisfatti per il cibo, la cortesia e il servizio. Talentuoso il giovane chef Emanuele Cozzo che ci ha conquistati con qualche trovata gustosamente inaspettata.

[related_posts]

Un bistrot che è bistrot soltanto di nome se vi riferite a proposte minimali e veloci. La cucina, infatti, è raffinata. I piatti saporiti, composti con accostamenti non banali.

Due le degustazioni che scegliamo (che bello potersi scambiare i piatti grazie al doppio degustazione) e li prendiamo entrambi: “La Légère” e “Le Bistrot”, rispettivamente 35 € per 4 portate più amuse bouche, dessert e piccola pasticceria, e 50 € per 6 portate più amuse bouche, dessert e piccola pasticceria. Li prendiamo con la degustazione vini in abbinamento (15 e 18 €).

amuse bouchefinta tartare di salmone affumicatamazzancolle crude e cotte

Già l’amuse bouche e la finta tartare di salmone affumicata con clorofilla di sedano, zenzero e chutney di cipolla rossa – fa presagire una cena al di sopra delle aspettative.

Ma quello che ci ha colpiti davvero sono stati due primi.

Tagliolino al nero di seppiaRavioli di burrataRisotto alle ostriche

Leggendo sul menu  “Tagliolino al nero di seppia aio e oio e con croccante di pane al peperoncino” abbiamo pensato a un piatto senza troppe pretese. Invece ci siamo stupiti a litigarci le forchettate e a fare avidamente la scarpetta. Stessa scena davanti ai ravioli di burrata, burro d’Isigny, acciughe del Cantabrico e fiori di zucca. Saporito! E non vorrei dimenticare il risotto alle ostriche.

foie gras, visciole, sorbetto alla pescacoulis di fichi e prosciutto croccantecervelletto di polpo

Il foie gras con pan brioche, visciole e sorbetto alla pesca tabacchiera non è brioso perché la nota sapida è latente (troppo nascosta). Stesso discorso per la coulis di fichi con gelato ai fichi, fagiolini e prosciutto croccante. Ma poi arriva il cervelletto di polpo: uno di quei piatti che impressiona e ti ritorna in mente la sensazione piacevole di averlo assaggiato anche a distanza di tempo.

Pollo sui carboniPollo sui carboni, spuma di pesche, platano croccanteCarbonara di baccalà

La cena è andata avanti portata dopo portata, sorpresa dopo sorpresa. Ci giunge voce che il Bistrot 64 goda anche della consulenza dello chef nipponico Noda Kotaro, che ha lasciato il Magnolia di via Veneto per andare a Copenaghen a fine mese.

DolceDolce Bistrot 64Piccola pasticceria

Quando restiamo soddisfatti anche davanti ai dolci non abbiamo più dubbi: il giovane chef farà strada e consigliamo a nostra volta agli amici di provare la cucina (con i prezzi  ancora non illuminati dalle stelle) di questo felicissimo bistrot romano.

Abbiamo pagato 125 € in due e anche l’abbinamento con i vini ci è piaciuto. Cosa chiedere di più?

[Forse le note veloci di Nico aka Tenente Drogo

  1. Stracciata di polpo, topinambur, brodo di polpo tiepido e salicornia. Piatto delicato, equilibrato
  2. Mortadella di pollo con senape alla porchetta. La descrizione evocava un sapore molto deciso, mentre è un piatto molto delicato (secondo me anche troppo)
  3. Risotto alle ostriche. Ottimo. Il profumo dell’ostrica e l’odore del mare ti penetrano nelle narici con decisione. lo stile non sembra quello del classico risotto con il chicco tostato, ma ci sono delicatezza e cremosità contrapposte
  4. Dessert Tiramisu 64. Un abbondante classico e godurioso tiramisu servito in un vasetto Bormioli sfiziosissimo
  5. Carta dei vini. Bella, per niente banale da cui abbiamo pescato un Cremant de Limoux]

Bistrot 64. Via Guglielmo Calderini, 64. Roma. Tel. +39 06.3235531

[Daniele Amato]

8 Commenti

        • A prescindere che in questo ristorante sono andate due coppie in momenti diversi (se tanto ci tiene alla connotazione etero), ma il commento che aggiunge informazioni (…) non lo banniamo per ricordarci del nome del commentatore…

  1. Ci vado spesso a pranzo l’altro giorno una carbonara e una cacio e pepe da urlo tiramisu ottimo come la piccola pasticceria

  2. Buongiorno a tutti,
    grazie per le stimolanti e gradite parole spese ed i consigli dati.
    ci preme però fare una piccola precisazione sulla voce riportata, non esiste alcun rapporto di consulenza con lo Chef Kotaro Noda, in realtà stiamo,con l’amico Kotaro,ragionando su eventuali futuri progetti comuni.
    Grazie ancora e complimenti per l’ottimo lavoro che fate
    A presto!
    Bistrot 64

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui