Mangiare come un milionario nei 10 ristoranti più belli del mondo

Tempo di lettura: 5 minuti

Per chi ci crede, mangiare è già di per sé una delle attività umane per cui vale la pena vivere. Ma immaginate di poterlo fare godendovi, proprio mentre cenate, la vista su alcuni dei paesaggi più belli del mondo.

A stilare la più recente lista dei più spettacolari ristoranti del globo terrestre è il sito statunitense Firstwefeast, che segnala 10 locali la cui location è semplicemente mozzafiato. Dimenticatevi per un attimo la vista su piazza San Marco o la cena sul trabocco abruzzese, qui si sta parlando di pasti da un milione di dollari. Forse non in ciascuno di questi casi la qualità dei piatti raggiungerà livelli eccelsi, ma in linea teorica la modestia degli alimenti sarà ampiamente ricompensata dal ‘cibo per gli occhi’. Insomma, andate oltre la lista solo Italia della collezione Estate.

1. Piz Gloria, Mürren, Svizzera

Piz Gloria Schilthornbahn

Ad alimentare le ambizioni di top location del Piz Gloria concorrono il fatto che si trova a quasi 3000 metri di altezza, che può essere raggiunto solo con la funivia e che alcune scene del sesto film della saga di James Bond, Al servizio segreto di Sua Maestà, furono girate qui nel lontano 1969.  Come se non bastasse, il locale si autodefinisce il primo ristorante panoramico rotante del mondo, dato che è in grado di compiere in un’ora un giro completo sulla valle bernese.

2. Ngorongoro Crater Lodge, Riserva naturale di Ngorongoro, Tanzania

Ngorongoro Crater Lodge

Anche se formalmente si tratta di un hotel, cenare in questo resort africano ha tutte le carte in regola per mettere i brividi. Situato sul punto più alto del cratere di Ngorongoro, la più grande caldera intatta del mondo, offre una vista preferenziale sulla foresta abitata dalla fauna locale. Occhi aperti, mentre si brinda, sui rinoceronti neri e sui leopardi.

3. Seven Glaciers Restaurant, Alyeska Resort, Alaska

Robert Mondavi Wine Dinner at Seven Glaciers

Valutato AAA Four Diamond, il ristorante dell’Alyeska Resort è nascosto tra i Monti Chugach a più di 1000 metri di altezza: per raggiungerlo dall’hotel bisogna prendere una funivia. Chi c’è stato giura che la vista e i piatti tipici serviti come il salmone dell’Alaska meritino una simile ‘scalata’.

4. The Cube, itinerante

the cube

Per ora ha girato per luoghi tutto sommato canonici, come piazza Duomo a Milano o la cima dell’arco trionfale del Parco del Cinquantenario a Bruxelles, ma il solo immaginarlo sul tetto di un grattacielo o a strapiombo sulle cascate fa una scena ben diversa. Progettato dalla società svedese Electrolux, The Cube misura 140 metri quadrati e può ospitare fino a 18 persone: finora vi hanno cucinato gli chef stellati di tutto il mondo, da Bart De Pooter a Claude Bosi fino a Daniel Clifford.

5. Baan Rim Pa, Thailandia

baarimpa

Per chi preferisce le atmosfere marine, affacciato sulla baia di Patong trova casa questo ristorante thailandese abbarbicato sugli scogli e famoso per la cantina dei vini particolarmente fornita. Perfetto per un bicchiere di Le Pin con il sottofondo delle onde dell’Oceano Indiano.

6. Snow Village, Finlandia

SnowVillage

Ogni dicembre, apre le sue porte in Finlandia lo Snow Village, un complesso disposto su oltre 20000 metri quadrati completamente ricavato nel ghiaccio che comprende lo SnowHotel, l’IceBar e l’Igloo Disco. Tutto, lì dentro, è costruito con la neve, dai muri alle colonne fino alle statue e ogni anno è edificato con forme diverse rispetto all’anno precedente. Un capolavoro multiforme intagliato nel ghiaccio. Un avvertimento: non ha niente a che fare con gli Ice bar sulle piste da sci di Sankt Moritz o con quello di Manhattan. Qui siamo nel cuore della Finlandia, a soli 200 chilometri dal circolo polare artico e le temperature – fuori e dentro – sono abbondantemente al di sotto dello zero.

7. Dinner In The Sky, itinerante

Dinner-in-the-sky

Anche in questo caso la vista è garantita dall’altezza. Ma, al contrario, qui non si tratta di montagne, ma di un sedile da 22 posti appeso a una gru. Se l’idea di consumare il pasto allacciati a un’imbragatura e sospesi a 50 metri di altitudine vi attira, le difficoltà potrebbero essere soltanto due: la vostra altezza (il minimo consentito per salire è 1 metro e 50) e il prezzo: ci si deve preparare a sborsare all’incirca 200 euro.

8. Villa Escudero, Filippine

Villa-Escudero

A Villa Escudero, una piantagione di cocco e zucchero di canna che dal 1981 è visitabile anche dai turisti, il pranzo è servito su tavoli in bambù a pochi centimetri dalle cascate e i piedi dei commensali sono immersi nell’acqua. Un pasto forse un po’ umido, ma certamente non convenzionale.

9. Ithaa, Maldive

Ithaa

Da una scalinata che parte dalla spiaggia dell’Hilton Conrad Maldives, un lussuosissimo resort sull’isola di Rangali, si scende di cinque metri e si arriva all’Ithaa (perla, in maldiviano) Undersea Restaurant, il primo locale completamente sott’acqua, immerso nelle limpidissime acque dell’arcipelago. Mentre si cena a base di grigliate e carpacci di pesce, si possono ammirare al di là delle lastre di vetro trasparenti esemplari multicolori dell’Oceano. La prenotazione, va da sé, è da effettuare con debito anticipo e i prezzi si aggirano attorno ai 200 euro per persona a pranzo (momento della giornata consigliato per sfruttare la luce diffusa dal sole di mezzogiorno).

10. Yellow Treehouse Restaurant, Nuova Zelanda

Casa-sull'albero

Il sogno delle case sull’albero diventa realtà. O almeno, a nord di Auckland, in Nuova Zelanda. Arroccato sulla cima di una sequoia alta 40 metri, l’abitazione è un vero e proprio capolavoro dell’architettura verde. Delle listelle di legno da cui entra la luce formano una forma a goccia sospesa nel vuoto perfettamente integrata con l’ambiente circostante. Inoltre, grazie ad alcune coperture termiche, anche in caso di pioggia si potrà salire a cenare all’asciutto.

E voi lettori che siete girovaghi e amanti dell’eccelso, avreste qualche indirizzo panoramico da sottoporre a tutti noi, Italia inclusa?

[Link: firstwefeast. Immagini: Flickr/Schilthornbahn, restaurantandtravelblog.blogspot.itGizmodo, Filckr/Jurga M.,Flickr/Daniel Nicholson, letsgomaldives.com, claudiarchitecture.wordpress.com]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui