Sbanco apertura nuova pizzeria pub Roma

Domani apre Sbanco, la nuova pizzeria che è anche cucina e pub. Come sia venuto il locale della triade Callegari (Sforno-Tonda-Trapizzino), Pucciotti (Epiro-The Italian Job – BarleyWine e altro ancora), Campari (Birrificio del Ducato) lo avete visto in anteprima qui su Scatti di Gusto.

Un pomeriggio di preparativi per allestire l’accoglienza dei circa 500 invitati alla giornata di rodaggio in vista dell’apertura di domani sera. Tanta stampa, tante facce amiche, produttori e mangiatori seriali.

I numeri dicono 600 palline preparate e più di 2.000 supplì mandati a friggere. Prosciugato l’equivalente del laghetto di Monterosi dalle 15 spine.

Nell’allegra e persino ordinata serata – considerati i numeri – sono riuscito finanche a vedere i motivi per cui bisognerebbe andare (e pagare) da Sbanco in un esercizio di virtuosismo che applica ai singoli assaggi il coefficiente di inaugurazione, sottrae il gratis e moltiplica per il caos.

Poi sta a voi decidere se rischiare, far rodare, cassare, attendere la guida Michelin, affidarvi a TripAdvisor. O esaminare i 10 punti proposti.

10 motivi per andare da Sbanco

pizza Margherita Sbanco

1. Visto che di attività commerciale si tratta, partiamo dai prezzi. Una Margherita a 7,50 € come la giudicate? Buona, anche se il registro del pomodoro virava un po’ troppo sulle note acide. Per le bruciacchiature c’è l’esimente altoforno (coda al banco).

impasto pizza Sbanco

2. L’impasto, invece, è sempre quel piacere di leggerezza che Stefano Callegari ha messo a punto in diversi anni di prove e che è diventato patrimonio anche di Valerio Piccirilli.

Stefano Callegari

3. Le invenzioni. Non è che ogni giorno Stefano Callegari può inventarsi un concept modello Trapizzino, ma questa Monaca con porchetta abruzzese spiega bene l’apporto che la cucina può offrire a un pizza – pub.

Valerio Piccirilli

4. Ci sono i buoni maestri e i bravi allievi: Valerio Piccirilli ha imparato l’arte per cui la domanda da fare non è “Callegari c’è sempre a Sbanco”, ma “chi va ora a Tonda?”

suppli amatriciana

5. Chi fa il migliore supplì di Roma? Pizzarium di Gabriele Bonci, La Gatta Mangiona di Giancarlo Casa o Sbanco di Callegari? Ma no, Sforno o Tonda. Provate questi all’amatriciana e poi sappiate dirci (2,50 €).

Sarah Cicolini

6. Prima esisteva il ristorante pizzeria con overdose di carboidrati pizza+primo piatto. Ora la cucina serve a mettere d’accordo la comitiva indecisa tra ristorante e pizzeria e soprattutto a dare nuova verve al disco di pasta. Sarah Cicolini parte con un ruolo da comprimaria, ma tenetela d’occhio e non solo per la porchetta o l’anatra.

pizza carbonara

7. È sempre difficile pensare a un diversamente carbonara. Da Sbanco è routine goduriosa.

supplì Epatico

8. Ritorno sui supplì. In questo caso Epatico (3 €) che è sempre difficile trovare da Sforno o da Tonda per questioni di linea di cucina. La Cicolini dovrebbe essere garanzia di maggiore continuità per gli ingredienti e cioè coratella d’abbacchio, fegatini di pollo, fegato di maiale, fegato di vitello, lardo (fatevi descrivere la preparazione da Callegari se vi capita: è poesia).

pizza Testa RossaCampari da Sbanco

9. Uno dei soci, come detto, è Giovanni Campari che fa birra. Ma in attesa che arrivasse dal Ducato con tutta la birra, i suoi soci sono andati a comprare il Campari. Quello che finisce nella pizza Testarossa (12 €). Non c’entra la Ferrari, ma la coppa di Testa con il Campari – appunto – è una strizzicata di buccia d’arancia. Un Campari pizza e un po’ di goliardia.

Pucciotti e Mastro Titta

10. Birra a fiumi e a ondate. La lista da cui attingere è corposa e prevede rotazioni. Non ci sarà solo la birra del Birrificio del Ducato che invece ha montato in vetrina i fermentatori. Quindi Sbanco fa da pub ma anche da birrificio con fermentazioni “a vista” e spillature in diretta. La presenza di numerosi birrafondai come Manuele Colonna e Giorgio Mastro Titta per me sono garanzia di successo ad oltranza.

Sbanco Callegari cucinaassaggio pizza Sbanco servizio Sbanco pizzeriapizza patate e pancetta

Di motivi ne ho trovati 10 altrimenti i numeri dispari sembrano brutti.

Ora tocca a voi andare da Sbanco e dire no, proprio non va.

Apriremo una discussione a suon di supplì, patate, pancetta e quinto quarto?

Sbanco. Via Siria, 1. Roma. Tel. +39 06.789318

[Immagini: iPhone Vincenzo Pagano]

12 Commenti

    • Ecco o il primo della concorrenza o uno abituato alle pizze del kebabbaro!
      La pizza deve essere così! Non mi pare carbonizzata ! Io me la mangierei una prima di sparare stupidaggini!!!
      Io ci sono stato e nonostante sono uscite 500 pizze una dietro L altra erano tutte perfette! Pur essendo tutte gratis! Con un po di tranquillità penso che chi le fa (che poi è solo il campione mondiale di pizza) possa stupire pure te che non sai di cosa parli!

  1. Fanno vedere le partite oppure si sono accodati ala moda “No non le famo vede perché sennò la gente se mena?” (cosa mai vera tra l’altro)

  2. Un locale si frequenta(più degli altri) per diversi motivi:
    e non sempre tutti i motivi sono presenti in una scelta individuale.
    (per la qualità del cibo, per il sevizio, perché ci vanno gli amici,
    per il rapporto Q/P, perché è vicino casa, perché è di moda,
    perché si possono vedere le partite, ecc…)
    .
    Premetto che Callegari è sicuramente uno bravo, che conosce bene il mestiere: le sue pizze sono buone…ma non sono eccellenti.
    .
    Il difetto di cui soffrono è stato segnalato dai commenti precedenti.
    E non solo in questo post: anche in tanti post del passato che trovate nel web si criticano le bruciacchiature evidenti del cornicione.
    Aggiungo che le grosse bolle del cornicione sono imperfezioni che non possono esserci in una pizza eccellente.
    .
    La pizza rimane sempre buona, ma vanno scartate alcune parti.
    .
    Per chi non mangia il cornicione, ed è la maggioranza degli italiani,
    questo non è un problema.
    E questo può spiegare anche perché molti clienti non ci fanno caso:
    perché il cornicione è soltanto un orpello inutile da lasciare nel piatto.
    .
    Serve soltanto a tenere il pezzo di pizza tra le dita e non sporcarsi.
    .
    …Ma il cornicione è nato per essere anche mangiato.
    .
    Ma, come dicevo all’inizio, un locale si frequenta per vari motivi, comunque.E non perché vuoi una pizza perfetta da mangiare tutta.

  3. scusate ma se sul sito di sforno nella foto della pizza ne compare una bruciacchiata e visto che potevano fare quello che volevano con la foto…. deduco che la facciano bruciacchiata proprio di proposito. A me piace cosi e mi mangio pure la parte che voi chiamate carbonizzata

  4. Il tuo commento contiene 2 enunciati:
    1
    La parte bruciacchiata ti piace e la mangi.
    2
    Le bruciacchiature sono volute:
    a) perché le foto sul sito sono con le bruciacchiature
    b) perché(è implicito) sono buone(ti piacciono)
    .
    1
    Le bruciacchiature possono piacere e non soltanto a te.
    Ed anche in altre preparazioni.Non ci vedo niente di strano.
    Tu pensa che a me piace molto la pasta arruscata e la preparo
    partendo non dalla pasta rimasta ma da una pasta scolata molto al dente
    (e poi, subito dopo, lavorandola ad alta temperatura con il sugo, formaggio, ecc…)
    .
    Questo non significa che siano un pregio.Generalmente sono considerate dei difertti.Ed in tutte le preparazioni.In più, è risaputo, che fanno anche male.E’ celebre il REPORT delle pizze annerite.
    Chiaramente, nel caso del post, siamo in una dimensione inferiore a quelle di Report.
    .
    .
    2
    Per cui non mi sembra accettabile la tua tesi: che siano volute.
    Perché, come ho detto, sono un difetto e fanno male(se ingerite spesso).
    Penso che, piuttosto, sia un male minore accettato da chi fa le pizze
    E’ probabile che, cercando di eliminare le bruciacchiature, si ottiene, poi, una pizza carente da altri punti di vista, per cui hanno preferito non correggere nulla…anche dopo…REPORT.
    E la clientela c’è e sembra dar ragione.
    .
    Io, nel mio primo commento, ho parlato di una pizza non eccellente ma buona lo stesso.
    Giulia, romana de Roma, ha aggiunto che il prezzo per una pizza non eccellente è un po’ alto.
    .
    In conclusione:
    anche se non lo condivido mi è piaciuto molto il tuo commento.
    Perché originale ——> (non CONFORME)
    Ti saluto con simpatia.
    PS
    Da stasera riparte REPORT.In un’intervista di 2 giorni fa, Milena Gabanelli:
    “Conformismo nell’informazione? E’ più facile e non ti fai nemici”
    .
    CONFORMISMO:
    è questo il MALE(uno dei) che affligge non solo la STAMPA(>repubblica)
    ma anche il WEB, i blog compresi.

  5. Ciao! Ma la pizza alla carbonara in questa fotocontent://media/external/file/108925
    È proprio quella di sbanco? È quindi cosí cremosa e non frittatosa come in altri posti?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui