Madre Roma sala

Roma Luxus Hotel. Mai nome fu più azzeccato per questo nuovo tempio del fighettismo romano che è stato declinato benissimo in camere, cocktail bar e – soprattutto – pizza fashion.

Eh sì signori, perché dopo le conosciute declinazioni della pizza napoletana (madre di tutte le guerre), pizza romana, pizza a metà, pizza gourmet, pizza focaccia, pizza canotto, arriva appunto la pizza fashion.

Che sarebbe il ponte tra gastronomico ed entertainment. Ora esiste e si è materializzata in Madre, nome che ovviamente vi dice subito come è fatto l’impasto: lievito madre e almeno 48 ore di lievitazione a temperatura controllata.

Che è quello che ci sarebbe voluto in una serata calda e incendiata per la presentazione dell’annunciata pizzeria che fa il paio con Yugo, fusion bar con cocktail e finger food di Anthony Genovese (e sono due stelle Michelin) aperto qualche giorno prima.

Madre Roma piatto

Al piano pizzeria con tanto di cevicheria (e noi che pensavamo avessimo finito di vedere le parole con suffisso -eria dopo tartareria) che sarebbe il luogo dello ceviche (maschile, mio giovanissimo amico che mi spieghi come nasce l’idea di fare un gazpacho in salsa romana) c’è un’altra stella Michelin, cioè Riccardo Di Giacinto che – dopo aver deciso di trasferire il suo All’Oro dal The First Hotel – è approdato in questo hotel con un investimento importante.

Madre pizzeria Roma 4 Madre pizzeria Roma 5 Madre pizzeria Roma 6 Madre pizzeria Roma 7

Spettacolare, a partire dal pergolato di pothos (si scrive così?) che fa giustizia di inutili tralci di vite, rinfresca ed elimina grappoli caduchi e insetti.

Madre pizzeria Roma 1 Madre pizzeria Roma 2

Spettacolare la sala interna con il cocktail bar che – scommettiamo? – sarà frequentatissimo dalle falangi armate del bevofighettismo ormai affrancatosi dai guru Emanuele Broccatelli e Pino Mondello per citare i più amati dagli appassionati del bere miscelato.

pizza Madre nuova pizzeria Roma

E le pizze? Saranno sfornate da un forno a legna Valoriani inizialmente montato in terrazza ma poi spostato al chiuso e fuori dalla vista (la burocrazia pare abbia le sue strane regole al pari delle difficoltà degli allacci alle utenze).

Le pizze saranno un po’ fashion e un po’ gourmet con modalità a degustazione e farciture messe a punto da Di Giacinto. Alla presentazione ne circolava qualche spicchio ma sarebbe oltremodo ingeneroso descriverle considerate l’affluenza record da ressa allo stadio Olimpico e la calura che terminava la cottura fuori fiamma.

Non resta che attendere anche il menu con le proposte e i prezzi. Dimenticatevi però operazioni pop: la pizza base sarà ben oltre la soglia psicologica dei 10 € e metterà la pizza fashion nell’ambito delle collezioni autunno-inverno e primavera-estate.

Probabilmente vi resterà il dubbio se sarà possibile mangiare una pizza in un ambiente così bello vestiti con un jeans e una maglietta. Rischiare l’effetto Nino D’Angelo anziché Éric Cantona è un attimo.

Ma voi, fate i bravi. Andate, fate i fashion e non i féscion. E fateci sapere se pizza, ceviche e drink vi sono piaciuti.

Madre. Largo Angelicum, 1. Roma. Tel. +39 06 678 9046

[Immagini: Ufficio Stampa Madre, iPhone]

8 Commenti

  1. “Ma voi, fate i bravi. Andate, fate i fashion e non i féscion. E fateci sapere se pizza, ceviche e drink vi sono piaciuti”
    .
    — ——-
    (no comment)

    • perché no comment? il posto è bello lo si capisce e bisogna assaggiare la pizza quando la faranno veramente. forse il prezzo potrebbe essere alto ma sei di fronte al Presidente della Repubblica!!!!!!!

  2. Schematizzando, ho individuato 4 Tipologie di commenti sui food blog:
    1 LIKE
    2 UNLIKE
    3 Commento argomentato
    4 No Comment
    .
    Hanno tutti diritto di essere espressi (Tranne se c’è maleducazione).
    Mi sono battuto sempre perché fosse garantita a tutti la possibilità di esprimere la propria opinione, anche lontana dalla mia.
    Ed ho invitato sempre a partecipare ai dibattiti con OPINIONI DIVERSE: soltanto così, con il confronto di idee contrapposte, si dà vita a qualcosa d’interessante.
    .
    No Comment può avere diverse sfumature:
    io l’ho usato questa volta per esprimere una valutazione negativa del post: dei contenuti e dello stile. Ma non mi andava di argomentare.
    L’alternativa era non intervenire: ho preferito, comunque, dire la mia…in modo sintetico.
    Potevo usare anche il secondo tipo di commento, che è molto simile a questo N. C., ma, alla fine, l’ho preferito per la sua estrema sintesi ed efficacia, consapevole del rischio che si corre sul lato della chiarezza.
    .
    Cara Alessandra D, mi ha fatto tanto piacere il tuo commento. Siamo così pochi, ormai, ad intervenire che ogni parola ha la sua importanza nella dinamica dei dibattiti.
    All’ottanta per cento di chi legge i blog non frega niente dei commenti: legge soltanto e frettolosamente i post e, con un po’ di attenzione in più, le classifiche.
    .
    Si può ESSERE APPASSIONATI di CIBO in tanti modi diversi.
    Si possono avere concezioni del cibo diverse.
    .
    Quello che è difficile è tollerare le opinioni diverse degli ALTRI, lontane dalle nostre.
    Quello che è difficile è esprimere le nostre opinioni cercando di limitare al massimo l’offesa degli Altri.
    .
    Saluti Sinceri
    🙂

  3. Grazie per la recensione, mi segno questo posto nell’elenco di quelli dove non andare mai, e per i prezzi assurdi, e per la degustazione, che non apprezzo: io voglio un pizza intera solo per me, scegliendo il gusto (Margherita) senza l’imposizione di alcuno, tanto più quando così cara.

  4. Sul momento distrattamente invece di “ceviche”avevo letto”Chiaviche”,ma,giuro mi sono ripreso subito.Posti del genere non rientrano nei miei gusti tuttavia trovo legittimo che ognuno spenda i soldi come crede,credendo appunto di spenderli bene.Sarei però curioso di sapere com’è una “pizza fescion”.

  5. Ma cosa volete che valga la pizza & il fashion quando il servizio non ha la cultura dell’accoglienza ! Solo formale gentilezza e null’altro …. sarete pure fascion ma cercate in primis di fare bene il vostro mestiere. Ricordate che le mode passano la sostanza rimane. A non rivederci mai più.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui