Il re della pizza a Firenze sapete chi è: Giovanni Santarpia. Ma ora c’è qualcuno che prova a insidiare il suo primato chiaro e cristallino con una pizzeria che non ha ancora aperto i battenti pur realizzando il primo sold out: la Buoneria, nuova pizzeria di impronta napoletana che inaugura giovedì 2 marzo.

Ancora top secret la location, così come la gestione e il nome del pizzaiolo anche se alcuni sussurrano che potrebbe essere Antonio Starita, reduce dall’apertura a Milano e impegnato come non mai a calcare le orme del più forte pizzaiolo di Napoli, Gino Sorbillo, in un tour di relazioni pubbliche nelle pizzerie napoletane.

Forse il suo fervore – che lo ha portato a considerare che nel nuovo mondo della pizza al tempo del web 2.0 necessita anche di altre attività oltre alla conta dei soldi nel cassetto – ha portato il suo nome sino alle sponde dell’Arno. Nei prossimi giorni sapremo se il fiero avversario della pizza a canotto sta provando ad allargare ulteriormente i confini del suo impero (oltre a Milano ha aperto una pizzeria insieme a Antonio Caporuscio a New York) o se si tratta di voci simili a quelle che volevano prossimo lo sbarco a Firenze di Franco Pepe. Voce poi cassata dalla realtà dei fatti.

Di certo si sa che viene direttamente da Napoli e porta con sé una ricetta originaria di inizio Novecento.

Eppure l’opening di giovedì prossimo è andato esaurito nel giro di poche ore. Mentre in rete spopolano i teasing-video e le grafiche ispirate alle carte da gioco toscane, ecco cosa sappiamo fin qui della misteriosa Buoneria.

L’impasto

Sarà ottenuto da farine di grani particolari, materie prime di nicchia reperite da piccoli produttori campani. A fare il resto, l’estro creativo dei pizzaioli napoletani Doc.

Le pizze

Una decina le pizze in carta, firmate dal team di uno dei guru napoletani del settore. A quelle stabili, se ne aggiungeranno ogni mese un paio realizzate con ingredienti freschi di stagione. Immancabili la pizza fritta e gli stuzzichini della tradizione napoletana.

La location

Assolutamente segreto il luogo dove sta per aprire la Buoneria (sul sito campeggia un’ironica via Segreta, 37). Ma si sa che il posto ha subito un ingente restauro per ospitare il ristorante, oggi totalmente rinnovato e family friendly. A dominare su tutto sarà la simbologia della Smorfia napoletana (e qui il richiamo alla fortunata intuizione della Scaramantica di Gino Sorbillo c’è tutto), curiosamente abbinata alla tradizione toscana. E non ci sarebbe nulla di strano se aprisse proprio in zona Santarpia.

Gli orari

Quel che è certo è che il locale seguirà un orario prolungato, a differenza di una classica pizzeria. Alla Buoneria si potrà fare colazione, pranzo e aperitivo, oltre a cenare. E ben presto l’orario potrebbe allungarsi ancora.

Open Day

Esauriti i posti per la data di apertura, il 2 marzo, la Buoneria sta già mettendo in cantiere un paio di Open Day per offrire l’opportunità di assaggiare la vera pizza verace a più persone. I dettagli sono ancora avvolti nel mistero, naturalmente.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui